giovedì 17 maggio 2012

sfidare le voglie

Quando senti che nulla potrebbe mai più turbarti, quando abbracci con sguardo nuovo un vecchio padre, debole, ma infrangibile come mai immagineresti di vederlo, quando ti abbandoni allo scorrere degli eventi, opponendoti poco, q.b., quello che riuscirebbe a farti riconoscere tra miliardi di altri esseri viventi..



bentornato Buchanan, e per sdrammatizzare



10 commenti:

  1. che visione rasserenante che da questo brano, proprio come stare a mezz'aria tra le note e una sognante e nostalgica utopia:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è proprio così che mi sento: a mezz'aria e mai espressione e metafora son più efficaci! ;)

      Elimina
  2. bello bello bello...stati d'animo così dovrebbero esserci sempre milè accidenti, e il fatto che la musica riesca a regalarceli è straordinario...ci permette davvero di poter cambiare attimi che stiamo vivendo e che non ci piacciono. non tutti purtroppo, ma è già qualcosa :) grazie come sempre, un bacio e saluta francesco

    RispondiElimina
  3. eh, che vitale bisogno avremmo, di sdrammatizzare... :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. probabilmente è l'unica cosa che mi riesce meglio! :*

      Elimina
  4. Vorrei riuscire ad abbracciarlo io, il padre fragile...

    RispondiElimina
  5. ;) ci sto pensando spesso in quest'ultimo anno: tristezza infinita! *

    RispondiElimina