sabato 23 giugno 2012

nel paese delle meraviglie





Bocca racconta la storia di margini, di sogni decapitati, di ricordi svuotati… dalla finestra io osservo, impotente, non fuggo, non mi scosto, partecipo… in una posa di intenso ascolto, non intervengo, dipinta e immersa nell'oscuro sfondo. Oh, vedi di illuminarmi… penso, ma non lo dico; e tu mi domandi: a che pensi? Alla luce. È difficile. Lo so. Difficile crearla, impossibile riconoscerla. Ma quando ci riesci, quella si estrinseca, la lanci avanti e quella fa un buco enorme, la sposti indietro, perdi l'equilibrio, ci cadi dentro, e cominci a scavarci in mezzo. Ho una gestualità tutta mia, io. Alzo il gomito come per grattare sulle corde con l'archetto, permetto al nonsense di avere un suo perché, tocco leggero e reazione accennata; vigoroso arpeggio ed emozione vivissima. Il taglio è profondo. Quel che ne sgorga è un insieme di ovvietà, di convinzioni infondate, sentimenti poco sottolineati, citazioni inutili… sì, perché più uno cita, meno opina; cosa? Le opinioni, dico, difettano, sono assenti. Dubbi, non so, non sono sicura. Mi piacciono più che So tutto io. Cose intelligenti ce ne sono, ma quando ipocritamente ne cerchi e non ti riesce di trovarne, considerati esonerato. Meglio la noia delle proprie assenze, che l'adagiarsi sulle non presenze altrui. In sostanza… pausa, sosta. Continuo a guardare, attraverso quel tondo, dal buio spruzzato ad arte, una bella cioccolata calda, un rinfrescante tè verde o un caffè elettrizzante: resa debole e allo stesso tempo concreta, mi emoziono, mi piace, mi commuovo, mi lascio possedere e forse, me ne sto rendendo conto, diventa possibile - sinapsi ricucita - l'illuminazione. Mi faccio trascinare a bordo di quelle stupende pagine e parto. Recupererò le chiavi e aprirò in quel delirio d'onnipotenza, in quel mostruoso sdegno, nello sconforto mio al cospetto del fallimento della coscienza. Si può sopportare per anni tale miseria? L'ho sperimentata così da vicino, ho creduto che fosse un punto fermo al quale aggrapparmi, e invece, son precipitata nella desolazione più cupa. Bocca parla di me… cosa? chi? No! Lei! Messinscena sublime, drastica sostanza. Devo caricarmi di coraggio, catturare l'assurdo e orientarmi attraverso gli schermi e per mezzo di nuovi schemi. Sono cambiata, non son più brulla, fasulla e chiusa. Bocca sono ravveduta. Bocca sono io… No, non io!



Passi tratti da Non io - Samuel Beckett, 1973

14 commenti:

  1. Meravigliaio :)))) *
    p.s. vedi, anche se latitante, vengo, e spesso vengo per primo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Film, interpretazione ed ambiente di Alice meravigliosi! Giustamente pazzo, ed giustamente un po' macabro. Un sogno da incubo. Alice stessa è perfetta. Molto speciale. Grazie!

      Elimina
  2. @Alliiiiiiii: che diciiiiii? :)))) latitante ciclista! :*

    RispondiElimina
  3. @Mirino: bentornato! :* sì è macabro, ma di quella stranezza che popola i sogni: io ne ricordo di sogni che avevano la stessa immagine e gli stessi personaggi! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio incubo peggiore, quando ero molto giovane, era abbastanza semplice ed astratto, ma aveva la potenza per terrorizzarmi spaventosamente. Me ne ricordo sempre. Proprio davanti a me, orizzontale nella mia linea di visione, si trovava un genere di cavo vago e vecchio forse di canapa. Questo cavo o spago diventava sempre più stretto stretto ed allo stesso tempo oscillava sempre più.. Un aumento di tensione pazza ed insopportabile.
      Non ho mai saputo ciò che significava o perché sono stato così tormentato per un periodo preciso da questo incubo ricorrente. Senza dubbi c'era una ragione.
      Ma non l'ho mai dimenticato.

      Elimina
    2. ;) i miei incubi son degli spezzoni di film..

      Elimina
  4. due ceste mi paiono necessarie. una per le teste mozze dei sogni e le altre per quelle di proprie noiose assenze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io preferisco che rotolino giù, non me la sento di compiere anche lo sforzo di trasportarle ;)

      Elimina
  5. Risposte
    1. no, è il momento delle pernacchie! :*

      Elimina
  6. Da leggere e rileggere... Impari sempre qualche cosa.....

    RispondiElimina