giovedì 10 marzo 2011

baciamaro


Ine-lut-ta-bi-le,
hai sillabato lentamente.
Labile, ho corso io.
Scusabile, troncasti tu.

La voce è impostata. Ti esibisci in abnormi e assurde evoluzioni fatte di inganni e miserevoli equivoci. Ma questo non ti sconcerta affatto, anzi… te ne nutri, con gusto, ti compiaci, cialtrone, carogna. Hai imbandito la tavola e intanto hai intrigato una ragnatela in cui ti prepari ad avvoltolare la sventurata, ti raffini nell'arte della convinzione, lodandoti e incensandoti. Sarà un trionfo. Ti si consegnerà senza resistere, lo splendido esemplare, corpo perfetto, giovane e spigoloso come una gemma modellata di fresco, mi si permetta un unico appunto: risata acuta e petulante, fastidiosa, buffissima. Questo particolare ti bea e ti ammalia. L'esasperazione sommata al disagio altrui ti rende invincibile, diventa un vantaggio materiale che esalta e esacerba il tuo ego. S'innalzerà al di sopra di tutti i presenti, adombrandoli, e intonerà un vertiginoso inno, al quale saranno obbligati a stonare, a risarcire le vittime, a compiacere il pavone.

Implacabile e detestabile
e rinnovabile… il dolore,
ogni anno, da quando
hai scelto, gela tutto il sangue
che m'ardeva dentro.

La finestra che ho aperto sul tuo abisso l'hai richiusa più volte. Son stanca delle tue menzogne, ti dico. Mi sfidi, tronfio e ancora una volta sotto mentite spoglie, ma già sento stridere il vinile, è tracciato ormai, fragile, ossessionato dalle tue stesse ombre, ti adagi e immagini, come a me piace, la nostra terra venata di rosso e le cimette olivastre sfumate in punta a intingersi nel grigio della nube proprio sui nostri nasi. Beato.

Ho sceso, dandoti il braccio
almeno un milione di scale
e ora che non ci sei è il vuoto
ad ogni gradino.
Eugenio Montale - Xenia

dal 2003 (Agosto - Assisi)

46 commenti:

  1. Dopo questo tuo post io direi baciamano ... anzi, baciotutto ;)

    RispondiElimina
  2. e no c'è bisogno di stare col naso all'insù e nemmeno farsi operare ...

    RispondiElimina
  3. urka___ mica avevo capito che l'ha scritto eugenio!
    ma chi é? un tuo adepto? un plagiatore impetroliato?
    bravino, ma tu sei meglio perchè anche a sceglierli i brani ci vuole stile, spesso più che a scriverli!
    sarà che è delle mie terre che lo capisco così bene?
    e poi sono 30anni a settembre che non c'è più___ insomma grazie!

    RispondiElimina
  4. @Alli: :) non vorrei intristirvi ma effettivamente questo è il ricordo di un bacio tenerissimo sulla mano. È il rimpianto per una persona che non c'è più a renderlo amaro! :*****

    RispondiElimina
  5. @Giardi: su quelle colline ci starei mesi, anni! :)

    RispondiElimina
  6. @Teti900: Come dicevo ad Alli, è il ricordo di una persona che non c'è più… e facciamo due e come Montale anche 'costui' rimarrà sempre nelle pagine della mia memoria. Xenia, gli ultimi quattro versi in corsivo, è una sezione di 'Satura' di Montale, dedicata appunto, all'ospite che ha lasciato la casa, vita, sua moglie.

    RispondiElimina
  7. sarà mica ispirato anche a Lolita?

    RispondiElimina
  8. @RobyDick: non è reale la fresca carne, è il simbolo di una nuova speranza, a volte inutile, un attaccamento alle cose terrene, semmai è ispirato agli avvenimenti odierni… accanimento terapeutico! L'individuo in questione, troppo concreto, ferreo e vanesio, aveva appena cominciato a volare quand'è caduto. :/

    RispondiElimina
  9. ..c'e' pero' un contrasto tra il finale con Montale, estremamente triste dolce e malinconico, con l'incipit che non mi sembra proprio idilliaco..

