venerdì 30 novembre 2012

tempo al tempo

Siamo solo segni o sindromi di un qualche grande collasso, e le nostre morti non avranno più senso di quelle di una mosca estiva in una stanza vuota.



Li vedo mentre camminano l'uno al fianco dell'altra. Sono due personaggini, eclettici e spietati s'abbeverano l'un all'altra, affamati di sé e del mondo e discutono delle loro visioni e della realtà che li circonda e che non li rappresenta, tutti presi da un'ansia che brucia e li divora, lontani anni luce dal materiale e vicini nell'ideale, nella dimensione immaginaria. 'Son solo parole, è ora di trovar lavoro'. Sì come no, mangiare, tasse, dormire, far l'amore, bere, sopravvivere. No, grazie. E giù ancora parole dilaganti, tormentati dialoghi, dilanianti chiacchiere, insulti e riflessioni, scherzi e discussioni appassionate su film, dischi e libri. Ironia e sete di conoscenza. Passi insicuri al limite di un baratro, perditempo incalliti loro due, lo sfiorano, lo rubano e lo stroncano, ci sprofondano e risalgono e s'offrono come bocche vuote e fameliche. 'Secondo me siamo morti e non lo sappiamo'. No, siamo vivi, noi.

21 commenti:

  1. Risposte
    1. no, ovvio, non s'era capito? :p

      Elimina
    2. Ma lo sai, ci arrivo dopo.
      Pensa che ho fatto bruciare la parmigiana di melanzane.

      Elimina
    3. no, come ti sei permesso? cos'è il tuo piatto 'forte'? me lo cucinerai, spero... quando in quel di Ve... :) *

      Elimina
    4. il mio piatto forte è un altro. L'ho sperimentato con la mia ragazza: orecchiette con broccolo annegato nel vino. Dirti che è un orgasmo è riduttivo. Credimi, come bontà è equiparabile soltanto alle nostre adorate cim d' rep!

      Elimina
  2. come ti capisco! pensa che io che ho perso tutto, quasi tutto (ma il più è fatto) e potrei tranquillamente godermi il nulla avendo ormai raggiunto un ragguardevole tasso di benessere a prescindere, patisco ancora.
    per spiegarmi userò un'anticipazione del post di domani:
    "a proposito delle elezioni e del consenso o meno, mi viene in mente quel che si dice alle donne che han paura a denunciare i loro mariti o compagni violenti e quel che rispondono e mi sembra sia molto simile al rapporto tra elettori e candidati.
    ci dicono che ci amano e che cambieranno e noi ci crediamo."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. azz, bella considerazione a paragone, mi piace tanto! cioè diciamo così... :/

      Elimina
  3. Mi piacerebbe vivere solo il "tempo delle occasioni".

    RispondiElimina
  4. E invece non scherzi mica, quanto a creatività!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci scherzo sù.. io prendermi sul serio, mai! *

      Elimina
  5. Facciamocela prima o poi una passeggiata così...

    Sfida: fare un lavoro che NON mi piaccia. Vediamo se ci riesci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo sia impossibile, non per nulla, ciò che piace a te, piace a me... ma ci posso provare! *

      Elimina
    2. Credo infatti che non rappresentiamo grande cosa, ma senza saperlo siamo parti essenziali di questo 'grande collasso', e che niente è per caso. Forse la nostra concezione stessa di 'Dio' è troppo piccola, troppo modesta, concepita in funzione del nostro piccolo mondo, come questa mosca relativamente alla realtà, l'immensità della creazione di cui non conosciamo ancora che davvero poco.

      Elimina
    3. io non ho nessuna concezione (proprio oggi poi, meno che mai). HO vissuto anni a credere di crederci, tutti spesi male, avrei potuto far milioni di altre meravigliose cose, crearne e disfarne...

      Elimina
  6. E' che a volte, vivi, non ci si sente per nulla :-/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che il riferimento alla casa che non dovevi leggere (sul mio blog) non sia collegato con la casa dell'immagine :-/

      Elimina
  7. Che voglia che ho di entrare in questo albergo ... è per l'amico Hank, che avevi capito? ;)

    RispondiElimina