mercoledì 30 maggio 2012

greed

e questi sono i generali con le loro mitragliatrici, e sono i cimiteri
con le loro tombe, e sono le casse di risparmio con le loro cassette
di sicurezza, e sono i libri di storia con le loro storie
ma se volti il foglio, Alessandro, non ci vedi niente…

Una pellicola frastornante. Il nulla, in realtà, ben più grande e potente di tutto il resto; il grande niente che smette di nascondersi e interpreta se stesso con la gestualità tipica dell'afferrare, dello stringere, del negare. Il meccanismo è semplice: l'oro degrada al rosso, s'incancrenisce e si fa nera violenza, oscura volontà di distruzione. Le mani che prima si cercavano con passione ora non si riconoscono più, estranee e nemiche, si staccano, si separano, si dividono; si trascinano in una bestiale spirale, nella quale, dapprima luminosa, il turbine prezioso, eleva ma poi con una spinta altrettanto forte precipita in basso, seppellendo e schiacciando, tante, pesanti, cumulo giallo, sonanti monete, tolgono aria e luce e forza alle dita che le adoravano, e ora se avessero la fortuna di venir fuori… e nel mentre si scarnificavano a forza di lucidarle, di contarle, di amarle… suggevano tragedia e trasmettevano sventura. L'atmosfera è resa da campi medi o lunghi, atmosfere pioventi, grigie e invernali, l'ossessione e il pathos, sono immortalati in primi e primissimi piani, profondità di campo e di natura che tratteggiano in maniera convincente gli stati d'animo alternanti, le doppiezze, le tinte fosche e le tensioni trattenute, ma avvertite come imminenti, che poi sfociano e concludono memorabilmente nella scena abbagliante, calda, infuocata.




i razzolatori malefici




Passo tratto da Purgatorio de l'inferno - Edoardo Sanguineti

12 commenti:

  1. (un giorno o l'altro me li compro un asinello, due oche un organetto e una borraccia e poi vado a setacciare i fiumi e la sera baratto le pepite per una fiasca di vino e via!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'asinello sarà facile da reperire.. tra un po'.. ;)

      Elimina
  2. molto bello questo passo, si racchiude l'essenza dell'avidità, ciao :)

    ti aspetto anche da me se vuoi :)

    http://lafabricadeisogni.blogspot.it

    complimenti ancora :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. faccio schifo! con quello pseudonimo avrei dovuto farti visita da un pezzo! ;)

      Elimina
  3. che grande recensore che sei... questo film è da un pezzo che devo vederlo.

    RispondiElimina
  4. con le loro medaglie in erezione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che il sole e i fulmini da esse attirati li brucino vivi

      Elimina
  5. Il nulla è sempre la cosa più grande di tutte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un'enormità e ci vuol poco a finirci dentro!

      Elimina