lunedì 4 luglio 2011

occhi neri


Come pupilla, nera; come pupilla, succhiante
la luce - ti amo, perspicace notte.
Dammi voce per cantarti, o progenitrice
delle canzoni, nella cui mano è la briglia dei quattro venti.
Chiamando te, glorificando te, io sono soltanto
una conchiglia dove ancora non s'è taciuto l'oceano.
Notte! Ho già scrutato a sazietà nelle pupille umane.
Inceneriscimi, nero sole - notte!

Non rimarrò ferma, e vedervi camminare. Non son fatta per stare a guardare, transenna a impedire o permettere il transito. C'è in me una forza che si fa strada. Passo dalla terra all'aria. Mi faccio goccia nella nuvola e piovo, dinamica e bella, a sbocciar fiori nel mondo, grandi e multicolore, ci sopravviveranno e creeranno un insieme e una comunione capaci di cambiare presente e futuro. Ti pare che io sia immobile? Vedi piatto? No, ci spostiamo e andiamo verso un fine ultimo. C'è un ordine interno in nome del quale opera il mistero solenne che scorre e attraversa il buio bulbo dei tuoi occhi. Vi aderisco spontaneamente e percorro al contrario la storia, dalla generazione all'accoglienza al disfacimento. Calpesto quella polvere e la sommuovo ed essa viaggia insieme a noi e tu con me. Chiediglielo. Che ci riveli i suoi segreti. Quando e come sia scaturita dalle stelle e sia ricaduta ad illuminarci, per trapassarci e vincerci, per abbatterci e perdersi con noi, su di noi.

Versi di Marina Ivanovna Cvetaeva

34 commenti:

  1. Dio, come sento mie queste tue parole. Spaventosamente belle, come solo tu sai fare. Riferimento ai fiori anche tu? Curioso!

    RispondiElimina
  2. "Vedi piatto? No, ci spostiamo e andiamo verso un fine ultimo"

    RispondiElimina
  3. grande milena! :)

    p.s.: tra un evocazione e un'altra, quando torni tra noi comuni mortali butta 'n occhio alle mail, mannagg... ahah! ;-)
    giovedì c'è il tuo renoir!
    besos :*****

    RispondiElimina
  4. Pur senza essere sfrenatamente psichedelico, mi par di intravedere un orizzonte piatto che, come tutti gli orizzonti, tu più ti avvicini e lui più si allontana, sia di gionro che di notte. E non lo afferri mai tipo il bastone e la carota.
    Sembra di vedere una nebbia tipo "tempo stabile in val padana". O forse è solo polvere?
    Quella del tipo "polvere siamo e polvere ritorniamo"?
    O magari è solo polvere di stelle!

    RispondiElimina
  5. @SerVlad: anche tu? ora salto di là!

    RispondiElimina
  6. @RobyDick: il mio Renoir… / interessano poco i miei! 666)

    RispondiElimina
  7. @Gianni:son già polvere in movimento con le correnti, mi ricompongo momentaneamente e mi decompongo subito dopo.

    RispondiElimina
  8. no no mile', interessano eccome, a me anzitutto!
    che vuoi fare, hai scelto le strade più difficili da percorrere? e su quelle c'è meno folla ;-)

    RispondiElimina
  9. occhi neri
    denti neri
    capelli neri
    faccetta nera... No! Cazzo!
    piedi neri Sì, ecco.

    RispondiElimina
  10. Più nero del nero del batacchio di un manzo in una notte senza luna...
    Mi è tornato in mente Il grande Lebowski.
    Mai fermarsi, Petrolio.

    RispondiElimina
  11. @RobyDick: è la semplicità a rovinarci la vita.. se scegliessimo tutti la via più critica, tutto andrebbe meglio. Che poi difficile.. mah, solo meno immediato, ma molto, molto più soddisfacente!

    RispondiElimina
  12. @JackDoppioJack: piedi neri su percorsi in salita ripida..

    RispondiElimina
  13. @MrJamesFord: capita.. in estate poi, almeno per me, riemergono facilmente mucillagini che in inverno vengono spazzate via da acque tempestose.

