mercoledì 25 luglio 2012

low profile

Musica






Ho sempre creduto che dire chiaramente una cosa senza peli sulla lingua potesse arrecare offesa. Ma cosa vai a pensare. Bisogna dirle le cose, a scanso di equivoci. A volte mi guardo le mani. Temo che siano diventate foglie. Parlo, ma non mi si capisce. Dico piuttosto… e mi viene risposto che! Piuttosto che? Una pentola in ebollizione. Ecco cosa sono diventato. Un vegetale, simpatico, burlone, ma sempre vegetale. Assumo sempre più l'aspetto e il comportamento di una vecchietta arcigna, cinica e intrattabile. Umore acido. Solo, grotta delle proprie ossa. Sprezzante nei confronti dei più giovani, figli di una società incomprensibile, inconcepibile, insopportabile, degna di dileggio, cazzo significa? disprezzo. Insipida gioventù, non è in grado nemmeno di sfogliare un vocabolario. Rammolliti. Mi ci imbatto per sbaglio, perché, il più delle volte, nutro nei loro confronti una sana e consapevole.. indifferenza, ma quando capita, elenco in maniera maniacale tutta la nomenclatura botanica, i miei amati esemplari, nomi che enuncio con una tale gioia, attendo con ansia i loro enormi sbadigli e le loro scuse affrettate. C'è una grande voragine alle loro spalle. Per la furia di interrompere la conversazione non se ne avvedono minimamente. Godo. Non vorrei altro se non che venissero inghiottiti dalle stesse sabbie mobili in cui sprofondano, giorno dopo giorno; si divincolano, si agitano, come se non avessero mai letto nemmeno un semplice Tex Willer, e quel ch'è peggio chiedono aiuto a chi? A me. Potrei afferrare la mano, l'intero braccio o preferire la testa. Mi son sgraditi, ma ci si deve convincere: il nutrimento della mente è fondamentale e tutte le esperienze sono indispensabili. Nonostante cerchi di opporre resistenza risulto vinto dalla sete di sapere e roso dalla curiosità. Isolato sì, ma non stupido, né inerme. Carnivoro per scelta. Drosera Rotundifolia.

La solitudine è una cosa terribile, perché lascia che l'immaginazione dipinga fin nei particolari quel che forse non andrebbe espresso mai.

Patrick McGrath

20 commenti:

  1. Esperta di botanica? Tu hai il pollice verde, io tutto il braccio ma di 'sti tempi pare che soprattutto la faccia sia propensa a cambiare colore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non mi parlare di pollice verde in questi mesi.. s'è ingiallito: è inutile parlarci, dannoso legger loro passi di libri, metter sù musica :( devo trasferire me e loro in un altro polo, nord, sud, freddo, freddo, freddo! *

      Elimina
  2. altro che sfogliarlo, il vocabolario. dalle nuove generazioni mi aspetto che ne scrivano uno... nuovo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo sfoglierei curiosissima, ma poco interessata! :)

      Elimina
  3. belva
    affamata di carne e sangue.
    Uscita dall'origine
    mondorogoincandescente
    assumo ruolo di pasto:
    il mio
    è destino di boccone
    e mi ci rimetto
    di buon grado.
    Orgoglio maciullato
    nello stridore
    del desiderio:
    la mia vita è incatenata alla tua
    e pur di entrare nel tuo tempio
    mi lascerò sbranare
    dalla tua furia bacchica
    mentre ti accarezzo le fauci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. immagine potentissima! * io mi lascio divorare volentieri

      Elimina
  4. Mi piace quello che scriveva Mario Tronti, le nuove generazioni partono con un handicap culturale: non sanno che cosa sia la cultura politica come corpo a corpo con la storia... A dire il vero l'esperienza è mancata a tutti coloro che sono nati nella II metà del 900, a diversi gradi. Però è possibile rifarsi, recuperare. Quindi chi è giovane non ha scuse!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi sento coinvolta in questa mancanza.. la storia non la impattiamo e non la accarezziamo neppure!

      Elimina
  5. Quindi non ho scuse? Sono fottuto in partenza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo fottuti... in un certo senso è così che noi abbiamo conosciuto il corpo a corpo con la storia ;-D

      Elimina
    2. ma bomba non è un corpo a corpo quello.. è un tamponamento! :p

      Elimina
    3. @Dan: cmq non sei tu il giovane tra i giovani di cui parlo, la tua proprietà di linguaggio e la varietà di espressione ti esclude a priori ;) *

      Elimina
  6. mi è aumentata ancora di più la voglia di sapere!

    RispondiElimina
  7. Per la cultura siamo proprio in fase discendente ora...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. durante la discesa m'imbatto anche in voragini enormi.. :(

      Elimina
  8. sono in tregua olimpica;)
    che poi in effetti se fosse rispettata sarebbe pure una bella cosa.
    anzi forse l'applicherò per conto mio chissà che sia utile a trovare un po' di pace (interiore).
    comunque tanto per parlar chiaro: la solitudine è un lusso (che io posso permettermi hihihi:P)*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ne faccio scorta per quando sono affollata! :)

      Elimina
  9. Sempre tutto chiaro , e diretto come un arco che fa centro con la sua freccia, per merito dell'arciere... Sempre un gran bel post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. XXXXD le metafore olimpiche a iosa! :)

      Elimina