giovedì 14 ottobre 2010

maree



Dalle loro chiome cadono, avvizziti, i fiori.

Perfino l'aria che respirano reca in sé il sentore della morte.

Ecco l'ombra incombere, ecco la luce venir meno.

Fosti preso a pelle, quegli occhi spaventosi e fugaci, quella linea della bocca rivolta in basso, mi colpirono, durante un giro distratto, casuale e rotondo, in accoppiata vincente il tuo braccio e la mia spalla si son cambiati repentini e si son raccontati insoddisfazione e infelicità, senza saper nulla di te, della tua storia, della tua voce, io, la mia storia, il mio silenzio. Nulla. Un corpo e le sue suggestioni, anima e corpo si fusero trovando una unica e indivisibile virtù, all'incrocio non c'era alcun segnale di bivio, solo uno sguardo diverso che contemplasse ed esaltasse la bellezza e la sorpresa. Dal buio pesto grazie a un raggio di luna, oh, che fortunata coincidenza, il tuo volto, levità e armonia, esce dalla confusione dell'ombra e si rivela; a me che indago, ossessiva e arida, regali stralci d'incanto e spirito eroico, trasportandomi ora con forza ora con dolcezza, come onde frangenti, tempestose e persistenti, all'apertura del sentimento, alla conoscenza di sé, all'intimità della natura…



Trasse un profondo respiro e fu come se una parte di quell'invisibile che costituisce la natura avesse permeato l'intimità del suo essere. Yukio Mishima

14 commenti:

  1. Da leggere con gli ochialini 3D.
    SENSI NASCOSTI NELLE PAROLE.

    RispondiElimina
  2. mi viene persino il sospetto che, leggendola su un portatile, all'aperto, di notte, le parole possano cambiare e assumere mille nuovi significati... una notte o l'altra proverò, senza paura...

    RispondiElimina
  3. Da leggere ascoltando Dark Side of The Moon.

    RispondiElimina
  4. @ Lorenzo: che bella immagine! è bello che ognuno ne veda di nuovi in diverse dimensioni su diverse prospettive! ;)

    RispondiElimina
  5. @ IlGrandeMarziano: la vedete anche voi di là? sì? :)

    RispondiElimina
  6. @ Zio: caspita una volta ho scritto in quelle condizioni, Milano, notizia non tanto piacevole da poco appresa, ho scritto con le lacrime, ma senza paura… :)

    RispondiElimina
  7. @ InneresAuge: sì sarebbero state più appropriate altre musiche più inquietanti, ma quella mi è servita per umettare ed alleggerire. Tra l'altro il video si dipana attraverso immagini che ben interpretano il senso e secondo atmosfere franco-orientali in linea! :)))

    RispondiElimina
  8. "colonna sonora" azzeccata ..molto...

    RispondiElimina
  9. Ti leggo e rimango ad ammirare, mi è poi difficile venirti a trivellare ...

    RispondiElimina
  10. la voce delle onde, un bel mishima. ti lascio una citazione che a me è sempre piaciuta molto, di un autore italiano che invece amo poco
    il mare non ha paese nemmen lui, ed è di tutti quelli che lo stanno ad ascoltare, di qua e di là dove nasce e muore il sole

    RispondiElimina
  11. @ ReAnto: bellissima ragazza, nevvero? :)

    RispondiElimina
  12. @ Alli: ennò, io amo farmi trivellare! :O

    RispondiElimina
  13. @ Eustaki: molto molto condivisibile! ;)

    RispondiElimina