venerdì 25 febbraio 2011

ahania


Mescolanza e varietà, troppo audace e mitica. Una visione inaccettabile. La rivolta del cielo, scaraventa giù stelle, le più belle, pescate nella maestosità dell'universo, diffidenti e incomprensibili si incidono fin nei più remoti angoli, si diffondono e trovano proseliti. L'accoglienza della terra che arresta l'entusiasmo, affina l'attitudine alla pazienza, si specializza nell'arte di calmare gli animi accesi: vi faremo sapere, lasci qui i suoi dati, vi faremo sapere… tranquilli, vi faremo sapere… Ci sarà pure un mecenate disposto a pubblicare le mie opere. Qualcuno di buon cuore che mi tenda una mano, tiri fuori l'indice e mi trasmetta quell'impulso vivificatore, io novella adamitica, ridotta sul lastrico, rovinata finanziariamente, nera di pelle e arsa nell'intima facoltà d'immaginazione. Eccolo il disegno simmetrico perfetto, ecco il lampo di fuoco degli occhi, l'afferro e l'impugno, è mio. Oserò slanciarmi e saprò tornare al momento precedente la genesi, quando eran mie le qualità terribili, prima ancora che l'artiglio tremendo potesse privarmene. Svelati, e vieni, al matrimonio perfetto, partecipa e conosci, risvegliati e accedi, attraverso la strada dell'eccesso, forza l'equilibrio, trasgredisci, supera dicotomia, saziati e nauseati, eccedi e liberati e avviene la gnosi.

Petrolio immoralista e soggiogata da Blake.


Se le porte della percezione venissero sgombrate, tutto apparirebbe all'uomo come in effetti è, infinito.

32 commenti:

  1. Un passaggio che comprendo bene, nell'inseguimento continuo di pubblicazioni, editori, riscontri: ormai sono così tanti anni che sono quasi assuefatto alla cosa.
    Dai racconti, ai fumetti, al romanzo, il percorso è sempre stato quello.
    C'è da dire, però, che il blu ti sta a pennello.

    RispondiElimina
  2. il mondo ti sta stretto Milena. :)
    (il video lo guardo stasera)

    RispondiElimina
  3. verrà mai un Cristo a scacciare a calci in culo i mercanti dal Tempio dell'Arte? ci sarà mai il giusto piazzale Loreto per i marchionni delle fabbriche dei sogni? ahi merda italia, 667 volte maledetta!

    (va bene così o la rifacciamo, regista? come dice? ero troppo pacato? troppo tenue? troppo soffice? ha ragione! dài, riproviamo...)

    RispondiElimina
  4. @MrJamesFord: passaggi non sempre chiari e immediatamente lineari. Del resto son la persona meno razionale che esista quindi… chissà, forse, un successo non sofferto non mi apparterrebbe! ;) Il blu mileniano ringrazia! ****

    RispondiElimina
  5. @RobyDick: amicone, sono ingrassata? :)))) Sì, a volte ho quest'impressione, come faccio a sfilarmelo? ;) baci grossissimi! Il video aspetta a te: son note che hanno accompagnato il capolavoro della Coppola! ***

    RispondiElimina
  6. @ZioScriba: I.N.R.I. Io non resto issato, me ne vò! ;) ri-ciak son talmente divertenti i retroscena! :))))) bacioni eretici! *****

    RispondiElimina
  7. Se le porte della percezione...
    vedremmo il papi per quello che è: un piccolo dittatore

    RispondiElimina
  8. Parli a nome di tutti noi e l'azzurro ti dona...

    RispondiElimina
  9. Resto ogni volta maggiormente coinvolto dalla tua scrittura, ma, per badare anche alla sostanza, aggiungo che mi ha molto colpito la frase "Se le porte della percezione venissero sgombrate, tutto apparirebbe all'uomo come in effetti è, infinito.". Ad ogni modo, tieni duro!

    RispondiElimina
  10. I mercanti del tempio dell'Arte: il buco della serratura della percezione.
    Bacio grande.

    RispondiElimina
  11. il post mi è piaciuto, ma ancora di più il commento che hai lasciato a mrjamesford "chissà forse un successo non sofferto non mi apparterrebbe". Il successo DEVE arrivare per una così determinata. E che cavolo!

