domenica 18 dicembre 2011

respingente


Scrivo, leggo, dipingo… e ricomincio daccapo. Non farmi complimenti. Ogni volta mi sento contorcere dentro, un intrico di rami e, peli, grandi come rami. Infilo le dita in gola ma non vien fuori nulla. Mi riempio di alcol, fumo per stravolgermi, sperpero ogni grammo della mia anima, ma niente, niente… e dipingo, leggo, scrivo. Sto uno schifo, altrimenti come vorresti chiamarlo? A me sembra uno scarabocchio. Perché non capisci un cazzo di arte. Potrà pur essere sconnesso, disturbato, profondamente devastato, ma è il mio: pensiero e segno. Permane e attraversa i fitti strati. A bordo, io, è un evento: gelo e vuoto insopportabile, atmosfera tesa a raggiungere vette impossibili e un salto nel buio denso, sempre più. In fondo, io, è un ricordo ed è il prossimo accordo, contrappunto necessario che m'introduce alla esplosione doppia. Una vita fa sarei stato felice e lei sarebbe stata soddisfatta di me. Fammi capire, non c'è un finale, non intravedo morale, non sento… mi penso sù; riscrivo: le dita viaggiano ormai attraverso la sabbia, urtano e trasudano solitudine. Viaggio senza limiti e con trasformazione. Pori e vesciche respirano, branchie improvvisate, epidermide trasparente, estremità palmate, abissi accoglienti. Sono ospite inatteso e scomodo ma questo è universo di suoni che non ammette confini, non vieta e non impedisce. Ci sto a meraviglia. Passo… Urgente rinascita, memoria appagante, infinito indefinito. Ci riesco. Scrivo e vomito. Leggo e mangio. Dipingo e mi vedo. Il mio pensiero come un vetro nel quale capovolgermi, riflesso e riverbero. In superficie infrango e ne tiro fuori solo un graffio. Ehi, maschera, ghigni? Dentro, io, è un ritorno ed è l'insegnamento, esagerazione ovvia, nuoto e giaccio nel mio mare d'inverno. IO, malato, risanato, patetico, spietato e folle… pronuncio il mio nome, dico io e subito evoco un personaggio in realtà tanto fantomatico-astratto-arbitrario quanto l'acqua si riconosce nel simbolo H2O piuttosto che sotto forma di grandine, torrente… ne venivi fuori e nascevi... auguri cara.
Jacques Rigaut Agenzia generale del suicidio

28 commenti:

  1. alla fine s'è ammazzato davvero...

    coerente.

    RispondiElimina
  2. Quella bocca spalancata è arte ... grande Wyatt, interessante Rigaut e perdersi in quei peli.

    RispondiElimina
  3. accidenti... che titolo e opera. mi segno il libro. e auguri ancora mon amour! :***

    RispondiElimina
  4. Mi ha detto un uccellino che cantava fuori dalla mia finestra di venire a fare gli Auguri alla mia meravigliosa amica Milena.
    Buon Compleanno carissima!!!! :-))))

    RispondiElimina
  5. “Tanto peggio o tanto meglio se sono fregato. Dov'è la differenza se queste pagine trovate sono la scrittura di due persone o una sola?” (Jacques Rigaut)
    ciao, e auguri, lucertola!
    click

    RispondiElimina
  6. @MagneTico: forse potrebbe essere l'unico mio atto coerente! :)

    RispondiElimina
  7. @Alli: uno dei libri più vicini a me in assoluto! ;)

    RispondiElimina
  8. @Roby: grande Roby… sintonicamente vicinissimi! *****

    RispondiElimina
  9. @Zioooooooo: uccellino? dove? fallo entrare… XXXXXD Grazie carissimo! ****

    RispondiElimina
  10. @Teti: lo amo! lucertola in tutto tranne che nella ricerca del sole… :) ******

    RispondiElimina
  11. Grande romanzo e grande film "Getaway"! Augurissimi!

    RispondiElimina
  12. A cosa mi è servito

    respingere questi mille uomini, e gli altri mille
    che fecero di tutto perché mi fermassi, mille
    volte pettinando le pieghe del mio vestito
    stanco di viaggi, o dicendo il tuo nome
    così bello in mille lingue che io mai
    avrei compreso? Perché era solo dietro te

    che correvo il mondo, era con la tua voce
    nelle mie orecchie che io trascinavo il fardello
    dell’amore di città in città, il tuo
    volto nei miei occhi durante tutto il viaggio,

    ma tu partivi sempre la sera prima del mio arrivo.
    Maria do Rosário Pedreira

    RispondiElimina
  13. Augurandoti un buon Natale e un felice anno nuovo, invito te e i tuoi visitatori a votare i migliori film e attori del 2011.

    I MIGLIORI FILM DEL 2011

    RispondiElimina
  14. Quindi non vomito solo io, sempre che la differenza non stia nel vomito.

    RispondiElimina
  15. Agenzia generale del suicidio è stato uno dei libri che ho consumato in un periodo storto dlla mia vita. "La prima volta che mi sono ucciso, è stato per scocciare la mia amante" adoravo questa frase. Un bacio donnapetrolio.

    RispondiElimina
  16. Intanto buon compleanno passato! E mi raccomando, di scarabocchi continua a farne più che puoi...ma tanto che te lo dico affà, tu sei una delle persone che maggiormente mi dà una sensazione di continuità...bella, ti assicuro. Non so più che cosa ti ho scritto e perché, ma non rileggo, voglio inoltrartelo così :) Un bacio

    RispondiElimina
  17. Auguri di Buon Natale e di un sereno Anno Nuovo

    RispondiElimina
  18. Immàginati completamente ricoperta da terra pesante che ti fa muovere con fatica. e prova a camminare. lentamente. io ne vengo fuori così.

    RispondiElimina
  19. @Lorenzo: letto a natale.. non c'è prezzo che io possa pagare a voi commentatori! ;) *

    RispondiElimina
  20. @Nico: e così devi scrivere di getto.. ;) ché ci vuoi pensare? :) *

    RispondiElimina
  21. @EmmaPeel: sò strana? Lo leggo sempre.. :) anzi forse nei momenti meno bui! 666)

    RispondiElimina
  22. @Mark: è una pratica comune a chi vuol rivedere, sondare, analizzare! / e questo sembra esser il segno (emoticon e reale) più ricorrente: dubbio.

    RispondiElimina
  23. @Ernest: il tuo taccuino come il mio è colmo! ;)

    RispondiElimina
  24. @Adriano: non a caso il secondo citato è annata significativa! :)

    RispondiElimina