venerdì 18 marzo 2011

benvenuto e addio in un solo sguardo


Quando un libro socchiude gli occhi e disinnesca l'inganno, quando i contorni risaltano e non appaiono, quando la poesia grava ma non è greve, quando ci si svela la verità celata sulla falsa promessa d'eternità e si sperimenta il nostro comune destino, quando si accoglie l'ineludibile coscienza del tempo finito, quando si coglie l'inutile affanno al potere e allo sforzo della ricchezza ché tutto è mio, niente mi appartiene, quando si fluisce con l'acqua e nell'acqua: Così è nato, anche lui. Nato come tutti. Come me, che morirò. Figlio d'una donna reale. Uno giunto dalle profondità del corpo. In viaggio verso l'omega. Esposto alla propria assenza da ogni dove, in ogni istante. E la sua testa è una testa contro un muro cedevole per ora. E le sue mosse sono tentativi di eludere il verdetto universale. Ho capito che è già a metà del cammino. Ma questo non me lo ha detto, no…


Quando pronuncio la parola Futuro, la prima sillaba va già nel passato.
Quando pronuncio la parola Silenzio, io dustruggo.
Quando pronuncio la parola Niente,
creo qualche cosa che non entra in alcun nulla
Wisława Szymborska

42 commenti:

  1. @me: in questa 'fiera dei miracoli' guarda il mondo e raccontalo così com'è cosicché più dolce ti appaia la strada di pietre che te ne allontana e più saggia di te quella pietra che ti consiglia cosa fare e che tu non ascolti

    RispondiElimina
  2. Il tempo ha mille facce, dalla creazione alla distruzione.
    E' il nostro antagonista più agguerrito, eppure è padre dell'esperienza, nostra fedele alleata.
    Ottimi spunti, Petrolio.

    RispondiElimina
  3. l'eternità è una falsa promessa per definizione...

    il verbo "dustruggere" non l'ho trovato nemmeno nell'esperanto. stai creando una nuova lingua mile', verbi e termini attuali sono per te inattuali? :)

    RispondiElimina
  4. Ma il tempo è un qualcosa che parte da un punto, definito inizio dei tempi o qualcosa di simile, oppure è un ciclo continuo?
    Chi ha tempo, aspetta tempo?

    Racconterò di disavventure.

    RispondiElimina
  5. @MrjamesFord: lo prendo come viene, usandolo o lasciando che mi usi, senza pensare (come ti dicevo nel commento al tuo post) che nulla sia eterno e che nulla ci appartenga ;)

    RispondiElimina
  6. @RobyDick: 'certo'… :P quasi quasi non lo correggo, ecco… :) se poi andassero a leggere le mie nipotine, però? uhm… :) *

    RispondiElimina
  7. @Squilibrato: credo che tu riesca benissimo in questo, poi da come lo fai, sembrano più fantastiche avventure che tragiche disavventure :)
    Sul cerchio ho teorie personali, non forme perfettibili e nemmeno regolarmente tracciate, insomma un segno dai contorni indefiniti ma chiarissimi, una circonferenza interrotta, tagliata, bucata… :) pfffffff

    RispondiElimina
  8. intenso ed qappassionante come sempre, tutto e mio e niente mi appartiene...incantevole inganno. baci ady

    RispondiElimina
  9. Il tempo non esiste, è solo una convenzione borghese che ci rende schiavi...

    RispondiElimina
  10. Nulla si crea, nulla si distrugge

    RispondiElimina
  11. brava tesoro, così si fa, non correggere un bel niente, le tue nipotine sanno bene quanto è brava zia in italiano e quindi.....

    visto che siamo in tema, ti cito l'ultima frase della fine del cinema muto di lolli, che tanto ci piace:
    "questo futuro si dice
    ci farà l'effetto di una bomba"

    un bacio, ciao

    RispondiElimina
  12. @AdyHappyBorn: l'unico inganno al quale riuscirei a consegnarmi! :) baci ****

    RispondiElimina
  13. @Alli: son d'accordo almeno fino alla fine del tempo, ma lo so, sarò impegnata in altro e non me ne accorgerò! :))))

    RispondiElimina
  14. @InneresAuge: siamo organismi inutili! :))))) *

    RispondiElimina
  15. @InneresAuge: chiediamo al tuo prof di statistica! :)

    RispondiElimina
  16. @Nico: :))))) già la immagino la scena: zia si scrive distruggere non … ahhhhhhhhhhhhh! Lolli caro! Vallo a dire a quel despota stronzo! ;) *****

    RispondiElimina
  17. eheh infatti...la mia era anche una frecciatina a rubydick (ehm...avrò sbagliato qui? la parola ai nipotini...ma qui c'è anche lo zampino del...ehm...despota) eheh scherzi a parte, a proposito di lolli, pare che il 21 agosto faccia un concerto a fasano...chissà, conoscendomi non è escluso che convinca maria all'ennesima pazzia, e magari potrebbe essere un'occasione per conoscerci :-)

    RispondiElimina
  18. @Nico: ecco te pareva! io ad agosto non sono mai qui al caldo! me ne vo in montagna! Io odio il solleone! :(

    RispondiElimina
  19. vorrà dire che lo vedrai un'altra volta! prima o poi a te e francesco "ve toccherà de vedello a lolli"! :)))

    RispondiElimina
  20. Il tempo non esiste, e io ho tutto il tempo che voglio per finir di scrivere questo mio commen

    RispondiElimina
  21. Semmai a quello di chimica o fisica!

