lunedì 5 dicembre 2011

via da me

Io che guardo,
son rimasta contratta,
petto in subbuglio e testa fuori.
Abbagliata da quella vista, penso:
qui voglio stare, ogni altra terra mi annoia.

Digiuna da giorni, comincia a sentire i morsi, che poi
quanta carne l'è rimasta ancora?
Viso emaciato, mani inerti,
fuori soffia un arido scirocco,
vento che acceca, pesante e infido.

Io che sento,
m'aggrappo alla spalliera, davanti a me.
Mi alzo e m'allontano piano, son passati tredici mesi.
Tagliata in due dai suoi lamenti, dico:
qui devo stare, ogni altra casa mi respinge.

in sottofondo musica intangibile, metà fisica metà aeriforme, quinta e sesta traccia, passaggio da stato liquido a gassoso, attraversa, si sofferma a incidere, scolpire; lavorio… si modella.. prende forma.
Poi parlerà anche a voi. Lui ora è qui.


Ah! a questo punto potrei fingere o tacere; ma a che cosa mi serve questo racconto se non è più veritiero?

André Gide

20 commenti:

  1. Un'altra tempesta che evoca visioni, come hai detto dalle mie parti.
    Roba da qualche giro di bicchieri, e vedere dove si va a finire.

    RispondiElimina
  2. che poi l'importante è andare...

    RispondiElimina
  3. detesto soffermarmi sull'ultima frase del post che considero un'abitudine da distratti, ma in questo caso mi viene da fermarmi su quella perchè quasi non riesco a leggere la parte che la precede.
    mi sembra così privata!
    (vero che ultimamente sono "sensibile" all'intimitità condivisa)
    sembra c ome anche tu stia avviando o abbia iniziato un cammino all'in"dentro" anche più del solito.
    che sia l'autunno che sta per schiudere all'inverno?
    vedremo! ^__^

    RispondiElimina
  4. Che sono belle le espressioni di emozioni di quelle donne, vere od anche finte, non importa, perché per poter esprimerla occorre sempre sentirla. Specchi di verità che toccano sempre il cuore.

    RispondiElimina
  5. ma dobbiamo vivere solo di cose veritiere? speriamo di no

    RispondiElimina
  6. @Giardi: sì, ma vivo (o dovrei vivere) di una professione che ormai è solo favola, e mi sono un po' disaffezionata all'idea di guadagnarci sù! /

    RispondiElimina
  7. @Teti: massì ché son momenti, attimi… poi ti fermi a pensarci e son passati anni, decenni. Tutto intorno è uguale e tu sei un'altra persona! ;) *

    RispondiElimina
  8. @MrJames: altro giro, altro viaggio su qualsiasi mezzo canonico o di fantasia (come per l'album dei monorail quissù) ;)

    RispondiElimina
  9. ogni volta che leggo un tuo verso ne esco sconvolto. Non so mai se odiarti o amarti per ciò che la tua arte mi fa.. Credo sceglierò l'ammirazione sconfinata!

    RispondiElimina
  10. Tutti volti pensierosi ed in lacrime incorniciti da chador appena appoggiati
    tu che guardi
    tu che senti
    digiuna da giorni
    Il tutto che finisce con una finzione

    RispondiElimina
  11. Quello che più mi piace sono i piccoli rumori in primo piano. E io odio il rumore.

    RispondiElimina
  12. Se li si rompessero saremmo sopraffatti dalle immagini multiple che ci toccano il cuore. Se si rompessero tutto, non resterebbe alcune immagine, poi finalement non resterebbe alcun cuore per esserne toccati.

    RispondiElimina
  13. @SerVlad: medesima sensazione quando guardo le tue foto… ;)

    RispondiElimina
  14. @Mark: per me i volti più belli!

    RispondiElimina
  15. @Lorenzo: io sono votata al silenzio più assoluto

    RispondiElimina
  16. @Mirino: me lo auguro… sono annoiata dalla riflessione sempre uguale!

    RispondiElimina
  17. E' da se stessi che è difficile staccarsi ed essere via :(

    RispondiElimina
  18. Diamine se fosse semplice saremmo tutti migliori! ;)

    RispondiElimina