domenica 25 novembre 2012

reminder


Quando sento la prima nota, capisco, è il mio strumento preferito. Sono alle prese con la me che distilla lenta emozione e brevi certezze, gemiti accennati e starnuti sommessi, quelli che temi saranno fragorosi e invece si percepiscono appena. Il risultato si affida a una specialista dell'interdetto, dell'inconsapevole, dell'inconsueto e lei si cimenta… perché sente di non aver nulla da perdere, nulla da richiedere in cambio, matura, ma ancora giovane, versatile e pochissimo impegnata. Ha rinviato troppe volte, trascorso un periodo tribolato, e finalmente è giunta al debutto ufficiale raccogliendo frammenti e segnali, una bella struttura, articolata e varia, quasi completa: una commistione tra amori, dolore, morte, avventura prende vita e germoglia sotto la pelle spessa dell'apparente indifferenza. È una grande cicatrice che fa da schermo alla lunga scia di sentimenti potenti che non vedono l'ora di incidere e fuoriuscire. Non so se addentrarmici per primo, tentare di riaccompagnarla quando troppo sbronza. Mi converrà tenerla in equilibrio sulla perfetta alternanza tra confidenza complice e segreto dialogo? Noi due, intimo corpo a corpo, scricchiolii controllati, ostacoli evitati, sempre sull'orlo del dramma totale, evitiamo l'incidente finale e scegliamo vie di fuga sempre diverse, capiamo d'essere forti e folli insieme, ma altrettanto impeccabili se soli. Devo ricordarmene quando, fuori dal tempo, in vista dell'uscita di scena, l'arrangiamento e la trama armonica, imprevedibili e stimolanti, mi riporteranno a rileggere e a musicare nuovamente questa egregia composizione: l'assolo cristallino, meritevole d'ascolto, abile nel decapitare il torbido e capace di dissolvere l'inquietudine.

Con il passare del tempo, la minima traccia dava vita alle più esagerate aspettative… Oppure, in quegli improvvisi, attutiti silenzi che a volte calano in montagna, quando il vento muore e tutto resta sospeso in una quiete cristallina, capitava che qualcuno sentisse il pulsare delle proprie vene e lo scambiasse per il battito del cuore di un altro.
Charles D'Ambrosio 'Jacinta - Il suo vero nome'

19 commenti:

  1. In fondo, le grandi e le piccole cicatrici sono il racconto della nostra vita, non credi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, il fatto è che le piccole son (almeno nel mio caso) la traccia di una pestata forte! ;/

      Elimina
  2. Ti seguo, poi mi perdo, poi mi riprendo ... con te c'è una vicinanza di tipo zen.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecchenonloso? io so proprio persa, comunque... :)

      Elimina
  3. si, libero e, appunto, "fuori dal tempo"...

    RispondiElimina
  4. due termini che sintetizzano la giornata politica italiana odierna! :D

    RispondiElimina
  5. di solito quando mi succede di perdere il tempo, es: magari è martedì e per me è un altro giorno, se guardo il calendario poi mi convinco.
    ultimamente è diverso. prendi oggi che per me è domenica.
    so che è lunedì, ma assecondarmi mi rassicura e allo stesso tempo mi sembra una vertigine.
    e se magicamente i giorni stessero andando al contrario?
    conto le rughe, son di più.
    ma che vuol dire?
    mah! era meglio se ti evitavo oggi, già ero messa male per conto mio ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bello questo modo di perderlo, me ne approprio altroché *

      Elimina
  6. (il risultato dovrebbe essere affidato a ben altro tipo di specialista ^^)

    ehm... ciao Milena, un abbraccione!

    RispondiElimina
  7. Già. E' la sceneggiatura della vita che si porta dietro le mie emozioni incatenate dalla musica come il pifferaio di Hamelin. [xxx]

    RispondiElimina
  8. o il più moderno Ian Anderson. Proprio oggi ascoltavo 'l'Lp' ****

    RispondiElimina