mercoledì 6 aprile 2011

donna giovanna


Desiderio che cominci in un'ora… la sveltina va bene con il vicino di sgabello al bar o con il dirimpettaio in metro. Con te, no. Per un attimo ti si alleggerisce l'anima. Poi torni cupo. Per assurdo, dici, non dovrei esser contento, son uomo da fuochi fatui non da falò perpetui. Niente paura: sarà diverso ogni volta, ti rassicuro. Porto colori diversi e imbratto la tela con le mani, la segno, la strappo; mi ci siedo sù, non ho voglia di incorniciarla, la butto in terra ci cammino a piedi nudi. Ne tiro fuori uno spirito nuovo, quello della carne e quello del dialogo, quello dell'imbarazzo e quello del lazzo. Lo sai che non parlo quando faccio sesso se non per introdurre barzellette oscene… senza mai arrivare alla fine, esplorando tutti gli angoli della tua bocca, i giri nervosi dei tuoi occhi, le grinze delle lenzuola sotto le dita, ogni tua reazione, divertita o stizzita. Ti impedisco la parola con un doppio segno rosso a intersecare sull'imbarazzo della lingua e azzardare al centro con la mia esplicitando il principio dell'erotismo sfrenato e dilatandolo all'inverosimile, slabbrandola e raccogliendola a ripetizione verso il basso, in direzione ostinata e contraria. È uno spettacolo, mi compiaci. Sono infastidita da questa tua improvvisa decisione di rendermi partecipe. Lo sai che non ti cito quando soddisfo se non per sottolineare limiti e difetti. Stronza. No, astuta. Non riassumo, non rievoco. Ti paralizzerei come davanti a una opera meravigliosa. Come si chiamava quella sindrome? Che le lezioni e gli insegnamenti ti facciano solo solletico e un leggero prurito. Che le esperienze precedenti siano lasciate per ultime, nascoste da qualche parte, interrotte o consumate. Non ti sta a cuore. Ci son quelli a sfondo sessuale, quelli rose e fiori, quelli timidi e chiari, con accenno di rilievi e spine con cui intavolare sane discussioni e celebrare sacramenti, quelli. Io non sono né sacra né mento quando, seria seria, in pubblico e in privato a consuntivo e in anticipo di una vita, mi faccio l'idea, la stupro quasi da seminferma, senza attenuanti però, reprimo tutti i miei falsi pudori ed esalto le mie azioni più immorali, gioco con il prepuzio delle mie convinzioni, carezzo piano le pareti irrorate, senza pass e invito, m'imbuco e arrivo finalmente a quel punto giallo splendido. Certo, giallo. Esplode come quando fissi il sole, diventa tutto bianco, nero, e nel buio pesto, c'è un sole più piccolo… un castello che si sgretola, un casino senza maitresse, un pugno di piacere diffuso e raccolto, scorre e ti riempie palmo, pori e linee.



Perché Dio non soffia sul sole non soffia e lo spegne, che tutti si rotolino l'uno sull'altro nella lussuria, maschio e femmina, uomini e bestie? Fatelo alla luce del giorno, fatelo sulla mano di qualcuno, come le mosche.
Woyzech - Werner Herzog

32 commenti:

  1. che testo mostruosamente erotico mile'! o ho capito male? può essere eh, ché un effetto collaterale del non fumare è che la circolazione sanguigna ha avuto un'Impennata che non ti dico, e quindi... c'ho il chiodo fisso, ahahah!

    RispondiElimina
  2. @RobyDick: poi ha anche il coraggio di sostenere la sua incomprensione dei miei testi! Certo ch'è erotico! Avevo da tempo in mente il pozzo-fonte 'amoralia', ne ho partoriti un bel po'… :*******

    RispondiElimina
  3. se fossi un uomo mi faresti paura, erotica all'inverosimile...in direzione ostinata e contraria...magnifica citazione.