    RispondiElimina
  22. Szymborska sempre così spiazzante nella sua semplicità..

    quanto ai libri che socchiudono gli occhi, a me fanno una granpaura. sarà per questo, chissà, che ritardo sempre le ultime pagine..
    :)

    RispondiElimina
  23. @ZioScriba: :))))))) te possino! *****

    RispondiElimina
  24. @InneresAuge: era scherzoso riferito a quel che dicevi giorni fa su face… :))))

    RispondiElimina
  25. @Daniela.: a me certi libri mi fanno quest'effetto già alla prima… :/

    RispondiElimina
  26. milena, ti trovo in splendida forma.
    per quanto riguarda il tempo finito,forse è il passato o forse no perchè spesso il passato è molto presente.
    ti dedico questa citazione di l. p. hartley, dal romanzo the go-between, dal quale fu tratto il bellissimo film messaggero d'amore
    "Il passato è un paese straniero. Lì, tutto si svolge in modo diverso"

    buon fine settimana

    RispondiElimina
  27. a me viene di vedere l'immagine di un contorno umano vestito come un momix con una tuta aderente mezza bianca e mezza nera stagliato su uno sfondo psichedelico che un po' è lampo bianco e un po' è buio pesto. posto in equilibrio dinamico con le gambe divaricate su un asse appoggiato a un cuneo.
    in poche parole ed estrema sintesi, un tao.
    ciao!

    RispondiElimina
  28. @Eustaki: incipit che m'ha lasciata sempre interdetta... perché il passato, io personalmente, l'ho sempre sentito molto presente. Scusate il gioco di parole e di tempi... di posti: una terra della quale sento ancora il profumo. Sarò un'eterna fuori-luogo :/
    Grazie per l''in-forma', mi fa sorridere, perché in realtà non sto proprio al meglio, ma, è risaputo, produco più e meglio quando son in queste pessime condizioni :)

    RispondiElimina
  29. @Teti900: io non riesco a starci molto in equilibrio. Non sto mai ferma e riesco a fare salti mortali incredibili :) Buon fine settimana Teti ***

    RispondiElimina
  30. Personalmente mi pare che certi libri spalanchino gli occhi, e abbiano pupille pulsanti e iridi di fuoco.
    E un istante può anche contenere l'eternità, o almeno bisognerebbe vivere come se così fosse.

    RispondiElimina
  31. @WebRunner: alcuni di certo... ma a volte ho bisogno di assentire tranquilla e di tenerli socchiusi a contemplare la realtà che mi raccontano come quelli della polacca Szymborska, come giustamente sottolineava Daniela, le sue sono semplici semplici parole, quasi scontate, ma profondissime. Sul tempo son d'accordo con te: come se fosse l'ultimo ;)

    RispondiElimina
  32. In tutta sincerità, in questa occasione sono rimasto travolto, come ogni volta che la leggo, dal magico incanto delle parole della Szymborska.

    RispondiElimina
  33. @AdrianoMaini: ad ognuno la sua... reazione. Lei insieme alla Achmatova, la Pozzi, la Nin, la Rosselli sanno ammaliarmi e conquistarmi, ma, con concretezza, linearità, profondità di concetti crudi e taglienti. Questa per me è magia, in una notte in cui la luna ci afferra e ci sospinge, così vicina, rileggere 'Gente sul ponte', 'Attimo' o 'La fine e l'inizio' equivale all'unione di 'due punti' distanti ma uniti per attrazione :))))

    RispondiElimina
  34. Devo alla mia fanciullesca ingenuità se mi sono rimasti impressi i penultimi due versi della poetessa polacca Szymborska là dove si legge "Quando pronuncio la parola Futuro..." e "Quando pronuncio la parola Silenzio...".

    RispondiElimina
  35. Credo che un libro sia una specie di porta verso un altro mondo

    RispondiElimina
  36. Ho un concetto strano del tempo. Preferisco il presente. Dopotutto è pieno di futuri. [... e quanto mi piacciono le poesie della Szymborska]

    RispondiElimina
  37. @IlMonticiano-bimbo: mi piace questa tua permanenza nell'età fanciullina, diciamo che hai trovato un'amichetta di giochi! Mai sentirsi arrivati, mai troppe parole inutili! *****

    RispondiElimina
  38. @Baol: sono i miei più lunghi viaggi quelli iniziati e mai finiti sui libri, pagine scritte che ridiventano vergini e bianche sulle quali scrivere la mia personale versione! ;)

    RispondiElimina
  39. @EmmaPeel: Viva la nostra poetessa della coniugazione dei tempi indefinita e dell'unione di punti distanti anni luce! :) *

    RispondiElimina
  40. parole che dipingono una storia!
    un saluto

    RispondiElimina
  41. @Ernest: sono colori vivissimi! ;)

    RispondiElimina