giovedì 21 aprile 2011

s'accolla


Lo faccio spesso. È un gioco non molto avvincente, ma una passione e un continuo spunto. Ho una duplice passione: ornitologia e musica. Note e migrazione. Si somigliano, son modulate, raccolte e posate su fili talmente sottili che ci vuol poco e via han già spiccato il volo. Lasciano tracce qui e là. Istinto e mistero. Io offro supporto e tana. In obliquo convivo disinvolta con classico, lento, veloce, imprevedibile e tutto da scoprire, escludo a priori le sterili classificazioni, e ritrovo, ugualmente, una omogeneità di contenuti e identità, derivante dalle sfumature che scolorano, evidenziando affinità e sapienti intrecci.
Nel radar ho già intravisto il segnale lampeggiante. Sta a indicare il passaggio di uno stormo in movimento. So già che, tempo pochi minuti, alcuni esemplari colpiti a morte precipiteranno sugli alberi spogli nel mio giardino. Alcuni son già planati bassissimi, avvisandomi, dell'imminente tragedia. Sono stata sempre una perfetta riserva: sapiente e saggia sporta di consigli, distribuiti non a piene mani, ma con parsimonia, perché si sa, bisogna far sentire la presenza costante, ma bisogna anche saper essere necessarie. Lui è lì, in una pozza di sangue. Piumaggio strapazzato, coda mutilata, zampette straziate.
È difficile salvarlo. Sarebbe più saggio tirargli il collo e non farlo soffrire oltre. Certi uccelli godono delle squisite maniere degli abitanti di alcune terre, e nonostante l'abitudinaria fine alla quale vanno incontro, amano tornare, indugiare fluttuando nel cielo azzurrissimo e scherzare sulle onde sferzanti dei luoghi natii. Le rotte potrebbero esser cambiate, gli istinti dovrebbero esser disciplinati, le sensazioni inconsce dissuase e manipolate… ma è più forte, più potente. Ed eccoli, ogni anno confermare e partire, affrontano mesi di interminabile viaggio sospeso e guidato dalla corrente verso le agognate mete. Arriva la primavera, ma dalla varietà di modulazioni e suggestive note effettuo una povera raccolta: esserini privi di vita, colpevoli delle proprie illusioni, vittime delle proprie delusioni.

36 commenti:

  1. ci sono miracoli che è difficile pensare imperfetti, soprattutto quando la vittima ha la sola "colpa" di volare verso un sogno, che sia la sopravvivenza o un desiderio, poco importa.
    Sei una bellissima riserva :)

    RispondiElimina
  2. mmm...io vorrei essere una pica pica....!

    RispondiElimina
  3. Questa volta non sento la tormenta energetica cui sono abituato.
    Evidentemente queste migrazioni lasciano segni di colpi di becco.

    Non preoccuparti troppo, vento e cielo azzurro basteranno a curare ogni ferita.

    RispondiElimina
  4. non avrei mai pensato ci potesse essere un collegamento tra migrazioni e musica ma ho trovato molto affascinante la tua descrizione.splendida musica poi...

    RispondiElimina
  5. In fondo ogni movimento pur leggero
    rilascia un suono
    basta solo ascoltare e non sentire

    RispondiElimina
  6. ... ma non vittime della volontà di altri. qualcosa che viene portato avanti con costanza nella vita occorre, un minimo d'ancoraggio, una radice anche flebile. un modo per resistere e rifiutare il ruolo di banderuole, ché la loro natura prevede quei luoghi e quei tempi per essere ancora definita tale.

    RispondiElimina
  7. Anch'io sono incantato a vedere gli stormi. Che tra l'altro non hanno un leader e non si sa ancora bene come gli uccelli si intendano tra di loro. Però non li avevo mai abbinati alla musica e adesso che ci penso danzano anche nel cielo. QUI un enorme stormo che fotografai attorno al Pirellone a Milano.

    RispondiElimina
  8. Ieri, mentre stavo fuori sul dondolo "a lavorare" (non è uno scherzo, è il bello di un "ufficio" che a volte può trasferirsi in esterni, in mano bozze da correggere e un cordless pronto lì vicino...) ho sentito un richiamo inusuale, ho guardato in su e, che spettacolo! Un passaggio di oche!!

