venerdì 11 novembre 2011

una metà



La superficie è umida. Ha piovuto tanto e non è riuscito ad asciugarsi. È tutto impastato: sabbia, erba, dita, capelli, velo. La scrivo, la mia iniziale, ci riesco. Sarà l'introduzione, sarà il prologo, l'ultimo granello di interesse si sta perdendo dopo essersi aggrappato tenacemente nelle mie unghie e forse non terminerò nemmeno quel discorso intimo, l'autoanalisi, la consapevolezza che ci sia qualcosa che non va, non procede, non sfocia, non trova l'alveo suo naturale. Può accadere. Non si è tutti uguali.
C'è chi semplifica e chi deprime lo scoramento, chi perde la capacità d'amare e chi spalanca al delirio, affronta a viso aperto o segue con lo sguardo la linea lontana dell'orizzonte e a cuore in mano decide di chiudere, fermarsi e contemplare, appollaiata su una pila di sedie, le figure in movimento: la posizione privilegiata di chi sceneggia, dirige e assiste, suggerisce, legge e traduce le proprie sensazioni.
La mia opera, completata o no, s'è già resa nota, ermetica metafora, eredità di tante pagine che han messo a nudo e han vestito, il dono essenziale, il più apprezzato, il più saturo, il più appagante. Ne conservo l'impronta, ma l'ho già riciclato. Altri ne godranno più di me.
A me basta un distillato, che sia sincera essenza del dopo che già dipingo, del prima che è già accaduto, dell'ora che si emancipa dal comune, dall'abitudine di esagitare il proprio sapere e di esporlo su una mensola a prender polvere, dalla speranza che lo si apprezzi e lo si elogi e non lo si critichi… cosa morta da piangere e da seppellire. Incipit per nulla rassicurante. Chi crede di sapere s'irretisce delle proprie capacità di terminati, s'annoia e rimane immobile; chi sa di sapere si avventura tra i tableaux vivants e si perde nelle note e ignote, calpesta i frammenti, si slega dalle rigide strutture e vomita: l'apparenza mesta, il sorriso di circostanza, la vacuità dei rituali, le illusioni, le tradizioni, le costrizioni.
Il cumulo si dissolve alla luce di una lucidità estrema che si materializza, ingloba e precipita nel colore, si ciba di drammi quotidiani e nutre un unico quadro, passione pura, e come tale brucia, distrugge, ricrea.
A volte è facile essere me.

24 commenti:

  1. A volte è facile, il bello sta tutto lì.

    RispondiElimina
  2. "C'è chi semplifica e chi deprime lo scoramento, chi perde la capacità d'amare e chi spalanca al delirio"

    IO spalanco al delirio

    RispondiElimina
  3. anche a me, giusto un distillato grazie...

    RispondiElimina
  4. Essere sé stessi è SEMPRE facile, come lo è il dire la verità.
    Difficile è sopportarne le conseguenze in un mondo di ipocriti.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  5. Spero di non essere mai completamente lucido.

    RispondiElimina
  6. una metà e l'altra le fa compagnia, suppongo.
    due mezze solitudini ne fanno una intera da chiudere in un barattolo da conserve e riporre ordinatamente in qualche dispensa.
    ma che meraviglia quando lo apri!
    da lontano arriva anche meglio l'aroma.
    la distanza da tutto regala agli altri il meglio che siamo capaci di dare.
    insieme a loro si perde, va a male, inacidisce.
    resisti Petrolia, un giorno sarai fiera e felice di questa fatica!

    RispondiElimina
  7. ammiro la tua lucidità nell'autoanalisi.
    in questo periodo sono tremendamente confusionario con me stesso.

    RispondiElimina
  8. Mi ricorda del vuoto e della depressione sentiti dopo che si abbia terminato un'opera esigente. Prima si è contenti e soddisfatti sapendo che si ha fatto qualcosa di bene, poi vengono tali sentimenti stranamente negativi come se si volesse soltanto vedere la debolezza di ciò che si aveva compiuto. Occorre quindi nasconderla e fare un passo indietro..

    RispondiElimina
  9. -Erich Fried
    lasciarti essere te
    tutta intera
    Vedere
    che tu sei tu solo
    se sei
    tutto ciò che sei
    la tenerezza
    e la furia
    quel che vuole sottrarsi
    e quel che vuole aderire
    Chi ama solo una metà
    non ti ama a metà
    ma per nulla
    ti vuole ritagliare a misura
    amputare
    mutilare
    Lasciarti essere te
    difficile o facile?
    Non dipende da quanta
    intenzione e saggezza
    ma da quanto amore e quanta
    aperta nostalgia di tutto-
    di tutto
    quel che tu sei
    Del calore
    e del freddo
    della bontà
    e della protervia
    della tua volontà
    e irritazione
    di ogni tuo gesto
    della tua ritrosia
    incostanza
    costanza
    Allora
    questo
    lasciarti essere te
    non è forse
    così difficile

    RispondiElimina
  10. Mi piacerebbe molto, ogni tanto, smetterla con l'autoanalisi :/

    RispondiElimina
  11. penso seriamente che tu potresti co-sceneggiare un film con Von Trier. seriamente...

    RispondiElimina
  12. Chiapperi è da un pezzo che non ti vedo e mi ero perso questo magico pezzo. Un bacio e buona domenica (e anche sabato, per quello che resta).

    RispondiElimina
  13. @MrJamesFord: bello, brutto, soggetto difficile io da trattare e da auto comprendere! :)

    RispondiElimina
  14. @InneresAuge: ci avrei scommesso.. :P

    RispondiElimina
  15. @Alpexex: te ne verso subito un po'.. o ne hai anche tu, immagino :)

    RispondiElimina
  16. @ZioScriba: sì è quello l'aspetto più difficile, ma qualcuno deve pur farlo 666)*

    RispondiElimina
  17. @Lorenzo: io non corro pericoli.. :/

    RispondiElimina
  18. @Teti: credo di esserlo anche un po' adesso, e comprendo benissimo, questa è la via, forse l'unica. Lo sappiamo fin da subito ;)

    RispondiElimina
  19. @OnlyMe: non credere, ci metto un bel po' per digerirla e vomitarla in parole..

    RispondiElimina
  20. @Mirino: è proprio così. E questa, immagino, sarà la mia più grande e duratura opera incompiuta

    RispondiElimina
  21. @Baol: a chi lo dici.. Ma so già sarà impossibile

    RispondiElimina
  22. @RobyDick: dici? mhhhh.. non ne usciremmo vivi! :)

    RispondiElimina
  23. @Alli: sono parecchio assente.. perdono! :( è un piacere risentirti! *

    RispondiElimina