mercoledì 23 novembre 2011

smarriti

Stiamo sprofondando. In mano lo scettro. Dito sul pulsante. Pigiamo più volte per farli fuori. No. Li stiamo solo scacciando l'intervallo breve per ritornare sul canale duecentosessantatre. Ritorno al futuro. Si parte. Metti insieme un po' di notizie ché le si spara nello spazio. Immagini e lettere. Articoli e inviti. Verifica. Significato. Pensa. Che impegno è? Non esprimiamo più nemmeno un buon proposito al mattino quando usciamo di casa. Quelli che seguono normalmente gli stravizi festivi. Paura. Diffidenza. Ipocrisia. Silenzio. Digiuniamo ed evitiamo di inferocirci. Ci sfilano davanti a orde e noi non proviamo nemmeno un tantinello di sana vergogna. Io non li capisco quando parlano. Cazzo ha detto quello? Immetto il modulo traduzione simultanea. Ah, ecco ha detto, ha osato dire che questo non è un paese buono. Dietro come sfondo c'è una baracca, un ammasso di stracci. Ma se siamo tanto ospitali. Braccare, catturare, metterli in gabbia. Son gabbie dorate. E scappano pure. Conciliamoci colla pelle nera del divano. Siamo ossessionati dalla fotografia di noi stessi. Ebbasta! Nessuno vuole rubarci nulla. Eliminiamo i dubbi, fissiamo le certezze. Troviamo il tempo per porci qualche domanda. Potremmo scovare, chissà, qualche ricordo e avere anche il coraggio di ringraziarli, loro che son fuggiti come nubi e come onde son approdati, increspando e piovendo e bagnando, l'arida e brulla terra nostra.



tutto ciò che nasce su questa terra ha questa terra…

22 commenti:

  1. Io, sfortunatamente, è da un po' che non riesco più a formulare buoni propositi, al mattino, scendendo di casa.

    RispondiElimina
  2. Anch'io sono più 'pessima' che mai… ma questo sì riesco a pensarlo, ridurlo in azione: non pensare di esser l'unica legittima abitante di questa piccola, pallida terra. /

    RispondiElimina
  3. Questo pezzo fa male, come la verità.
    Splendido. Immenso. La tua arte è incredibile..

    RispondiElimina
  4. Mi hai fatto venire in mente i numeri ripetuti di Lost.
    Fede contro scienza.
    Difficile, in questo periodo, dare troppo credito all'una o all'altra.

    RispondiElimina
  5. @SerVlad: ci sarebbe stata benissimo una tua foto… una foto della terra! Te la chiederò per un mio pezzo futuro. Naturalmente con rimando al tuo blog! :)

    RispondiElimina
  6. @MrJamesFord: la fede cieca mi disgusta! È che ragionarci sù mi infastidisce pure! Vorrei che tutto fosse naturale, scorrevole… mai un senso obbligato. Maledizione! * (bacio di speranza :)

    RispondiElimina
  7. Ho comprato un moncler dal mio senegalese di fiducia e alla domanda: "Ma è originale o tarocco?" Mi ha risposto: "Io non prendo in giro i miei clienti. Sono un professionista serio. Questa è tutta roba rigorosamente rubata. Quindi, originale.

    RispondiElimina
  8. occorre riuscire a saltare il quanto, nel senso di salto quantico.
    passare diretti a un'altra dimensione fosse anche lo stato gassoso.
    inutile accanirsi a cercare un senso, uno scopo e un futuro.
    inutile anche fare il girotonTo di buoni propositi perchè la maggioranza è sempre diversa dalla parte dove hai (ho) scelto di stare.
    insomma quello che possiamo già lo facciamo, cerchiamo di raccontarla al meglio sapendo che con questo non diventa migliore.
    tu lo hai scritto benissimo, un po' lo hai saltato, dai, op, che ci siamo!
    op, op, diventeremo canguri?

    RispondiElimina
  9. Non so: io ho rinunciato da tempo a ragionare in termini di “Noi” e “Loro” (Noi chi? Loro chi?)
    Di certo sento di avere più cose in comune con un poveraccio che fugge via da una guerra su un’imbarcazione malsicura, alla deriva nel mare tempestoso, che non con uno squalo imprenditore che sfrutta a sangue i dipendenti mentre a casa la moglie lobotomizzata guarda il grandefratello, dopo aver fatto shopping col Suv intestato alla ditta per fregare il fisco.
    Non potrei mai odiare qualcuno per il fatto che è un immigrato, ma al tempo stesso non potrei mai idealizzarlo per lo stesso motivo. Essere immigrato non lo rende automaticamente una persona migliore di me, e il terzomondismo e il “sensodicolpismo” non mi hanno mai convinto granché.

    RispondiElimina
  10. @ZioScriba: infatti ragionavo sulla sequela di luoghi comuni secondo i quali solo chi nasce su un determinato suolo può considerarsi proprietario di quella porzione di mondo. Io del resto non posso che essere solidale con chi vaga. Lo sono per natura. I comodi mi danno ai nervi, e intendo comprendervi i pigri di spirito ;)

    RispondiElimina
  11. @Teti: sono un canguro alquanto incazzoso.. avviso! :)

    RispondiElimina
  12. @Lorenzo: sarà parente di quello che conosco io? /

    RispondiElimina
  13. Com'é difficile essere uomini giusti!

    RispondiElimina
  14. "Cazzo ha detto, quello?"
    Meglio non saperlo, non analizzare. Si potrebbe capire il senso, le parole celate, il significato nascosto. E scoprire che, alla fine, non ha detto nulla. Che è peggio di tutto.

    RispondiElimina
  15. La mia figlia ha molto molto talento come compositrice di musica e d'arte, ma la trovo troppo spesso negativa. Vuole sempre purgarsi del 'male' che è dentro, ma il mondo è abbastanza pieno già da esserne intossicato. Non so se è possibile creare qualcosa di valida senza amore, ed in ogni caso sono convinto che non è possibile creare qualcosa di bene senza amore.

    RispondiElimina
  16. Smarrito è chi non trova il tempo per porsi qualche domanda, se non... cazzo ha detto?

    RispondiElimina
  17. Non esprimiamo più un buon proposito quando usciamo di casa... questa frase mi ha fatto paura.. perché è terribilmente vera.. dovrò pensarci ogni volta e ricordarmi di essere propositiva!

    Un caro saluto, Sara!

    RispondiElimina
  18. @Adriano: io aggiungerei anche e solo 'uomini'.. /

    RispondiElimina
  19. @Ettore: se considerassi una espressione di quel tenore uscita di bocca a un noto politico nostro 'paese di merda' avrei preferito che non l'avesse mai pronunciata.. perché recentemente (e non solo) son parole inutili, false, inconcludenti delle quali volentieri farei a meno (e inserisco anche quelle di quella che si dovrebbe definire opposizione) :(

    RispondiElimina
  20. @Mirino: tua figlia mi somiglia.. non darei una 'sfumatura' così negativa alla sua continua riflessione. Si guarda fuori e si riporta in sé. Io l'ho sempre pensata così: si analizza il brutto ma se ne ricava il bello ;)

    RispondiElimina
  21. @WebeRunner: per l'appunto.. domande domande. Su queste ho basato tutta la vita. Ma qualcuno vuol rispondereeeeeeeeeeeeeeee? :)

    RispondiElimina
  22. @Sara: la proposta è la risposta che vorremmo ascoltare e veder esaudita, spesso rimane solo quella espressa solo e sempre da noi.. :/

    RispondiElimina