mercoledì 15 febbraio 2012

Simone e io

e la riluttanza non era di ribelle passionalità, ma di una voce interiore, di un senso di verità… Non l'ho ideato io, no. Ma è come se fosse stato. Ed è. Io mi muovo e cancello le tracce. Tutte. Parto. E riempio i bagagli di un'essenza sempre nuova: non l'influenza totalitaria, non quella della fredda dirigenza e della fedeltà cieca ad ordini bestiali. Io resisto. E spingo via l'infame e putrida oppressione. Scrivo. E riporto me, gli altri, lei, il dramma, sintetizzo e proietto avanti me, gli altri, lei. Cos'è un cigno o uno struzzo? È un'intera generazione che s'appassiona, troppo buona, gentile. Serve tanta personalità, ci vuole la sua forza, il coraggio e il sentimento delle belle idee; si riservi un posto al talento e l'inquietudine che m'appartengono e si dia inizio al quotidiano spettacolo. Divelte le gabbie da uno scoppio di rabbia e disperazione. Ecco, entrano i leoni. Volatile preparati. Ti spiumeranno per bene e mangeranno carne genuina e piena al punto giusto. Ingrassato per bene, nutrito a pane e letteratura. Di fronte: fantasia e utopia contro polvere e sfascio. Ha la meglio Ideale che ingaggia una lotta dura e serrata, riesce ad atterrare Sistema, sta sotto, stretto il collo tra le mani ossute, sembra esalare l'ultimo respiro, poi con una fulminea mossa, sferra un calcio nelle parti basse, un urlo disumano riecheggia… sogna, odia, sputa, e vuol campare. Lo vedi? Ti ucciderà, l'immaginazione sarà la tua tomba. Chissà… per ora rimango appesa all'illusione dello studio, in mezzo a un periodo ipotetico rischio di strozzarmi. Cos'è più vivo, una persona vera che traduce il suo respiro e muore disperando o un falso profeta che ruba quel respiro e vive da bestia? Lei è il mio rifiuto. Lei la mia resistenza. Al dogma, al potere, al falso e all'ingiusto, al conformismo e al relativismo. Lei il mio pensiero assoluto, luce interiore contro la menzogna e le tenebre. Legge e sorride. Studia e guarisce. Pensa e pesa: su un piatto i nemici dell'intelligenza e dell'integrità, sull'altro l'insegnamento, la libertà e la giustizia. Srotolo il grande formato, è una dichiarazione di guerra e la mia salvezza: l'operazione di prendere partito, di prendere posizione pro o contro, si è sostituita all'operazione del pensiero. Son convinta, ma continuo a ricercare la mia autonomia e il mio dubbio. Non sarò facile preda del cancro omicida dello spirito e della coscienza.
Si tratta di una lebbra che ha avuto origine negli ambienti politici, e si è espansa, attraverso tutto il Paese, alla quasi totalità del pensiero




a Simone Weil

18 commenti:

  1. nulla di meno facile da mandare giu' che un periodo interlocutorio. e ci hanno allevati esattamente in un pollaio del genere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in base all'esperienza personale, negli ambienti politici è falsa anche la discussione: ognuno rimane del proprio parere, non si muove di un millimetro e continua a dire, vantandosene, che ha inaugurato una nuova era di partecipazione. Ribrezzo.

      Elimina
    2. e' una questione di personalismo, anche nelle migliori famiglie (politiche). di una delle quali stasera al bar il Conte ha detto "non ho mai visto piu' di tre o quattro anarchici andare d'accordo". detto con soddisfazione e come complimento. delle altre famiglie, nulla so. ribrezzo e noia. e nessuna stima.

      Elimina
    3. siam condannati a non vedere mai realizzata la sant'utopia.. il politico esclusivamente interessato al bene comune. Sfiducia.

      Elimina
    4. e' una questione di scelta individuale. finche' non ti carichi sul groppone personalmente la cosa, quello, fosse anche gesucristoetuttiisantiperdavvero, non puo' che fotterti. e' la cosa piu' naturale del mondo, del resto, no? realismo e logica.

      Elimina
    5. non sono proprio una campionessa di raziocinio, ma imparo presto! ;)

      Elimina
    6. fai presto allora. se non col raziocinio, almeno ad essere paracula... :)

      Elimina
  2. sei pronta, lo sono anch'io.
    che lo spettacolo cominci.
    Simone

    ;)

    RispondiElimina
  3. In pratica il pensiero è morto

    RispondiElimina
  4. Plastica denuncia di uno degli aspetti più odiosi della società attuale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :( anche tu con i tuoi percorsi storici e fotografici contribuisci alla documentazione di questi aspetti, vero?

      Elimina
  5. Mah, direi che trivellando il "pensiero" si trova... bisogna saperlo cercare (non certo fra i politici), ma anche nel passato non mi pare sgorgasse dai tombini a ogni cantone. Anzi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo so.. ma si sperava che cambiassero e migliorassero: morirò 'sparando'! :)

      Elimina
  6. Solo due cose ci fanno andare avanti. L'immaginazione e la disperazione.

    RispondiElimina
  7. io unisco le due immaginazione disperata! ;)

    RispondiElimina