giovedì 9 dicembre 2010

lo-fi


Non amplificarti, li sento. Decido di tuffarmici a capofitto, di piedi non riesco. Voglio sentire l'acqua che separa in due direttrici la desolazione della mente. Sulla scena entrerò in silenzio, e la gente comincerà a intendere, dapprima, un carillon sfibrante, poi di seguito, pian piano, quasi come una parabola ossessiva, la discesa tra i flutti, incessanti, ripetuti, manovrati ad arte, a sommergere e a quietare. Tutto ciò che non sarà mai possibile in realtà, in sogno io posso. Trasognato e straniante il mio abbandono in un eremo da me stesso costruito, in cima a quei rami, al di là delle fronde, solitario e fiero, distante dall'affanno, affondo le mani nell'ideale nuotare, tocco col dorso e con i palmi sui quali mi si è sviluppata una resistente cartilagine, solco i mari, abbatto la soglia temporale, annullo le distanze, maestoso pesce, avvolgo e m'inarco in spire sinuose in un crescendo febbrile, m'abbasso al passaggio di frotte luccicanti e sontuosamente vestite a festa… riprendo vigore, mi sfianco, mi mescolo, mi lascio accarezzare da spugne e coralli, sobrio e alimentato da nuova fiducia, mi lascio trasportare dalla corrente amica. Ma quella tradisce, mi sputa fuori in un vortice sempre più alto. Acqua e aria si incrociano a formare un muro celeste e grigio, tempestoso e pacifico s'erige, disordinando e accompagnando il mio volo, poi a un tratto si spegne e flebile mi depone per terra a ripensare alla forza d'urto e alla quiete successiva. Fiume, rapide, tappeto verde, magnolia in fiore…

32 commenti:

  1. Forse c'entra poco, ma a volte è bello anche lasciarsi andare e dire tutto ciò che per qualsiasi misterioso motivo passa per la testa, per associazioni o dissociazioni a delinquere di idee: leggendoti mi è venuto da pensare al grandioso film MARE DENTRO.

    Un liquido abbraccio ti raggiunga, scaturito dalle fresche sorgenti dell'amicizia.

    RispondiElimina
  2. Davvero bello Milè, come sempre del resto! Se posso permettermi di "rovinarti" il post, ti dico che la mia mente matematica appena visto il titolo aveva pensato "Lodi-Firenze" :-) Città entrambe da cui, nei giorni scorsi, sono passato. Ma alla fine ho comunque indovinato, sempre di un viaggio si tratta, uno dei tuoi!
    Sei speciale, un bacio

    RispondiElimina
  3. @ Zio: Tu, per conto mio, puoi fare tutti i collegamenti che vuoi e del resto i testi sono interpretabili ed è quel che voglio! Che film hai citato! Che tematiche forti e difficili, ma così 'naturali'… un uomo o una donna di mare potrebbero ben comprendere e saper cosa dire a proposito: loro scivolano dalla vita alla morte come un'onda sulla battigia a cancellare orme. Bella immagine, un abbraccio arrivi fino a te, proprio come quell'onda avvolgente e leggera!

    RispondiElimina
  4. polimorfica petrolio, puoi essere tutto e niente restando te stessa, né liquida né solida, come le tue parole, sempre diverse e sempre uniche, solo tu sai scrivere in quel modo.
    un bacio di gel :)

    RispondiElimina
  5. Le chiesi dei totani in inzimino e mi mise in mano le chiavi di uno scantinato. Quando arrivai dal giardiniere, sommo fù lo stupore nell'apprendere che la ceralacca aveva raggiunto la quotazione di 52 dollari al barile. Decidemmo così di regalarle un pinguino da solfeggio. La mio ombra si faceva vedere anche nelle giornate di pioggia e strinse una relazione morbosa con una clessidra. Mio zio parlava sempre di antichi marciapiedi da cui era disceso senza ausilio di ramponi. Era uno zio basso. Molto basso. Ma aveva un fegato grosso così, e a quanti gli chiedevano che ore fossero, lui rispondeva di non interessarsi di antimateria. Erano giorni in cui la mia epidermide rabbrividiva con riflessi incondizionati e cangianti.
    Alcuni mi chiamavano camaleonte.
    Io facevo la linguaccia e mangiavo coleotteri.

