giovedì 10 febbraio 2011

cattivo appoggio

In fiamme, nell'incendio degli autunni
arde a volte il mio cuore,
puro e solo. Il vento che lo desta
tocca il suo centro e lo sospende
nella luce che sorride per nessuno:
quanta bellezza liberata!
Octavio Paz

Mi leverò una mattina e, disincantata come una cicala alla fine della notte insonne, mi lascerò sedurre dalle tue pagine, infiammare e spegnere, capovolgere e mescolare… a quattromila metri di altitudine cosa potrei pensare, sbrecciando il velo di nebbia che finge buio profondo, quando già è giorno fatto? Difficile… impossibile; il peso che accerchia e minaccia la mia testa, non scompare ed io appaio ebbra e deliro, non riesco a godere, non riesco a raccontarmi la trama, una gioia gratuita che non m'emoziona, non lascia nemmeno un minuscolo segno mentre tento, inutilmente, di strapparmi via la sbornia. Si festeggia laggiù, son sicura, sarò accolta e riverita, mi faccio irretire dalla sorpresa del capitolo secondo, nel quale si descrive così in dettaglio altezza ed elasticità del trampolino, mi precipito e arrivo fino al pontile, faccio appena in tempo a frenare: è troppo distante l'acqua, troppo freddo lo spruzzo ma l'istante e il salto sono una cosa sola; è necessario navigare, vivere non è necessario… prima d'esser un motto sporcato dai fascisti, era un sano detto latino.


Your blue eyeshadow it's not exactly blue though I refuse to call it anything but your blue

32 commenti:

  1. C'è un momento, all'apice del salto, in cui ci si sente fermi ed immobili, privi di gravità. Voglio restare così.

    RispondiElimina
  2. stavo già alzando teso il braccio destro... occasione persa :(
    cameratiiiii !!! meglio vivere un giorno da disoccupato che 100 giorni a villa bunga-bunga

    RispondiElimina
  3. Mi piace, l'istante e il salto sono una cosa sola. A prescindere dal trampolino e dalla sua descrizione.

    RispondiElimina
  4. @ Squilibrato: io son già lì… e per quanto mi ripeta che l'acqua sia cosa buona, lì voglio rimanere!
    Da oggi vivo le vite degli altri. La mia si è disillusa da sé.

    RispondiElimina
  5. @ RobyDick: Son in preda allo sconforto più totale. Tutt'intorno vedo e sento inermi che consegnano la propria fiducia a persone immeritevoli. Come disse un amico qualche giorno fa quasi quasi le dimissioni le consegno io, dal mondo! Mi sento rotta… :/

    RispondiElimina
  6. @ WebRunner: sì anche a me. La sensazione di vuoto è l'espressione di liberazione assoluta e integra. Come invidio i volatili… ;)

    RispondiElimina
  7. no no milena, siamo un fronte di resistenza, pacifico e disarmato ma lo siamo. a me blog e persone come te incoraggiano, tieni duro.
    dici che vivi "le vite degli altri" e così citi un film capolavoro che bisogna tenere in mente, per il messaggio umanitario che contiene.
    resistere... :*****

    RispondiElimina
  8. @ RobyDick: era a quello che mi riferivo. Questo mondo, così com'è, non mi appartiene (se volevo che mi appartenesse) e io non appartengo ad esso! … cz! Ambra Angiolini, no! 3) Può essere una soluzione: ritirarsi non è una condizione di resa. C'è gente che non può aspettare e che ha già ingerito una notevole dose di veleno (il film trasmesso ieri sera contiene una quantità di significati indescrivibile e al quale ho dedicato questo post, oggi, e altri scritti), chi attende e in sordina, da una parte, assiste al cambiamento, chi si adegua, chi si isola, costruendosi un angolino fatto delle cose che ama e con le persone che ama, chi abbatte il muro a picconate. La bontà è una dote che si trova… nelle persone più impensate. Ma non è più nel mio ambiente! Sono una mutante, mi adatterò a qualche altro habitat naturale.

    RispondiElimina
  9. Salto anch'io (nel nulla) poi ti racconto com'è!

