sabato 15 dicembre 2012

equi voci



Vivo a puntate. Ognuna della durata di una decina d'anni. La mia vita è un feilleuton. Ha tutta la forma espressiva della storia proiettata su grande schermo e la ragione d'essere della telenovela in tv e perciò ammalia, divulga, fidelizza, ma allo stesso tempo muta continuamente nel tempo. Sono una volubile seriale. Le vittime: i rapporti, le convenzioni, l'abitudine. C'è un'incredibile proliferazione narrativa, la reiterazione delle soluzioni narrative; coinvolgono e travolgono… fors'anche la narratrice. Cerca di sottrarsi alle logiche del suo lavoro e a tratti vi riesce perché fondamentale caratteristica sua è l'immagine, la fantasia il suo primario elemento comunicativo. Lei in primo piano, lei in secondo e terzo: una serie di quadri in movimento, piani di sequenza mai statici, tante inquadrature differenti fanno l'opera proteiforme che racchiude e si apre ad ogni parola, ad ogni sguardo, in follia, in delirio, su passione, su ardore. Sono innamoramento a prima vista e profondità di campo; è rigore inossidabile e scioglimento costante; sei innocenza e calcolo. Chi sarebbe il regista di tale mirabile azione? Ma io medesima, chi altri potrebbe mai muovere le inquadrature così complesse, chi trasformare di continuo le identità, raccontare le storie dentro altre storie, rivelare e celare, ricostruire e collassare… Le radici erano già chiaramente vitali e si rafforzavano ad ogni deliquio, ad ogni temperatura sopra i 38 gradi. Prendevano vita tra le lenzuola umide, si nutrivano della miracolosa fluidità dei miei pensieri e tali erano i caratteri e i soggetti che si ramificavano anche a mia insaputa, le vicende si intricavano consapevoli o meno. Grandi arti feci delle mie maschere, tutte sognate, tutte ipotetiche, cadevano e cadono, rivelano le ombre e svelano le luci del mio personale teatrino. Vertigine? Può darsi. Batter di ciglia fugace che muove le marionette ignare e complici, scivolano e si dissolvono come lacrime di gioia e commozione.

20 commenti:

  1. Grande scoperta Guerre Froide, e bella riscoperta Bergman... Grazie!
    Un abbraccio.
    667 ;)

    RispondiElimina
  2. Una grande scoperta anche per me, tanto di cappello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bella musica, di quella che aggiungo sempre alla colonna sonora infinita della mia esistenza ;)

      Elimina
  3. e qui voci _ da l'al dì là _ a cui sci _ quà _ o lì
    ^_^

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. la apprezzo come definizione, la assumo come perenne! ;)

      Elimina
  5. sempre estremamente esplicita , frammentaria, ogni tua frase ci stupisce, ci scuote ..spesso ci travolge!
    L'abitudie, eh si...la compagna costante della nostre giornate che allontana la vertigine e il perdere noi stessi, sensazioni che ci farebbero scoprire maggiormente il nostro vero "io"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. son contenta che i miei testi risultino espliciti non solo a me... fai parte delle persone 'giuste' *

      Elimina
  6. il creativo vero è per forza di cose sia compulsivo che scavatore. fattelo dire da uno che - quasi al termine della quinta puntata - ha piena coscienza di non esserlo :)

    RispondiElimina
  7. Quando leggo post come questi mi sento tanto, tanto ignorante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. te l'ho già detto, ma non ci credi... dirò che sei nell'età di chi scopre tanto *

      Elimina
  8. Risposte
    1. ci inciamperò, come da copione... :) *

      Elimina
  9. "Volubile seriale" potrebbe servirmi. Me lo presti?

    RispondiElimina
  10. Posso dire "che bella e solare donna" in riferimento alla fotografia?
    Auguri di Buone Feste!

    RispondiElimina