    RispondiElimina
  12. Saziarsi e nausearsi,eccedere e liberarsi, mi sembra la via giusta per chi intraprende l'arte dello scrivere.

    RispondiElimina
  13. @InneresAuge: quelli che non hanno le porte della percezione ben aperte è perché così voglion mantenerle. Vivere nel modo in cui vorremmo noi può essere così tanto difficile... troppo, ma è condizione imprescindibile! :)

    RispondiElimina
  14. @Alli: detto da un nuotatore, abitante del blu è proprio una bella cosa! *****

    RispondiElimina
  15. @AdrianoMaini: anch'io ;) talmente tanto che dopo la rilettura dei suoi scritti e la visione delle tavole di William Blake a cui devo la frase è continua fonte di ispirazione... essere a conoscenza della sua difficoltà in vita di riconoscimenti per la sua opera mi insegna che la mia filosofia di vita "Chissene" è sempre più valida! :)

    RispondiElimina
  16. @WebRunner: che bella immagine... i nostri blog sono dei piccoli spazi dai quali arrivare alla realtà di sofferenza e di difficoltà alle quali sono sottoposti coloro che non hanno le esistenze dorate! ;)

    RispondiElimina
  17. @TuristadiMestiere: :)))) fantastico e sogno... e per riprendere una sua convinzione, diventata anche mia: l'immaginazione non è uno stato mentale, è l'esistenza umana stessa. ;)

    RispondiElimina
  18. @Costantino: proprio così, da pazzi, ma del resto come non impazzire volentieri leggendo e scrivendo, attività fertilissima e proficua che tanto somiglia all'arte dell'imbandire la tavola alla quale sedersi e nutrirsi della cultura? :)

    RispondiElimina
  19. Credo di avere voglia di impazzire nuovamente scrivendo ma c'è qualcosa che in questo periodo frena le mie ossa e la mia mente ma impazzisco leggendo almeno...
    baci

    RispondiElimina
  20. guarda milena che, nonostante tutto, va bene così
    ti mando due versi
    What might have been and what has been
    Point to one end, which is always present.

    stay perceptive

    RispondiElimina
  21. @Toupie: verrà... la pazzia di cui parlo io non si apprende! La hai in serbo misurata o in eccesso, ma è lì. Intanto ti mando un bacione sfrenato! * ;)

    RispondiElimina
  22. @Eustaki: regalo graditissimo in un periodo in cui il 'senso della vita' sembra appassito e privo di 'illuminazioni' mi farò io stessa colomba infestante (e faccio uno sforzo ché mi sono odiose)! :))) Che giusti versi m'hai mandato? ;)

    RispondiElimina
  23. amo blake.
    mmmh. mi piace chi ama blake.
    mmmm.
    odio i confini e i limiti.

    RispondiElimina
  24. @OnlyMe: siamo una splendida comunità aperta! :)))

    RispondiElimina
  25. certi infiniti immoralismi portano dall'iperspazio !!!

    RispondiElimina
  26. @Ernest: spero che sia caldo! ;)

    RispondiElimina
  27. @Giardi: partono o portano nello? Comunque sia il senso è quello! :P

    RispondiElimina
  28. Che bello. Come un'anima con la testa imbottita di morfina che ride della sua ombra. Ci vorrebbe un bad trip quello di Amélie Nothomb in 'Il viaggio d'inverno' "Un bad trip è un esercizio di lucidità che rivela l'inferno contenuto nella cravatta di un passeggero della metropolitana. Da tempo ci assicurano che l'inferno è in terra, che l'inferno sono gli altri! Finalmente una conferma attendibile. L'inferno non è neanche l'altro per intero: basta la sua cravatta" [un abbraccio Milena :)]

    RispondiElimina
  29. @EmmaPeel: cara amica virtuale e di letture! Direi che ci somiglia la Nothomb, persa tra allucinazioni e realtà, tra criminalità e scrittura! :)))) Un abbraccione Emma!

    RispondiElimina
  30. grande blake, incisore e poeta, un immagine che vale più di tante parole, tante parole che creano immagini profonde.

    RispondiElimina