    RispondiElimina
  10. @BlogSurfer: sai cogliere l'onda… è divisa a metà la mia poesia, l'attacco non è un idillio, non è cominciata bene, lui terreno, io aerea, ci siamo 'ricomposti' al momento sbagliato, o troppo giusto… non saprei ;)

    RispondiElimina
  11. Intensa, contrastante, mutevole. SOno innamorato della tua poesia!

    RispondiElimina
  12. __ :(
    scusa:(
    ma avrei davvero preferito che lo avesse scritto TUTTO montale:(
    o che fosse TUTTO di pura fantasia.
    è sempre vero e spesso constatabile, come in questo caso, quanto brani scelti per significare esattamente qualcosa di ben focalizzato in chi li propone, spesso assumano significati, interpretazioni e suggestioni soggettive in chi le scorre a distanza.
    a volte si coglie un'intesa a volte si resta increduli che sfugga quella tinta così accesa per i nostri occhi e che pare sorda per altri.
    scusa ancora, t.

    RispondiElimina
  13. @SerVlad: è così che voglio che sia… un po' cortigiana! :)

    RispondiElimina
  14. @Teti900: ma figurati! Come t'ho detto in altre occasioni a me la morte non spaventa, mi tinge e intinge di sfumature diverse, quelle che non avrei forse se tutto andasse per il meglio! Un abbraccio enorme! ***** Le vostre impressioni e le vostre suggestioni sono l'anima di questo blog. Lo espongo volontariamente. Del resto se mi fossi appropriata di tutta la poesia di Montale o se avessi attribuito a lui i miei versi non credo che sarebbe stato contento! :))))))))

    RispondiElimina
  15. Mi son fatto coraggio e lo ammetto pubblicamente
    non ho mai letto poesie o scritti di Montale pur sapendo chi era. Ma la mia ignoranza non mi m'impedisce di apprezzare in tutta la loro intensità gli ultimi quattro versi in corsivo della poesia che ha dedicato alla propria moglie.
    Ti ringrazio per avermeli fatto conoscere.

    RispondiElimina
  16. @IlMonticiano: ma di nulla! Son stupendi vero? A me fa venire i brividi tutta la raccolta! Se hai tempo te la consiglio! Un bacione! *

    RispondiElimina
  17. la citazione di Montale è malinconicamente meravigliosa. Quanto al resto, succede di incrociarsi in momenti sbagliati (o sono giusti e sono sbagliati gli incastri?) e di volare alti giusto un poco, prima di iniziare un avvitamento che sembra non finire mai...

    RispondiElimina
  18. Nooooo!!! Come sai Milena non commento quasi mai per primo, ho bisogno di leggere almeno 2 volte ogni post, soprattutto delle persone a cui voglio bene, e non 2 volte di seguito, ma distaccate. Mi occorre metabolizzarne per bene il testo! Poi te, bisogna leggerti almeno 3 o 4 volte prima di essere in grado di dirti qualsiasi cosa senza cadere nel banale (anche se a me il banale piace, un giorno forse ne spiegherò il perché). Invece quando ho visto "1 ora fa" dopo essermi commosso durante la prima lettura, mi son detto "Finalmente, stavolta posso essere uno dei primi a commentare e a unire le mie sensazioni con le tue!" Vacca boia, non l'avessi mai detto...apro i commenti e...o maronna d'o Carmine, 19 commenti in un'ora??? Sti cavoli, altro che fra i primi! Del resto una dedica così bella a questa persona che non c'è più, ma che sicuramente è stata fortunata a conoscerti, non può che entrarti dentro fin da subito! Ti voglio bene, un bacio

    RispondiElimina
  19. @TuristadiMestiere: e proprio in quel turbinio di eventi voglio perdermi! :)

    RispondiElimina
  20. @Nico: carissimo, tu pensi alla bionda Nico e ti perdi! :))))))
    A te e a Teti: come si fa a non ridere anche nei momenti nostalgici al suono di 'Vacca Boia… ecc. ecc. ecc.' Poesia dell'anima! ;) ******

    RispondiElimina
  21. Montale grande, anche se io sono uno che il gradino - e il bicchiere - vuoto o mezzo non li vedo proprio mai.
    Avanti di testa, come in una corrida.
    Hai letto Sangue e arena?

