lunedì 17 ottobre 2011

sigla



Non vorrai mica interrompere il mio flusso di riflessioni? No, non ho mai smesso. E non penso che sarà facile mettere la parola fine. Non riesco nemmeno a farli entrare tutte nella mia valigia di cartone. Ho pigiato quanto più potessi. Ma non si chiude. No. Ho lottato per sbrogliare l'enorme matassa dei sogni, quelli avveratisi e quelli impossibili. Giusto per traslocare leggeri. Ma lascio perdere ancor prima di iniziare. Mi seguano quelli che calzo a pennello. Io smetto la cernita, è inutile e troppo faticosa. Cosa porteresti con te in un'isola deserta? Un libro che consumerei. Un dipinto che userei come tappeto. Un disco da far tormento. Cominci pure il mio esilio. Son pronta all'eclissi. Muovo per prima e penso già alla prossima mossa. È una battaglia quel gioco. Non ti rendi conto finché non ti si scaglia addosso, nero e cattivo e giù, di fianco al fianco, colpita a morte, eliminata. Game over. Ora dopo aver letto due righe, m'adagio su Guernica e dò un giro di manovella, m'addormento.


38 commenti:

  1. Perfetto. Dannatamente perfetto. Parole, musica, foto. E l'anima di quest'opera, perchè di opera di tratta. Geniale..

    RispondiElimina
  2. Cara Petrolio, c'è una poesia della Merini che mi piace tanto e credo userò per l'urna. sono certa che la conosci.
    l'avevo sul vecchio blog, ma ne ero gelosa e sul nuovo non l'ho messa, mi sembra perfetta per commentare questo post, ma potrei sbagliare, in ogni modo spero ti faccia piacere condividerla con me.

    Lascio a te queste impronte sulla terra
    tenere dolci, che si possa dire:
    qui è passata una gemma o una tempesta,
    una donna che avida di dire
    disse cose notturne e delicate,
    una donna che non fu mai amata.
    Qui passò forse una furiosa bestia
    avida sete che dette tempesta
    alla terra, a ogni clima, al firmamento,
    ma qui passò soltanto il mio tormento.

    RispondiElimina
  3. c'è un tuo tema ricorrente, quasi che questa consapevolezza dell'impossibilità d'interrompere il flusso nasca sia da stimoli interni che, altre volte, da esterni; e poi quell'impossibilità ti appaga

    RispondiElimina
  4. @SerVlad: comincerò a farla mia quando sarà giunto il tempo di lasciarla ad altri… :)

    RispondiElimina
  5. @Teti: la tua è una delle interpretazioni possibili… tu e io siamo in quel sogno-realtà che è storia in mezzo alle due sigle, si può cambiare l'ordine… come ho pubblicato su twitter, penso più alla Guglielminetti o alla Rosselli. Le italiane in versi che più mi rappresentano. Mi piace (personami) però conoscere le lettere che ti disegneranno e ti racconteranno nel flusso 'terreno' *

    RispondiElimina
  6. potresti portare anche un pugnale, serve sempre un pugnale...ah, non dimenticare degli accendini!!

    RispondiElimina
  7. @Roby: è un tema ricorrente sì, non mi paga, ma m'appaga, hai ragione! e lascio qui i versi della Guglielminetti:

    "Ed ha il torpor d’alcune notti estive,
    in cui ci s’addormenta indolenzite
    dallo spasimo oscuro d’essere vive".

    RispondiElimina
  8. @UbiMinor: mannooooooo! mangio tutto crudo… e a mani nude! :))))

    RispondiElimina
  9. amelia l'una, amalia l'altra?
    ben strana analogia:)
    sì, beh, vedrò di restare ancora un po' a disegnare alfabeti, giusto perchè lo dici tu;) buona giornata!

    RispondiElimina
  10. porta anche un portatile e una chiavetta, sennò che cazzo leggo io?

    RispondiElimina
  11. Ma se i sogni si avverassero tutti non sarebbe noioso?

    RispondiElimina
  12. Mi raccomando, che sia un giocoso scherzetto, e non un modo petrolizzato per dire che vuoi chiudere il blog... Altrimenti, anche se disprezzo i violenti, potrei darti tante tante botte... :-))))

    RispondiElimina
  13. Ammettiamo che i sogni e le memorie siano parte essenziali di ognuno di noi.
    I sogni avveratisi lo sono, poiché li abbiamo vissuto e sono memorizzati nell'angolo vellutato delle nostre menti. I sogni impossibili si può metterli a parte da soli in una scatola, perché col passaggio di tempo non si sa mai. Un sogno impossibile oggi può diventare un sogno che si avvererà domani, perfino in un'isola deserta.
    Quindi laggiù forse la cosa più preziosa e utile, a patto che ci si trova di che mangiare e bere, sarebbe finalmente l'umiltà.

    RispondiElimina
  14. Ho intravvisto qualcosa che mi fa attendere ulteriori sviluppi.

    RispondiElimina
  15. Se si potesse, mi basterebbe portarmi quell'Aria. Sennò, che ci vado a fare in un'isola deserta?

    RispondiElimina
  16. Non c'entra nulla, ma pensavo che prima o poi si potrebbe tentare un post alcolico in società!

    RispondiElimina
  17. E cinematografico, ovviamente. ;)

    RispondiElimina
  18. @MrJamesFord: come non c'entra? Più alcolico di ciò che scrivo.. :))) il problema è il 'quando' ma sapremo metterci d'accordo *

    RispondiElimina
  19. @Giardi: grazie, leggerti mi dà ulteriore pazzia! *

    RispondiElimina
  20. @WebRunner: hai perfettamente ragione, ne devo scegliere una..

    RispondiElimina
  21. @Alpepex: esatto, come dicevo a Ford, son due le sostanze! :)

    RispondiElimina
  22. @Adriano: ho paura che non riuscirei mai ad esaurirla ;)

    RispondiElimina
  23. Troppo forte, anche volendo, non possiamo bloccare quel flusso ...è naturale.

    RispondiElimina
  24. @Mirino: il sogno più possibile di tutti per me! ;)

    RispondiElimina
  25. @Alli: tu ci sguazzi alla grande! * Aspè :)

    RispondiElimina
  26. @ZioScriba: per ora sì, ma mi sto meravigliando della mia costanza! :)

    RispondiElimina
  27. @Baol: non ho mai avuto dubbi al riguardo. E' proprio così! ;)

    RispondiElimina
  28. @MagneTico: XXXXXD quando si sarà esaurita la carica provvedi tu? *

    RispondiElimina
  29. @Teti: mi piacciono tantissimo! *

    RispondiElimina
  30. @Fulvio: bello scherzo m'hai combinato! Vedi di rifarti vivo.. porc..

    RispondiElimina
  31. giusto per andare fuori tema e giusto per rafforzare l'invito a negare qualunque tipo di selezione, di autocontrollo sul flusso dei pensieri, delle parole mi è venuto in mente questo verso:

    detto alla neve: "non mi abbandonerai mai, vero?".

    Zanzotto.

    :)

    RispondiElimina
  32. Nemmeno eccessivamente fuori tema… :)

    RispondiElimina