    RispondiElimina
  9. Come uno stormo anch'io voglio passare un'attimo dalla tua tana prima di andare a casa, che son già le sette e mezzo passate! :-)
    Bello quello che hai scritto...semmai ci fossero stati dubbi! Forte il contrasto fra bellezza e bruttezza ("migrazione e musica" contro "specie di abitanti di alcune terre")! Rilassante la lettura e l'immedesimazione! Bravissima! Un abbraccio e buona serata

    RispondiElimina
  10. Bello, bello. Ornitologia e musica. Perfetta simbiosi. Con le tue parole e quella musica pure un Dodo avrebbe imparato a volare. [baci ragazza con il muso]

    RispondiElimina
  11. @Frammentaria: vedo che non c'è alcun bisogno di spiegazioni, tu hai colto in pieno e m'hai fatta fuori :)))) Il sogno spero rimanga vivo, comunque continuino ad andare le cose! ;)

    RispondiElimina
  12. @Emma: ladruncola! Per colore del piumaggio ci siamo... :)

    RispondiElimina
  13. @MrJamesFord: effettivamente... la tormenta e l'energia sembra abbiano perso forza distruttiva :/

    RispondiElimina
  14. @InneresAuge: sono animalista sì 666)

    RispondiElimina
  15. @OcchioCavo: i tuoi sensi son acuiti al punto giusto, 'Warrior' è la colonna sonora ideale per riprendere fiato! ;)

    RispondiElimina
  16. @Ernest: sono qui in ascolto... avverto e indugio sull'attesa! ;)

    RispondiElimina
  17. @RobyDick: non sai quanto bene mi fanno queste parole... le conosco, le so anch'io ma a volte sembra così lontano quell'ancoraggio! ******

    RispondiElimina
  18. @Alberto: hanno sempre avuto un fascino particolare, girovaghi ma con una meta precisa, sono così legati alla nostra esistenza, a quella dell'intero pianeta ché ho paura al pensiero di non scorgerne più!
    Stupendo lo stormo! ;)

    RispondiElimina
  19. @ZioScriba: ocozze bellissime in viaggio sul tuo capo? mhhhhh.... animali fieri e burberi, e noi le paragoniamo alle femminuzze stupide! :/ *****

    RispondiElimina
  20. @Nico: buona serata anche a te, amicone musicale! ;) ******

    RispondiElimina
  21. @FuEmmaPeel: arrivooooo Kiwi che riuscirebbe a spiccare il volo anche a fettine! ;) ciao donna morta ma bella come viva! Nemmeno un fiore sulla tua tomba... :/ Immagino l'epitaffio! *****

    RispondiElimina
  22. "colpevoli delle proprie illusioni, vittime delle proprie delusioni". Sì, spesso è triste il destino dei migranti.

    RispondiElimina
  23. Credo siano folaghe (parere di esperti; io se non sono vicinissime non le riconosco, a quanto pare) quelle che in stormo su un mare d'incanto qualche sera fa facevano evoluzioni spettacolari fuori e dentro l'acqua...

    RispondiElimina
  24. Se proprio dovete sparare agli uccelli, sparate al vostro, diceva un divertente adesivo anti-caccia. Ricordiamolo ;)

    RispondiElimina
  25. Bellissimo questo parallelo tra la musica e il volo degli uccelli..

    RispondiElimina
  26. Buona Pasqua cara!

    Un bacione

    RispondiElimina
  27. @WebRunner: bé li avete sviscerati proprio tutti! Di solito lascio che vengan fuori da soli, mi piace molto capire che gradualmente vengano letti i miei pensieri! Web *

    RispondiElimina
  28. @AdrianoMaini: mi piacerebbe molto vivere in riva a un lago, un fiume, sul mare per osservare ed ammirare questi esseri girovaghi e spasmodicamente votati all'andare! :)

    RispondiElimina
  29. @Alli: su questo non ho mai avuto dubbi! ;)

    RispondiElimina
  30. @Patè: sono così belli quando si posano sulle linee parallele e a volte anche intersecanti dei tanti pali che ho sempre sognato che siano loro il vero mezzo di comunicazione più efficiente! :) *

    RispondiElimina
  31. @Kylie: :)))))))) se per pasqua intendi cioccolato fondente e pastiera ok! :****** anche a te!

    RispondiElimina
  32. Ciao, ho fatto un nuovo outfit se ti va di vederlo!
    Un bacio

    http://serenosekai.blogspot.com

    RispondiElimina
  33. @petrolia:
    ti auguro una felice pasqua bella trivellona! XD

    RispondiElimina
  34. @Dark0: Trivellato a un migliaio di chilometri, grazie!
    @Patè: :*

    RispondiElimina