domenica 16 settembre 2012

interplay



Ben poca cosa, ben poca cosa. Rare occasioni di conoscenza son riuscite a creare uno stretto legame di appartenenza affettiva e profonda identificazione empatica come l'ultima capitatami: una di quelle esperienze che hai fatto tanto per evitare e poi, quasi per caso, sicuramente per volontà altrui, ti sciolgono un nodo che sapevi di portare legato tra gola e nuca, ma che non avresti mai osato sperare che lo straniero sapesse cercare, trovare e districare. Il silenzio soffocato si sposta come un grumo indigeribile, si nutre e si incarna e poi esplode in un urlo amplificato e gracchio come solo attraverso un megafono potrebbe essere. Quel tramite è una sorpresa, un mezzo scovato, un sussurro agro, un consiglio dimenticato, sepolto sotto i cartoni dell'anima che l'anima non sposta non ordina perché non diventi chiaro e preciso il confine mai superato, da sempre evitato, accuratamente nascosto. Ma la linea del fuorigioco è ricomparsa, appena tratteggiata, ma è lì, e ci son finita di faccia, in bocca gesso, terra e sintetico, sputare fuori e rimettersi in gioco. Problema: dove attingere e quanto preservare. Due dubbi cristallizzati nella realtà in cui vivo e in essa talmente stratificati che non riuscirei a separarli nemmeno a picconate. Soluzione. Svestire i panni consueti e indossare la verità esistenziale libera dalle folle di maschere mistificanti e traditrici e dai conformismi facili e menzogneri. Non faccio altro che rivolgere fatwe deliranti ed elargire stoccate mordaci. Sembrano sortire nessun risultato, inconsistenti e deboli come la mia voglia di rintracciare l'ineluttabile ideale tragico e di ricucirlo in ennesima retorica illusione. Perenne insofferente che inchioda e schiaccia al muro le promesse non mantenute destinata a una esistenza scissa e incoerente, ma ribelle e combattuta, eternamente fuori luogo, vibrante ed estatica imperfezione, due entità che proseguono urtandosi, incrociandosi, scontrandosi, come uno sbuffo continuo e rumoroso, una danza impazzita improvvisata in mezzo alla moltitudine annoiata anonima fredda, impigliata nelle pieghe dell'indifferenza e chiusa nella pesante collezione dei simili, dei modelli. La strada è libera, han fatto effetto le partenze intelligenti e io mi incammino, o almeno così ricordo. Rimarrai sola. Lo sono già.

Non siamo che poveri peccatori, credo, e tutto ciò che abbiamo e tutto ciò che conosciamo e amiamo e ricordiamo è esposto alla polvere e alla ruggine.

J. Cheever 


foto Mira - Romeo and Juliet, William Shakespeare, By any other name theatre, University of East Anglia - Aia di Carlo Formigoni, settembre 2012

26 commenti:

  1. a volte meglio nemmeno farle le ferie, che poi quando si torna è anche peggio di quando si è partiti:(
    e così ti ho aggiornato di quanto accaduto in tua assenza: tra il niente e il peggio.
    qualcuno prova a reagire, ma per ora resta in minoranza e gli altri si stanno prendendo a mazzate per colpa di qualche buddha o ce la mena per il naso.
    comunque ben tornata:)


    RispondiElimina
  2. lo so, lo so, la penso anch'io così, come potresti ben immaginare.. il problema più grosso è che le ferie degli altri vengono a incontrare o scontrare le mie insoddisfazioni (e stavolta ho avuto una gran voglia che mi avessero infilato nelle loro valigie) :/
    Grazie, ben ritrovata!

    RispondiElimina
  3. Tutto esposto alla polvere e alla ruggine: terribilmente vero, di una verità a volte disperante ma a volte persino consolante...
    Bentornata carissima! :)

    RispondiElimina
  4. grazie Caro Zio, benritrovato * hai proprio ragione, sembra che quello strato di polvere e ruggine in realtà conservi, finché arrivano mani che sappiano maneggiare sia i ricordi che le vite intere

    RispondiElimina
  5. Ammetto di non aver colto molto bene il nesso, ma questa frase è significativa: " Problema: dove attingere e quanto preservare." Questa è la vita, la scelta delle migliori risorse che implica anche comprendere cosa è da portare con noi e cosa è da lasciare lungo il percorso... Solo l'esperienza ce lo può insegnare, almeno questo è quello che penso io...
    rispettosamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cerco anch'io il nesso tra i miei scritti e la realtà, da tre anni :) credo che ci sia, a volte, almeno tra i miei pensieri una traccia ci sarà. Spero, almeno, che sia tra 'quanto preservare'. Un abbraccio, rispettosissimo! ;)

      Elimina
  6. Smania, insofferenza, fame di vita e di verità, dinamismo furioso e aggraziato come danza... Caos che è perfezione, dissoluzione che è integrità. Questa è una donna :)

    RispondiElimina
  7. Sono contento che sei tornata. Ora rileggo una ventina di volte, così magari ci capisco qualcosa.
    3)
    (cit.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. alla 17esima mi farò trovare all'incrocio, sperando che almeno uno dei due sappia dove andare! 666)

      Elimina
  8. Bella musica su cui mi sono aggiornato!
    Bentornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie caro, lo adoro.. in tutto ciò che ha fatto e farà, il 'ragazzo' ha una storia lunghissima e, spero, ancora e ancora! ;)

      Elimina
  9. Non salvarlo dalla tristezza, solitudine,/ non curarlo dalla tenerezza che lo insidia./ Dagli dolore, stringilo tra le tue mani,/ mordigli il cuore fino a che impari./ Non consolarlo, lascialo disteso/ sul suo letto come un fascio d'erba.
    (Jaime Sabines)

    RispondiElimina
  10. Ci sono conoscenze che avvengono davvero per caso, ma che ti cambiano la vita! Penso anch'io di raccontarne una molto presto...era il 1992, e da allora la mia vita non è stata più la stessa.
    Un forte abbraccio Milè, a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, attendo! ;) * abbraccio anche a te

      Elimina
    2. Attesa terminata :-) Il post è lunghetto, per cui non occorre che tu lo legga tutto...però ti volevo avvisare che sei citata all'inizio :-)

      Elimina
  11. Per vivere bene bisogna avere il senso del kairos. E tu secondo me ce l'hai :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a volte ne soffro particolarmente.. vorrei essere meno, come dire, 'attenta'! :) Ne hai una buona dose anche tu! *

      Elimina
  12. Ma... "rimarrai sola" nel senso che resterai na'sola a vita?

    RispondiElimina
  13. Risposte
    1. XXXXD non riesco a commentare dal Mac.. rispondo ora dal pc: 'l'una e l'altra'! :p

      Elimina
  14. Quando leggo queste cose sul tuo blog, mi vado a documentare sulle cose che non conosco. E non è affatto banale. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, mi sento meno sola (sòla) :))) *

      Elimina