lunedì 4 ottobre 2010

alza il volume

A testa bassa non so stare. Ho bisogno di guardarvi dritto negli occhi. Mentre leggo, vi sento. Vento guastatore che incontri e scherzi con le pagine del mio libro girami la prossima, son troppo immerso. Non ho resistito all'invito. Proseguo nel singolare percorso della comprensione del testo e dell'acconciatura delle immagini. Trucco e parrucco alle mie parole non servono a scoprirsi, significati che continuano a nascondersi; qualcuno le sorprende dietro un angolo, tenta l'approccio, ma quelle veloci si sottraggono e fuggono via, ridendo e facendo il verso di lontano… non mi prendi! C'è un filo? Di che colore? Quanto lungo? Le domande nascono e muoiono sanguinando copiosamente su quei maledetti puntini di sospensione. Ferite non mortali, giudicate guaribili in vent'anni, saranno dimesse e circoleranno ancora più forti di prima a riempire le mie giornate e a vuotare la mia sicurezza. Intanto aggiungo musica, noto con piacere quanto possano esser gradite le colonne sonore, sottolineano e arricchiscono, danno luce a particolari rimasti nell'ombra. Ora però il fascio di luce dello spot colpisce duramente e infastidisce, ti dò un cenno di smorzare, tu capisci male e accentui il ghigno stampato su un bianco troppo intenso. Qualcuno ride, sinceramente divertito. Non era il momento. Si è materializzata una vecchia paura: non sono capace, perdo voce, avvampo, in sordina, continuo, ma ho solo voglia di finire. Sono in trappola e la biondina in prima fila non deve aver capito l'ultimo passaggio perché mi squadra mentre continua a far scricchiolare la sedia, sembra che abbia il pungiglione piazzato male. La fulmino. È l'ultimo scoppiettio, ta-ra-tta-ta, dopo una bella gara di fuochi pirotecnici, batteria in disuso che vuol farsi sentire, può ancora dare… e molto. Inciso deciso e conciso: mai più, mi faccio sempre conquistare dalla boccuccia gentile e melliflua, dagli occhietti dolci e ingannatori, dal culetto giovane e sodo. Sì girati, ho in serbo l'ultimo colpo, bella bionda non puoi nulla contro il mio loquace amichetto, ti manca cara, non puoi crederlo vero? Sei troppo sicura di te, è questo che ti frega. Ti sottopongo all'ultimo esame e il mio voto dipenderà da quanto tu sia pronto e attento, son stanco delle teorie, il teorema è chiaro, algebra pura, x e x, meno la y, bella relazione, tanta quantità, tu, io, meno la biondina, tratto lungo dai miei occhi alla tua bocca e la tua lingua è la risposta, lo sapevo, lo volevo: fatti sentire! t'ho letto sulle labbra, lo sentivo, lo scrivevo, effetto sorpresa quello che precede il gran finale.

al mio amico Terry

16 commenti:

  1. @ Ernest: tutti ad alto volume! ;)

    RispondiElimina
  2. @ Giardi: scarica di batteria fatta con strumenti improvvisati, anche meglio! :)))

    RispondiElimina
  3. @ Alli: una gran bella persona! Uno che non nasconde le sue tendenze! Mi viene a volte un dubbio, ma si capisce che in alcuni post parlo in terza persona? Cioè che racconto episodi e fantasie altrui? :/

    RispondiElimina
  4. A testa bassa tenta l'approccio, ridendo. Quanto lungo? Noto con piacere quanto, nell'ombra. Ora però colpisce duramente e infastidisce, ti dò un cenno di smorzare, tu capisci male e accentui, sinceramente divertito. Si è materializzata una vecchia paura: continuo, ma ho solo voglia di finire. Sono la biondina che abbia il culetto giovane e sodo, contro il mio loquace amichetto.

    Dedicato a NOEMI

    RispondiElimina
  5. deve essere una grande persona questo terry, comunque nascondersi alla fine serve solo a farti sentire più piccolo.

    RispondiElimina
  6. Eh beh si capisce si! Altrimenti dovresti essere un'ermafrodita, visto che spesso parli al maschile.

    :P

    Volume alzato e song sparata come un missile diretto sulla luna!

    Petrolchimica Tropelia sei divina.

    RispondiElimina
  7. "Le domande nascono e muoiono sanguinando copiosamente su quei maledetti puntini sospensivi". Non mi sono mai piaciuti i puntini sospensivi, credo iinvece che le risposte chiare rendano piu' sagge le persone, mentre le domande ci rendono umani (Yves Montand)

    RispondiElimina
  8. @ Alekermit: XXX:D SCONVOLGENTE! :) e comunque non era questo il post dedicato ai truzzi! ;)

    RispondiElimina
  9. @ Dark0: proprio così! ombra ombra… impossibile distinguere e riconoscere! meglio venir fuori e magari star male, ma uscire allo scoperto! ;)

    RispondiElimina
  10. @ BoccaLarga: menomale! :) lontana da Taranto, però! ;)

    RispondiElimina
  11. @ Andrea: che hai fatto hai inghiottito il moscone? :)

    RispondiElimina
  12. @ Clelia: lo penso anch'io. Son odiosi quando troppo persistenti. Ma i puntini di sospensione son io in realtà! Sempre sospesa tra dubbi, certezze, domande e risposte! ;)

    RispondiElimina