    RispondiElimina
  10. ne hanno sporcate di cose, i fascistacci insulsi... in fondo anche il giorno da leone preferibile ai cento da pecora non è mica male, ma avendolo detto il nefasto maialetto di predappio ormai è come fosse un rutto, o una scoreggia (anche perché luI lo intendeva in senso macho-muscolar-guerresco, non certo in senso intellettivo, emozionale e di Libero Pensiero...)

    RispondiElimina
  11. Il salto è un piacere superato soltanto dalla salita e dalla discesa.
    L'energia che mettiamo non si perde mai, lo dice la fisica.
    E poi siamo fatti per resistere, quindi facciamolo al meglio, godendoci ogni volo e ogni caduta al massimo delle nostre forze.
    In fondo, chi sta dove sta e guarda da questa parte, sa anche cosa possiamo fare.

    RispondiElimina
  12. @ InneresAuge: sì, facciamo un resoconto! ;)

    RispondiElimina
  13. @ ZioScriba: bravo! È tutto nell'interpretazione. A causa di una cattiva interpretazione son crollati singoli individui retti e son emersi in tutta la loro nefasta grandezza tiranni ed egemonie chiuse e grette. ;)

    RispondiElimina
  14. @ MrJamesFord: è un piacere a cui non voglio rinunciare. E non è una minaccia, è semplice presa di coscienza. Facile, facile, liberatoria e appagante!

    RispondiElimina
  15. allora, tanto per restare in tema, dico "boia chi molla" ...tanto prima o poi crollano loro ...noi ci dobbiamo organizzare per il "dopo" che non sara' comunque facile .

    RispondiElimina
  16. @ BlogSurfer: ;) per fortuna ci siete voi a tirarmi sù il morale su questioni di 'morale' politica e professionale! *

    RispondiElimina
  17. Milena, è tanto che non passo di qui... per un periodo non sono riuscita a scrivere commenti era come se "fallissero" e non venivano pubblicati...

    a presto,
    bacio.

    RispondiElimina
  18. forse sarò insano, ma io voglio vivere, non navigare.

    RispondiElimina
  19. @ Toupie: stranissimo! non è capitato a nessuno… torni proprio nel momento in cui avrei voglia di chiudere e di fallire anch'io!

    RispondiElimina
  20. @ Dark0: è questione di scelte, non di sanità mentale. :/

    RispondiElimina
  21. Marinaio inesperto,
    in questa zona fuori delle carte
    ogni navigatore
    viaggia senza consigli, solo.
    Ognuno Magellano di se stesso
    su tropici di sensazione:
    non resta sasso arso dal fuoco
    da abitazioni precedenti,
    nessuno scafo antico
    scheggiato sulla spiaggia.
    Queste sono latitudini rivelate
    a ciascuno separatamente.

    Adrienne Rich
    Insondato

    RispondiElimina
  22. @ Giardi: grazie Antonio! puntuale e opportuno, in questi giorni devo aver inteso la rivelazione! :)

    RispondiElimina
  23. vivere navigando per scoprire

    RispondiElimina
  24. Mi piace l'espressione "fronte di resistenza, pacifico e disarmato" di @Robydick. Magari tienine conto!

    RispondiElimina
  25. Io credo che la totale prevedibilità del mondo verrà un giorno ad accoltellarmi nel mio letto e mi troveranno così, morto affogato in me fuoriuscito.

    Aiutoooooooooooooo!!!

    RispondiElimina
  26. @ Ernest: hai unito tre significati fondamentali! se ci si riuscisse sarebbe l'ideale! ;)

    RispondiElimina
  27. @ AdrianoMaini: sì anche a me, ma a volte in fronte vorrei sbatter loro il segno del nostro scontento e del nostro navigare difficoltoso: come il simbolo piratesco insomma… :/

    RispondiElimina
  28. @ Squilibrato: ti ricomporresti velocemente, sei talmente imprevedibile! 666)

    RispondiElimina
  29. grande milena, paz, il collettivo animale, le tue visioni...

    buon week end

    RispondiElimina
  30. @ Eustaki: grazie, un buon fine settimana anche a te! Vedo dal blog-roll due nomi (specialmente il primo) molto interessanti, corro da te! ;)

    RispondiElimina