    RispondiElimina
  4. @AdyHappyBorn: ://// non vorrei mai far paura! si disquisiva in altra sede di quanto sia velata la mia seduzione ed empatico il mio approccio al sesso maschile, ma forse la paura di cui parli tu è una disposizione al rispetto reciproco, quella che riscontrerei anche nel tuo caso, perché avverto la medesima ironia in te, ironia bella e sottile, l'intellighenzia o intelligence delle moderne Mata Hari! *****

    RispondiElimina
  5. non sono né sacra né mento... mi faccio l'idea, la stupro... CHAPEAU! (con lo scappellamento a destra, pardon, a sinistra... come foss'Antani, o Retrocazzi...) :-))
    667

    RispondiElimina
  6. @ZioScriba: occhio attentissimo! :)))) scappellamento accolto! *****

    RispondiElimina
  7. Testo mostruosamente anticlericale, ora scappo in bagno

    RispondiElimina
  8. Pensa che, invece, io ho percepito più thanathos che eros.
    Sarà che sono un sostenitore della passione, e della vita.
    Un testo oscuro davvero.
    Quanto la citazione di Herzog, crudele come a volte può essere la Natura.

    RispondiElimina
  9. @InneresAuge: XXXX:D e non mi scoprire troppo, cavolo, il concetto anti-credo è la prosecuzione di questo… qui si scorge, in altri si rende evidentissimo! :)))) *****

    RispondiElimina
  10. @MrJamesFord: acutissimo, è un discorso un po' troppo lungo, ma ti anticipo che io li vedo molto molto legati i due aspetti, anche nell'atto sessuale in sé! :) Herzog, un genio! quasi quasi ti prenoto un suo film sulla tua bella rubrica-consumazione-libera! :) devo consultare la tua lei o andiamo tranquilli? ;) *

    RispondiElimina
  11. Il prepuzio delle mie convinzioni.
    Pareti irrorate.
    Chapeau.
    (Stendhal, si chiamava. Quella che si affaccia in questo momento. :D)

    RispondiElimina
  12. @WebRunner: ne han sofferto i tuoi amici tifosi alla vista dell'opera d'arte che passava correndo? :)))) baci ******

    RispondiElimina
  13. Bello il pezzo, bello il disegno (ma forse l'ho già detto).

    RispondiElimina
  14. Con Herzog si va sempre tranquilli, tranquilla!
    Richiedi pure!

    RispondiElimina
  15. Ah, e i discorsi lunghi non mi spaventano!

    RispondiElimina
  16. Bellissimo, donna sveglia e imprevedibile! Un ritmo nell'amplesso molto simile al mio - e anche nell'esito: che abbia anche tu una mente che produce così tante sostanze in quei momenti da produrle visioni di luce? Leggi qui, mia cara, http://minervajones.blogspot.com/2010/11/le-visioni-durante-lestasi.html

    RispondiElimina
  17. @Alli: sì, t'ho letto nel pensiero! :****

    RispondiElimina
  18. @MrJamesFord: perfetto! allora ci penso, non vorrei far troppe richieste, discorso lungo a parte, su alcuni registi non riesco, non posso, non voglio decidermi! ;) ma farò uno sforzo! :))))

    RispondiElimina
  19. @MinervaJones: ecco qui potrebbe scaturire uno di quei discorsi lunghissimi, ma vorrei non tediarvi e poi le delucidazioni (se così possano chiamarsi i post di Petrolio) verranno da sole… Ho esordito con questo post e in cima, in mezzo, e in fondo c'è La Monte Young assolutamente NON A CASO… Il minimalista per eccellenza, colui che sembra (secondo il mio poco 'studiato' parere) "riassumere" una sana seduta di sesso. In realtà per me non è estasi, e si comprende dal dialogo simulato tra i due (o forse più?), non è stendhal, quella la riservo per le opere d'arte di fronte alle quali Io entro nell'opera non chiedo spiegazioni (odio le guide e i tecnici, li vorrei prendere a morsi), vivo con chi l'ha regalata a me e io ricambio, spero, ripagandolo con lo sguardo perso… in amore no, son contraria a tutte le tesi e le pratiche tantra, mantra eccetera, ecco sì, son sveglia, reattiva, poggiata, appesa, sostenuta, issata, sento, piango, rido, parlo, urlo, sussurro, legata e sciolta, duri un'ora, cominci in un'ora come questa musica che scende e sale, ritmo, spontaneità, ma voluta fortemente desiderata e sperimentata, piacere di conoscerti, notte, morte, rinascita! ;) il minimalismo amoroso… pochi mezzi per salire in paradiso o precipitare all'inferno… niente misticismo, solo una de-composizione dell'essere e del fare, dell'esserci e del farsi, male e bene!