    RispondiElimina
  6. @ Nico: grazie, caro! XXX:D LODI-FIRENZE sarebbe un bel viaggio! mhhh pensando anche alle squisitezze che troverei per strada! Sì viaggio, e mi fermo e vago ancora! È "bassa frequenza"… silenzio e sottile linguaggio con cui si comprendono amici come noi, che scorgono e rintracciano nei post, l'uno dell'altra e viceversa, un significato, un itinerario, una strada! *** bacione!

    RispondiElimina
  7. @ InneresAuge: perché? non mi sembra che tu avessi un freno! vai… a occhi chiusi sulla bici! ;)

    RispondiElimina
  8. @ RobyDick: gel… gelificante sì, mi servirebbe proprio! Fa un caldo insopportabile. Non è inverno che voglia io! uff… ;)

    RispondiElimina
  9. Yin&Yang: mhhhhh… le seppie in zimino, me le fece un ragazzo di Genova! una leccornia!
    Camaleonti e coleotteri… non ho orologio, vorrei strade senz'auto e quindi inutili i marciapiedi, sì vada per la linguaccia! :))))

    RispondiElimina
  10. Ma nella realtà si traducono in concreto i sogni impossibili. Perché tuffarsi a capofitto, altrimenti?

    RispondiElimina
  11. @ WebRunner: mah… non m'affanno comunque per farne realtà! Ma la cosa fondamentale per me è vivere i sogni come fossero realtà! Del resto io la testa sulle spalle non ce l'ho, la metto dove voglio! :))))))

    RispondiElimina
  12. Purtroppo ho un freno e si chiama pudore

    RispondiElimina
  13. Bello, bello, panico (da dio pan, mica una bestemmia), sembra un film di Agosti.

    RispondiElimina
  14. Si *deve* andare alla deriva, se si vuole scoprire un continente nuovo. Purché si riconosca quando ci sono *troppi* iceberg.

    RispondiElimina
  15. @ InneresAuge: accidenti non ne fanno più… sei una bell'eccezione! *

    RispondiElimina
  16. @ Alli: l'alligatore col panico… digrigna i denti! Ancor più panico! :)))

    RispondiElimina
  17. @ IlGrandeMarziano: alla deriva ci sto da una vita, con iceberg o senza non riuscirei a sostare per troppo tempo sulla terra ferma! ;)

    RispondiElimina
  18. magnolia in fiore dopo tappeto verde : come una fiche ...

    RispondiElimina
  19. in fondo dobbiamo solo danzare nell'aria o almeno nella mente...

    RispondiElimina
  20. ti leggo (finalmente di nuovo) sempre con grande ammirazione.
    mi piace proprio come scrivi :)

    RispondiElimina
  21. scrivendo così...
    ci dai delle sensazioni bellissime!
    rendici partecipi di altri sogni...

    RispondiElimina
  22. Si sono vintage: mi vuoi comprare?

    RispondiElimina
  23. I'm the walrus! Ma la magnolia é bellissima!

    RispondiElimina
  24. @ Giardi: XXX:D Gioco d'azzardo! ;)

    RispondiElimina
  25. @ Ernest: Internet sta diventando il posto migliore in cui farlo! ;)

    RispondiElimina
  26. @ OnlyMe: bentornata, è sempre un piacere averti qui! :)

    RispondiElimina
  27. @ Itsas: non rivolgermi simili inviti, altrimenti non vi salverete più! 3)

    RispondiElimina
  28. @ InneresAuge: caspita, costerai un occhio! ;)

    RispondiElimina
  29. @ Adriano: sì hai ragione, è bellissima… rilascia petali enormi, ha delle foglie verdissime e carnose, e dona anche dei simpatici boccioli legnosi con cui una volta ho realizzato una composizione parecchio significativa :)

    RispondiElimina