giovedì 11 aprile 2013

Moe o Me



Mi son presa tempo. Ben cinque anni. Silenzio. Oro con sfumature violente dalle fortunate e generosissime forme. Il lavoro è stato incessante, le fatiche grevi, ma le pause altrettanto lunghe alla ricerca di equilibri sempre più sottili, affilati, ma che tagliano nel profondo. Del resto ho imparato a far la barba. Sì, col rasoio a scatto e chi si sottopone al mio tocco risulta rilassato, riposato, s'affida a me… a me collo e guance, naso e zigomi e io mi fletto, mi insinuo, mi intono, punto e rado bene. Ho un'ambizione: scoprire cosa c'è sotto quel primo strato di pelo folto, poi sotto il secondo di peluria, e infine sotto il terzo, il più sofisticato, duro, pesante. La bravura sta nell'eleganza del taglio, nella leggerezza dell'addentrarsi… nella densità dei tuoi chiaroscuri, con i quali disegno il perimetro delle tue sensazioni e gioco con le mie. Trovo sempre il bandolo nel vortice dei ricordi, l'essenza della mia confusione. È quella in cui lavoro meglio, vivo bene e t'invito volentieri, a salire, per vedere la mia collezione di dischi scheggiati e cartoline ritagliate e incollate una sull'altra. Il suono dei vinili segnati è sensuale: urla di donna nel momento più intenso del piacere. Il colore e la forma dei puzzle di luoghi è grazia e ripiegamento su di sé: fumo di sigaretta nel post orgasmo. Sontuoso e prolungato respiro grazie al quale tutto ritrova, finalmente, la sua giusta dimensione… un nastro, il flusso. Infinito. Riavvolto capovolto l'otto


11 commenti:

  1. A proposito, devo farmi la barba...

    RispondiElimina
  2. ma di quale pelo folto stiam parlando?

    RispondiElimina
  3. sarà l'ora, ma in un primo momento ho letto:
    mi hanno dato cinque anni.
    e sai com'è, quando parti con una idea fissa, il resto derapa.
    pure la musica c'ha messo del suo e così adesso è come avessi capito che ti han chiuso cinque anni in un penitenziario per matti e loro, più matti ancora, ti han messo in mano un rasoio, che in ogni caso sarebbe maglio che posassi, prima che ti prenda la mano;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D tanto ci son stata già, son abituata!

      Elimina
  4. Mi sembra di sentire quel vinile che urla, non lo avresti potuto descrivere meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cose che capisce chi l'ha sentito urlare il vinile ;)

      Elimina
  5. incontriamoci all'infinito allora !

    RispondiElimina
  6. La barba, per me, ormai è una coperta di Linus, la tolgo una volta l'anno (se pure...) per dare alla pelle della faccia la possibilità di respirare. Concordo che trovare chi, con la lama, riesce a rilassarti è una gran cosa, molto diversa dallo sbarbarsi da soli.

    Solo che non ci sono più abituato

    RispondiElimina