martedì 5 ottobre 2010

materiale


È già cominciata? Non ci facevo caso. Ha fatto l'ingresso più fastoso che si potesse immaginare. È una vera maestra in questo. Tacco quindici, abito lungo con spacco inguinale, capello raccolto a mostrare il collo elegante e flessuoso. Un serpente. Spire in moto e lingua controllata con dimestichezza, ma pronta a scattare. Ti stritolerebbe solo con una stretta. Tu lo sai e ti mantieni a distanza. Ma ti eccita. Siete animali, vi capite. Ad ogni fotogramma miagoli e le fai le fusa, ti strusci addosso alla poltrona su cui si è lanciata accavallando le gambe e ti stendi ai suoi piedi, lasciando che allunghi le gambe sulla tua schiena. Morbido, duro, arrendevole, indifferente, ostile. Se credi di averla conquistata ti sbagli. È troppo studiata nei dettagli, troppo rigida e meccanica, malata della sua stessa patologia. Ha bisogno che qualcuno la suoni di traverso, tirandola fuori dalla fissità impagliata. Devi assecondarla, viverne la fiducia, renderla consapevole del suo corpo e mettere a fuoco il tuo senza lesinare, senza risparmiarti. Avvolgila e riavvolgila. Lascia libera quella protuberanza, rotante e impeto. Morbido, accondiscendente, duro, impietoso… carne e metallo.

27 commenti:

  1. Mi meravigli ad ogni post, sempre di più.

    RispondiElimina
  2. Passionale, senza volgarità però :)

    RispondiElimina
  3. anche un pezzo cyberpunk, ma sei fenomenale! mi posso solo inchinare. quando ho visto poi citare tetsuo ho temuto di leggere qualcosa di estremamente ermetico, invece... sei stata perfetta.
    forse esiste un mito antico che descrive l'ansia dell'uomo nella conquista della meccanica al punto da compenetrarsi con essa ed in fondo è una specie di paura ancestrale quella che Tsukamoto ci presenta, la perdita di controllo del proprio corpo in quella della mente.

    RispondiElimina
  4. Il Nick Cave finale è la ciliegina sulla torta... MA quante ne sai??????????????????

    Dannata!

    RispondiElimina
  5. "Facevo una vera maestra in quindici, con il serpente"

    RispondiElimina
  6. L'importante è non sbavare sullo schermo. ;)

    RispondiElimina
  7. Non ho mai commentato un tuo racconto .. solo perchè no avevo parole per rendere il giusto tributo al tuo modo spettacolare di scrivere.

    ...

    RispondiElimina
  8. Stavolta credo non ci sia nulla da "mixare" per creare doppi sensi...
    questo post mi ha neutralizzato!

    RispondiElimina
  9. ...Tetsuo, uno dei miei film/incubi preferiti..
    ciao Milena, sei già venuta a trovarmi su :

    http://soavedelirio.blogspot.com/ ?

    RispondiElimina
  10. Come sempre una prosa senza diritto di replica... Wow petrolio

    RispondiElimina
  11. @ InneresAuge: grazie! In questo periodo scrivo tanto, precipito e ricopro con fogliame rosso, caldo!

    RispondiElimina
  12. @ Juliet: grazie, è importante il "senza volgarità"!

    RispondiElimina
  13. @ RobyDick: m'ha sempre affascinato il modo di raccontare questa simbiosi malata/perversa/materiale, sia in letteratura che in cinema! :)

    RispondiElimina
  14. @ BoccaLarga: dannazione… con nuvoletta fumettistica! a fuoco ci vado volentieri! ;)

    RispondiElimina
  15. @ Alekermit: XXXX:D oddiuuuuu mi fai venire in mente una maestra porno! Metallo/carne/animale! :)

    RispondiElimina
  16. @ IlgrandeMarziano: a volte mi capita! :OOOO

    RispondiElimina
  17. @ Aitor: oh, no, commenta e interpreta in maniera esecrante come fa Ale-il socio! :)

    RispondiElimina
  18. @ M: effettivamente mi sa che questo sia stato l'unico caso (o uno dei pochi) in cui non ho azzardato doppi sensi! Più 'doppio' dii così! ;)

    RispondiElimina
  19. @ Ernest: tantissima, reazione (per me) naturale al vedere quel film! :)

    RispondiElimina
  20. @ Lysercicfunk: ci andrò al più presto, altro delirio oltre a quello musicale e bellissimo dell'altro tuo blog! ;)

    RispondiElimina
  21. @ Ruz: ma certo che la voglio la replica! :)

    RispondiElimina
  22. Qui invece arrivo ultimo. Avevo già letto e mi avevi già scartavetrato il cervello. Che strano quel film. Mi ricorda Akira. Il super jap cartoon che certamente conoscerai ( imperdibile ). Il co-protagonista, che alla fine della storia ha una metamorfosi mostruosa, si chiamava Tetsuo come questo. Avevo una maglietta fighissima con la faccia di Tetsuo con la bocca spalancata. Sulla lingua c'era una pasticca. Lui diceva: "Sono come caramelle"
    Yang

    RispondiElimina
  23. Yin&Yang: mi sa che di quelle caramelle ne ho a quintalate! :)

    RispondiElimina
  24. ti stimo! tetsuo spacca!

    a presto

    RispondiElimina