    RispondiElimina
  14. Indizi
    -Marina Ivanovna Cvetaeva
    Come spostando pietre:
    geme ogni giuntura! Riconosco
    l'amore dal dolore
    lungo tutto il corpo.
    Come un immenso campo aperto
    alle bufere. Riconosco
    l'amore dal lontano
    di chi mi è accanto.
    Come se mi avessero scavato
    dentro fino al midollo. Riconosco
    l'amore dal pianto delle vene
    lungo tutto il corpo.
    Vandalo in un'aureola
    di vento! Riconosco
    l'amore dallo strappo
    delle più fedeli corde
    vocali: ruggine, crudo sale
    nella strettoia della gola.
    Riconosco l'amore dal boato
    - dal trillo beato -
    lungo tutto il corpo!

    RispondiElimina
  15. mi viene solo questa assonanza discordante, ... Capelli scuri per cogliere il vento Non per velare la vista di un mondo freddo..... Sweet little words made for silence ... mah!

    RispondiElimina
  16. molto ..particolari i versi di Marina Ivanovna Cvetaeva.
    Vedere piatto: a volte mi piacerebbe avere il lusso di vedere piatto, ma nel caos + caos, come si fa?
    Avanti così: sei grande :)

    RispondiElimina
  17. @Giardi: è proprio un giallo…

    RispondiElimina
  18. @Teti: in assonanza con Lhasa sulla quale, per la quale, tra la quale, alla quale, per la quale sto scrivendo un 'post'… il gruppo non è proprio tra i miei preferiti, ma quella donna somiglia molto a me qualche anno fa, io nel freddo (abbagliante di neve) ritrovo e riperdo me stessa!

    RispondiElimina
  19. @Chaillrun: a me capita negli intervalli in mezzo alla confusione e al disequilibrio, il piatto serve a farmi notare con più efficacia le asperità tanto amate.

    RispondiElimina
  20. Ho il sospetto che un fine ultimo non ci sia... questo non impedisce di muoversi, e cambiare presente e futuro.

    RispondiElimina
  21. Il fine ultimo è quello di ogni giorno, l'ultimo e il primo dei miei desideri.. e potrebbe corrispondere al tuo cambio di oggi, ieri e domani, in quest'ordine o inversi!

    RispondiElimina
  22. Nel tuo vibrante esistenzialismo intravvedo ora anche toni intrinseci di forte naturalismo.

    RispondiElimina
  23. uhhhh naturalista… tra un po', orso son già, mi intravedrete, solo, aggirarmi sulla spiaggia della riserva di Torre Guaceto… :)

    RispondiElimina
  24. Già.. "Chiedi alla polvere" Camilla Lopez ;)

    RispondiElimina
  25. Fantastico… anche nel fallimento, Fante/Bandini! :)

    RispondiElimina
  26. se non si avessero qualità feline..

    RispondiElimina
  27. C'è un ordine intero e esterno, che fanno la pioggia e le lacrime, di gioia e di tristezza, secondo il tempo..

    RispondiElimina
  28. Bellissimi i versi di Marina Ivanovna Cvetaeva, e anche quel blu notte con cui li hai riportati, ma stavo diventando orbo e ho dovuto, sob, evidenziarli per poterli leggere! Pensa Milé che invece la scorsa notte avrei preferito anch'io proprio una sana insonnia piuttosto che quel susseguirsi di sogni relativi al documento che dovevo rivedere oggi e sul quale si abbatteva l'ira di colleghi che invece me lo volevano strappare sotto il naso!
    Per fortuna oggi il documento l'ho rivisto senza strappi, e anch'io come te ora che mi sento scarico vorrei trasformarmi in goccia e successivamente piovere...mamma che bella questa figura...sei grandiosa amica mia!
    Un abbraccione nichesco (eheh prima o poi ti tocca provarlo) :-)))

    RispondiElimina
  29. @Mirino: abbastanza vero.. a me funzionano al contrario però :)

    RispondiElimina
  30. @Nicocarissimo: scarica sì, mi sa che una scarica da parte della tua stretta mi farebbe benissimo. Ma di vacanze non se ne parla! Un abbraccione virtuale a te/Maria *****

    RispondiElimina