lunedì 28 gennaio 2013

maschere



In questo sottile, ma ostentato gioco di specchi, che segna i confini precisi, il mio ruolo è sfumato sempre;  i miei sogni e i miei desideri latenti, penetro con violenza nelle vite altrui, ne spazzo tutte le sicurezze, metto a nudo i disastri, ne confondo i tratti, mischio il dentro con il fuori e, in punta di piedi, con indosso solo vestiti leggeri, esco, anche se ci fosse neve, anche se ci fosse bufera. Rimane tutto confuso, il quadro per nulla definito, quella iniziale volontà di verifica della corrispondenza tra possibile e reale scomparsa, volatilizzata, dispersa. Sono un soggetto provocatorio, anaffettivo… son diventata un oggetto, un luogo, un perché con punto di domanda, un percorso privo di sintesi e di indicazioni, analitico poco, evoluto quanto basti ad escogitare nuove vie di fuga e ignorare gli innumerevoli segnali di pericolo. Ad ogni stagione imbastisco una storia, sfodero le mie armi micidiali e risalto tecniche e tattiche nuove per dar vita a una guerra ad armi pari, a volte, impari, spesso. Lo sento il capolinea, ne avverto la presenza ad ogni crocevia, destra o sinistra, dritto, indietro. IL transfert, i pensieri nascosti nei varchi del sedile alla guida, le fantasie erotiche in contrasto con la banalità di amori scorti nello specchietto retrovisore, i riflessi di un equilibrio personale chiuso nel bagagliaio insieme a cesoie, spugna e ombrello e la ruota di scorta e il viaggio continua ripercuotendosi sulla mia personalità, schiacciando le resistenze del manto stradale, consumando i passeggeri, mettendo a nudo gli autostoppisti del caso. Tu mi dici che c'è un programma di percorrenza, un itinerario da seguire rigorosamente. Io alzo il volume dell'autoradio.

'L'uomo che si assume il compito di individuare nell'arazzo il filo che tutto ordisce si fa carico del mondo'
C. McCarthy

19 commenti:

  1. Il mio sedile di guida di solito più che varchi ha i buchi causati dalla cenere delle cannette.

    RispondiElimina
  2. Cosa c'è, Milenozza? Ti sento più truce del solito ultimamente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. noooooooooo! che me lo dica tu che mi dicevi truce anche all'inizio... inizio a preoccuparmi! :D

      Elimina
  3. sesso al capolinea. altro che sedili ribaltabili....

    RispondiElimina
  4. Spero vivamente che tu un giorno, aprendo quella radio, possa sentire me.

    RispondiElimina
  5. signora, mi scusi, per favore, può chiudere il finestrino che mi arriva l'aria nel collo? ^_^

    RispondiElimina
  6. Molto sensulale, complimenti per il disegno NO CAPTCHA DAY.

    RispondiElimina
  7. Immagini e pensieri molto liberatori, si sensualli ;)
    p.s.
    DISLUCCHETTATEVI
    ... geniale tu!

    RispondiElimina