    RispondiElimina
  20. Ecco son di lungo andata oltre! :)

    RispondiElimina
  21. "In realtà per me non è estasi" + "son sveglia, reattiva, poggiata, appesa, sostenuta, issata, sento, piango, rido, parlo, urlo, sussurro, legata e sciolta, duri un'ora, cominci in un'ora come questa musica che scende e sale, ritmo, spontaneità, ma voluta fortemente desiderata e sperimentata, piacere di conoscerti, notte, morte, rinascita! ;) il minimalismo amoroso… pochi mezzi per salire in paradiso o precipitare all'inferno… niente misticismo, solo una de-composizione dell'essere e del fare, dell'esserci e del farsi, male e bene!"...
    Noooo, questa non è estasi e non è misticismo.... noooooo, è una scopata di passaggio giusto per buttare fuori un po' di liquidi interni accumulatisi se non hai periodicamente un orgasmo, vero? :-D
    Forse non hai capito bene l'altissima dose di spontaneità e minimalismo di ciò che vivo a mia volta e che credo di descrivere spesso, che è proprio una cosa organica che viene dalla situazione in sé - nient'altro (attenta che il riferimento finale a quel testo sul sesso tantrico l'ho messo solo perché m'è piaciuto, si vede bene dal mio post che non c'entrava proprio nulla ma che lo indicavo proprio perché mi piaceva e basta).
    Ti chiedevo proprio solo dei colori e delle eventuali immagini davanti agli occhi :-)

    RispondiElimina
  22. ahahahahahahah! sì rileggendola effettivamente potrebbe sembrare, ma è un elenco di sensazioni, se volessi affiancarle a colori o immagini, ma dovrei pensarci dopo, nel mentre …ehm, no :))) se dovessi analizzare la questione forse, direi che sono una che dimentica i sogni, forse è questo il caso! Sono un disastro. Al mattino vorrei ricordare chiaramente quel che è successo durante la notte, ma niente… poi dopo una settimana frasi di film, citazioni di libri, fotografie, quando? quando non c'è nessun motivo di ricordarle! ://// più decomposizione di così! :))))

    RispondiElimina
  23. passione che esplode in ogni singola parola. E l'uso parco della punteggiatura porta l'estasi a vette incredibili. E' un saliscendi imprevedibile...Grande Milena! ;)

    RispondiElimina
  24. @TuristadiMestiere: viaggio… :)))) *

    RispondiElimina
  25. La passione sfornata dai tasti!!

    RispondiElimina
  26. @Ernest: son ancora bollenti! :)))

    RispondiElimina
  27. Una Valentina ancora più intensa di quella di Crepax!

    RispondiElimina
  28. @AdrianoMaini: addirittura… che complimento! Crepax… uno dei miei illustri maestri da imitare e da onorare! ;)

    RispondiElimina
  29. Niente, so gli effetti della visione contemporanea di Belpietro e Stracquadanio

    RispondiElimina
  30. @InneresAuge: porc… non fare quei nomi nel mio blog… vuoi che mi prenda un attacco di intolleranza epidermica simulato nei confronti delle zecche e dei sanguisuga? :)))

    RispondiElimina