martedì 10 aprile 2012

psyché




Cosa preferisci? C'è zucchero di canna grezzo, chiaro, bianco raffinato… Hai del miele? Sì un millefiori e… di castagno, tarassaco, lampone. Vada per il lampone. Ma quanto ne metti? Ho bisogno di dolce. Devo riempire questo stramaledetto occulto buco. Ormai è un crescendo. Innescato, inesorabile, da oltre un mese, sta abusando della mia pazienza, il sordido. Si è consolidato in pianta stabile e gira indisturbato, imponendosi e scavando. Sono un bel rifugio. Perché dovrebbe abbandonarmi? È arrivato zitto, zitto, usandomi come momentaneo appoggio, il turista in cerca di divagazione, scatenando un cortocircuito improvviso e imprimendosi poi in livida permanenza, giocando a raggiungere per primo tutti gli interni, intimi angoli… occupato! Io lo lascio fare. Ho deciso di farmi carico della disgrazia universale. Lo vedi? Io sì. Grazie a lui. Registro ogni singolo istante della mia esistenza ormai in tutta la nudità e crudezza, senza sottrarmi, senza fuggire, nessun accanimento. Zappetto. Innaffio. Irroro. E lui affiora. Si rituffa. Ritorna in superficie e si sbraccia, espressione tra il sarcastico e il partecipato: io e lui, sodalizio indecente e ormai coronato da una stupenda coralità nello smisurato e sordo universo. M'invita a lasciarmi andare, non ostacolarlo, e io, mai domata, sembro capire finalmente, devo aver trovato, attraverso una tortuosa via, l'esile filo della mia personale rettitudine. Sei sempre stata impossibile, ricordo la sollecita voce… Ora si può, lui è lì, seguo quella traccia, senza fretta, la diagnosi a termine in tasca, godendomi ogni singolo fotogramma con un'unica intenzione, per me la migliore e più valida: l'ultimo agguato al destino da parte della mia anima, gli sbatterà in faccia una caricatura a carboncino e un messaggio preciso, dal nulla nel nulla col sorriso precipitato, la mia ultima fuga prospettica, niente punto focale… no.



Life is just what happens to you
while you're busy making other plans.
John Lennon

20 commenti:

  1. Un buco da primavera piovosa? Il bello è cercare di riempirlo, ma non riempirlo mai del tutto, così si continuerà a farlo ... o no?
    p.s. l'espressione della ragazza disegnata è perfetta ... anche per il mio discorso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è nel dubbio se dar senso al colore forte della maglia o dormire ancora un po :)

      Elimina
  2. un sorriso scappato mica giocondesco

    RispondiElimina
  3. Hello Milena! My first visit, will visit you again. Seriously, I thoroughly enjoyed your posts. Congrats for your work. If you wish to follow back that would be great I'm at http://nelsonsouzza.blogspot.com
    Thanks for sharing!

    RispondiElimina
  4. Questo quassù fa copia e incolla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ;) diciamoglielo: club intimi son questi.. ppp

      Elimina
  5. Me la immaginavo proprio come nel disegno, la ragazza ...

    RispondiElimina
  6. Splendido davvero anche il ritratto. Qui dentro, trivella oggi trivella domani, il petrolio non finisce mai, e se non trovi petrolio trovi oro... :)

    Ma che birichino quel Nelson... :-))

    RispondiElimina
  7. Risposte
    1. a chi? a me? ora ti vengo a cercare sa? :))))

      Elimina
  8. Forse fa più figo pagere l'ingresso ed ascoltarlo dalla platea...nel mentre il tempo non si ferma e vorresti averne di più, quando invece basterebbe suddividere all'infinito quel che abbiamo per viver in eterno.
    Un fanculo a noi stessi ci sta tutto.
    Buona vita a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio mi basta e mi avanza anche.. c'è sempre un buchino da riempire! ;)

      Elimina
  9. dobbiamo sempre ricordarci che tutto ciò che può uscire da un buco può anche entrarvi e viceversa, ma l'appunto più importante di tutti e ricordarsi di non prendere appunti o appuntamenti con la vita.

    RispondiElimina