sabato 31 marzo 2012

fatalità


C'è una fitta rete di complicità nei bassi fondali ai quali attingo ogni qualvolta non sia in grado di reagire perché troppo spiazzata, stanca o pigra… inerme o fragile. Così, ovvio. È sperimentazione, ed esercizio fondamentale di ricerca: si scava a fondo e ci si eleva a raggiungere i vertici più lontani svolgendo un'opera di estraniazione dalla propria identità e calandosi in quella di qualcun altro. In apparenza son io, in realtà son distante e camuffata creatura, trasparente velina da sovrapporre a questo o a quel testo e prima in maniera opaca, poi sempre più chiara, vedi venire alla luce storie sospese nel tempo, vite vaganti nello spazio, rivelazioni referenti del mio essere, sagoma sfondata nella pagina, ricalcata a tratto duro, più e più volte fino a diventare l'avventura quotidiana, quella assoluta e parziale della mia infanzia, nella quale diventavo protagonista di un'immaginazione giustapposta al vero. Le bugie han le gambe corte, mi ripeteva divertita, tuttavia, mia mamma e, al ghigno divertito di mia zia, io, sul trillo del carillon in esaurimento, ridavo corda e ricominciavo a districarmi, saltellando in lungo e in largo superando curve e storture, evitando ostacoli e torbide buche, acerba e insensibile alla fatica e alla durezza e ottusità degli adulti. Il risultato è un tuffo nell'instabilità fiorita, persi nelle onde profumate dei ricordi, coi fili verdi di filastrocche imprigionati tra i denti fischiate fino alla noia, ti rialzi e guardi tutto sotto una diversa ottica… non ti piace, meglio stendersi ancora un po', ancora un po'. E intanto qualcuno sta già gettando lo sguardo dentro, sta analizzando con piglio chirurgico, sezionando piano, ancora più lentamente, freddo, s'insinua nella fisica quotidianità, radicandosi e facendo slittare inevitabilmente verso la rottura. Angosciante, atroce tensione del filo sotto cui incombe il vuoto punto di non ritorno. Alle 17e17 di ogni giorno bevi un tè di leggerezza, per cogliere - ma non sempre vi riesco - sul mio viso l'ultimo cenno di innocenza, sulla fronte la lucida traccia di infantile sudore tra i capelli intrisi di gioia e spensieratezza, così fresca e liquida che posso intravedervi un riflesso di vita

Allora ti sei divertita? Così. L'hai visto il metrò? No. E allora, che cosa hai fatto? Sono invecchiata.
Zazie nel metrò - Raymond Queneau

18 commenti:

  1. le bugie avranno anche le gambe corte, ma spiccano dei lunghissimi salti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tante ne ho dette, e non mi pento, mi son colorata la vecchiaia da bambina.. ;) ora mi son persa, ma non cercatemi! :p

      Elimina
    2. Come diceva Picasso, 'Il faut du temps pour être jeune' (occorrer tempo per essere giovani'..).

      Elimina
    3. Ne ho impiegato e ancora non mi basta, non ci sono ancora arrivata… ;)

      Elimina
  2. Il sole, senza alternativa, splende sul nulla di nuovo di un altro giorno.

    RispondiElimina
  3. eh, lo dice bene il secondo video che parlare da soli è terapeutico.
    in effetti è interessante l'esperimento di far dialogare le stesse pre adolescenti con quelle più evolute.
    me lo appunto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'hai visto quel film? delizioso.. a tratti.. profondamente turbante a trattini! ;)

      Elimina
    2. purtroppo no, ma mi ha incuriosito e credo mi piacerebbe, grazie della segnalazione :)

      Elimina
  4. Dammi un tè, e un po' d'indecenza ... anche alle sette ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. alle sette di ogni giorno ho il treno nel passato… ;) *

      Elimina
  5. Se sperimentazione é deve essere a fondo. In ogni caso susciti sempre tante riflessioni, fossero anche solo a pelle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. son contenta, io sono impegnata in quella che mi porti dal presente al passato, con un breve salto nel futuro… prima ci riuscivo con miglior risultato però /

      Elimina
  6. che film bellissimo che mi vai a citare!
    devo fare un giorno esercizio d'imitazione, cercare di cimentarmi in una "petroliade"... ti farò sapere
    2 chili di baci assortiti :***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. XXXD è divertente, provaci, ma potresti nn guarirne più! :))))) *****

      Elimina
  7. al prossimo te delle 17 e 17 invitami ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. siete tutti invitati… ci si incontra qui e poi si passa alla sala da tè Fu Muso http://fumuso-t-illustre.blogspot.it/ ! :)))

      Elimina