lunedì 29 ottobre 2012

chiodo fisso

Chiude fremente il libro dei re e lo scaraventa lontano… avevo dei dubbi, ma ora sono sicuro non terminerò questi maledetti studi e non farò l'esame. Ha oscillato per mesi su questa pericolosa decisione, faccio il salto finale su questo enorme buco nero, dimentico di tutte le promesse, i giuramenti; probabile che si cacci in altri guai, ma dico e faccio basta. Profeta del mio futuro. Infedele protagonista di un tempo indefinito. A volte sente d'essere solo un personaggio, gli altri gli girano intorno, deridendolo e additandolo, gli ricordano, sempre, che le sue battute sono frammentarie, poche, sussurrate, pronunciate a malapena o non ricordate per nulla. Qualche riga nelle infinite pagine bianche, pochissimi secondi per dire la mia.
Con ironia, certo, ché è brutto piangersi addosso. E già nel mio immaginario non riesco a intravedere uno spiraglio, figuriamoci l'impaccio delle lacrime, lo spreco dei singhiozzi… bisogna risparmiare su tutto, anche sulle emozioni del mondo che sta a sentire: l'unica aspirazione è sopravvivere decorosamente e togliersi uno sfizio, qualsiasi, l'importante via di fuga. E invece non c'è scampo: nessuna dignità, nessuna forza di reazione, disponibili, come si è, ad accettare qualsiasi ruolo e l'unica sacrosanta voglia di cercare svago a tempo indeterminato come per tratteggiare rabbiosi un'ipotetica, arbitraria rivalsa contro lo sfruttamento, i ricatti, la frustrazione, la necessità, le furbate criminali. Travolto dalla vertigine delle tante telefonate da fare, degli appuntamenti da prendere, delle dimostrazioni, delle convinzioni, dei giochi, dei sorrisi, delle firme, ha quasi dimenticato la sensazione di appartenenza, di aderenza a un progetto, a un sogno, a una fantasia, preso com'è dal parossismo quotidiano di una vita ammalata, inutile, persa, precaria…




… vorrebbe avere tanto un passato tragico: giustificherebbe il suo presente.
Vanni Santori



18 commenti:

  1. meno male che c'è chi crede che il futuro sia la decrescita!
    in quella andiamo forte!
    sì, sì, ho deciso, quell'oltre 50% senza "rappresentanza" la pensa come me.
    orgogliosa della vedovanza politica, praticamente una vedova allegra!

    RispondiElimina
  2. Be', ma io vengo qui "soltanto" per leggerti e salutarti, e mi ritrovo la sorpresa del mio romanzo in così bella vista... Quando si dice la vera Amicizia...
    Che dirti, se non Grazie?!

    p.s.
    spettacoloso anche IN C.U.L.O. ALLA CRESCITA!

    RispondiElimina
  3. smettila di leggere, smettila di scrivere. Venerdì l'eppi auar, sabato e domenica discoteca.

    Il futuro smetterà di assillarti e imparerai a godere del bicchiere tutto vuoto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si può fare tutt'e due? senza esagerare con la disco.. :p

      Elimina
  4. io conoscevo in culo alla balena, ma si vede che Monti col suo governo ispira altre frasi: in culo alla crescita... Notevole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ne ispirano sempre tante :( e sempre peggiori

      Elimina
  5. Risposte
    1. più o meno quanto le tue spine! :****

      Elimina
  6. Molto brava e molto intensa ..come sempre...
    La dura realtà è anche "questa"

    RispondiElimina
  7. sali un gradino e... cambia tutto.. sempre che tu voglia salvarti ....ciao petrolia ;)

    RispondiElimina