giovedì 26 maggio 2011

assaggio


Non sai eppure sei obbligato a porti la domanda. Tu in primo piano. A studiare il suo animo, ad animare il suo già morto desiderio di vita o a seppellire il suo intento. A vivificarne o ad abbatterne definitivamente essenza e simbolismo. Hai un ruolo fondamentale e te ne rendi conto solo alla fine, quando stai per scomodarti e abbandonare l'evidenza specifica: un reale che apre e si apre nell'immagine. L'albero che cede il suo frutto e salva in fine, col gusto della natura, della semplicità; la terra che accoglie materna e ripulisce, ricopre, riappacifica. Ripensi. Rivivi. Ritorni. Riscopri così una vitalità mai sperata, quasi immaginata e mai realizzata. Cosa era avvenuto prima? Non vuoi saperlo? Cosa succederà? Non sei in grado di vederlo? Perplesso, interrogativo, alla ricerca di ascolto e di contatto, è l'uomo, sei tu che non rinunci al dubbio e non sei capace di scegliere la conclusione ideale. Potrei aggiungere altra storia, io padrona della trama, riempire ogni interstizio, accettare l'invito e accostare un'altra portata. Ma decido di sposare l'essenzialità della sua arte, limpida e pura, cristallina e silente e scatto l'ultimo fotogramma, senza rimuovere e contornare, lasciando che viva senza cornice a tutto fondo, su una tela che si innesti alla perfezione nel circostante, una pellicola priva di nero e buchi, una sequenza unica che continui a trasmettere vita, cinema, poesia…

30 commenti:

  1. Ah, l'assaggio.
    Un momento magico nell'approccio ad un'altra realtà.
    E si sente sapore d'estate.

    RispondiElimina
  2. La scena ricorda un po' questo video.

    http://www.youtube.com/watch?v=bwpW9oH9taw

    E' un bel film?
    Grazie per la fiducia. Ricambio.

    RispondiElimina
  3. @MrJamesFord: sì lo sento anch'io e voglio pensare che sia calore buono a pensar e far bene! ;)

    RispondiElimina
  4. @46+2: Mamma mia Just, uno dei video più misteriosi della storia della musica! Mhhh… a senso non saprei: la forza di immedesimazione, l'empatia dei passanti, la sensibilità di uno sconosciuto che ti chiede perché e vuol entrare in contatto con te, ma sì dai… devo dire che hai centrato, Kiarostami è un regista che mi colpisce sempre, profondamente. Vedilo e poi mi saprai dire.
    Benvenuto, i commenti mi guidano sempre, e così vado a trovare gli autori e rimango volentieri. :)

    RispondiElimina
  5. A me colpisce molto la figura del dubbio. Del restare attoniti, sospesi, estraneati. Sarà che vedo me.
    Grazie a te della chiacchiera. :)

    RispondiElimina
  6. che film è? non posso vedere il video.
    alt! sì, ho capito qual'è. devo vederlo, ok, ho capito anche questo. :)

    RispondiElimina
  7. Qualcuno diceva che tutto l'universo si manifesta in una foglia o in un frutto.
    L'immagine rende palpabile questa cosa, così come le tue parole: ripensi, rivivi, ritorni.

    RispondiElimina
  8. che viaggio!
    il tuo post, il film, il video di Just e il suo testo, i blog di 46+2 e i commenti!?
    astemia non ce la posso fare__ qual'era la domanda?
    (torno in seconda sessione, meglio dopo l'aperitivo, col fresco:)

    RispondiElimina
  9. L'essenzialità... dote preziosa!

    RispondiElimina
  10. @46+2: bè sì probabilmente quella è la normo-reazione! :) ma dopo tutte le stranezze capitatemi, forse mi sarei sdraiata accanto a lui e basta ;)

    RispondiElimina
  11. @RobyDick: XXXXD non avevo notato non l'avessi visto! ;) *

    RispondiElimina
  12. @WebRunner: caspita… è vero, m'è bastato guardare quel ramo di ciliegie! che frutto stupendo e che colore vivo! ;)

    RispondiElimina
  13. @Teti900: ma come credevo tu fossi 'ebbra' tutto il tempo come me! :)

    RispondiElimina
  14. @MagneTico: Kiarostami è così… essenziale. Scarno. Spoglio eppure così ricco e 'adorno' e profondo. IO sono la contraddizione fatta persona, lo so. :)

    RispondiElimina
  15. Non mi sembra, ma se lo dici tu!

    RispondiElimina
  16. Pura essenza di vita, di storia, di cultura!

    RispondiElimina
  17. "sei tu che non rinunci al dubbio e non sei capace di scegliere la conclusione ideale".. mi ritrovo e poi mi perdo.

    RispondiElimina
  18. @AdrianoMaini: un centrifugato molto vitaminico quello di Kiarostami! ;)

    RispondiElimina
  19. @FulvioStrano: io faccio la stessa corsa. Andata e ritorno, destra e sinistra, giù sù... ehm vabbè :) mi son persa

    RispondiElimina
  20. proprio oggi ero sul ciliegio. come ogni anno mi concedo questo momento. il sole basso, tutto è dorato, c'è un vento tiepido che asciuga il sudore e io tra i rami come il dylan thomas della celebre poesia. i rubini gustosi che scrocchiano in bocca, lo sguardo che fugge tra le colline. questa è la felicità. kiarostami è stato uno dei miei grandi amori. grazie del post

    RispondiElimina
  21. Io ho bisogno di assaggiare una donna...

    RispondiElimina
  22. @Eustaki: la tua stessa gioia per il momento non posso condividerla perché i miei sono timidi, ma fruttuosi e giovani alberelli.. quasi quasi però potrei tentare di salire su qualche albero dei vicini. Basta scavalcare il muretto a secco e grande è la gioia di salire in cima come da bimba: la paura di essere scoperti, e l'audacia di un'età meravigliosa. ;) di nulla Kiarostami anche nel mio cuore

    RispondiElimina
  23. @InneresAuge: in effetti il paragone calza... e il nocciolo lo puoi anche mandar giù, i problemi vengon dopo! :)

    RispondiElimina
  24. Certi noccioli a volte rimangono in canna!

    Ps ti ho risposto di là

    RispondiElimina
  25. Buonissime e differenti, molto differenti!

    RispondiElimina