    RispondiElimina
  22. A volte le persone ci seguono negli anni, pur svanite, nei gesti, negli atteggiamenti, nei ricordi, nei vuoti.
    Ma il vuoto di quel gradino è il nostro, e nostra è la paura di riempirlo con la nostra vita.
    Questa la mia impressione, la mia suggestione di stasera.
    Un abbraccio grande ;*

    RispondiElimina
  23. @MrJamesFord: olé! Sì l'ho letto ed è stato uno dei pochi libri letti dopo aver visto il film e quest'ultimo non m'ha deluso affatto anzi. A dir la verità è un soggetto, quello del film, abbastanza difficile per me. Io odio la corrida. :(

    RispondiElimina
  24. @WebRunner: sì lo penso anch'io e infatti non voglio mai che appaia come un crogiolarmi nel dolore. Ho imparato parecchio da esperienze così e ho riempito quel gradino con il sorriso di persone nuove e me rinnovata. Un abbraccio anche a te ****

    RispondiElimina
  25. E' vero, la sfortunata ragazza dei Velvet nonché mia omonima mi ha risvegliato parecchie cose con quella voce così dura ma estremamente calda e rilassante. E poi io mi perdo sempre, per definizione! :-) Grazie ancora...Pet :) :*

    RispondiElimina
  26. Questa è proprio bella.
    E ho detto tutto.

    RispondiElimina
  27. @Nico: a chi lo dici! poi scelgo musiche adattissime alle mie 'perdite'! :) grazie Nicos! ****

    RispondiElimina
  28. mi son perso in quella foto...
    :)

    RispondiElimina
  29. @Ernest: anch'io ogni qualvolta mi capiti di andarci… :)

    RispondiElimina
  30. "Le menzogne" che provocano emozioni...
    mi hanno accusato di questo spesso...
    rimbalzi di palline di carne sui gradini di marmo,il suono non si diffonde nel silenzio,ma solo nel suono di chi non sa scorgerne l'essenza.
    Parlo di me..ovvio..

    RispondiElimina
  31. complimenti per il tuo blog! mi piace molto il tuo modo di scrivere, e ciò che scrivi!
    a presto!

    RispondiElimina
  32. @Nero_Catrame: anche di me, probabile... più che altro un'eco fastidiosa alle orecchie di tanti :/

    RispondiElimina
  33. @LaFenice: grazie, passa quando e quanto vuoi ;)

    RispondiElimina
  34. Un bellissimo brano.

    Buon sabato cara!

    Un bacione

    RispondiElimina
  35. @Kylie: un caro saluto a te, con abbraccio! :)

    RispondiElimina
  36. Siamo alle solite. Saperle trasmettere le emozioni! Come ci riesci tu. Ad altri, invece, i ricordi importanti possono solo restare nella emoria.

    RispondiElimina
  37. @AdrianoMaini: il 'solito' gentiluomo d'altri tempi, grazie a te non avremo solo 'ricordi' di tali buone maniere! Baci tanti ******

    RispondiElimina
  38. bel ripescaggio, mi piace l'esordio in versi e poi la citazione montaliana che proprio stamani avevo in testa..

    stay hugged

    RispondiElimina
  39. @Eustaki: dicono che aver per la testa Montale equivalga ad avere un gran mal di testa :/ IO penso invece che sia un gran bel mal di testa! ;)

    RispondiElimina
  40. delle persone che incontrato e vissuti ho solo ricordi amari inframezzati a sospirosi "se"

    RispondiElimina
  41. "Come quando
    ti rivolgesti e con la mano, sgombra
    la fronte dalla nube dei capelli,
    mi salutasti - per entrar nel buio. "

    :) sublime

    RispondiElimina
  42. @Dark0: accidenti, ma come in quella bella terra? :/ anche se quel se...

    RispondiElimina
  43. @Daniela.: e non ci sono altri commenti da fare a un commento che prosegue sullo stesso tracciato... sublime! :) *****

    RispondiElimina