lunedì 11 ottobre 2010

quid est amor


La speranza di pure rivederti
m'abbandonava;
e mi chiesi se questo che mi chiude
ogni senso di te, schermo d'immagini,
ha i segni della morte o dal passato
è in esso, ma distorto e fatto labile,
un tuo barbaglio.

L'espressione mia dovrebbe essere più o meno quella. Occhi sbarrati e bocca aperta in una O con durata minima di tre minuti. Vorrei vedere se vi capitasse uno così cosa fareste. A me è salito un brevissimo brivido gelido lungo tutta la schiena come solo la morte può regalare nel momento in cui decide di farvi visita. Non bussa mica, entra e nemmeno un invito a prendere un caffè potrebbe ritardare il previsto epilogo, prego si accomodi, mi farebbe piacere offrirLe qualcosa da bere, che so un digestivo. Mi aspetterei che scoppiasse a ridere, vi soffiasse in faccia una zaffata di sana e mefitica afasia, vi tranciasse di netto e… buon riposo! Ecco a voi una tragedia che si è consumata in poco più di cinque minuti.
Prima o poi.
Prendo un bel foglio di carta bianco, prendo in mano la matita, traccio in mezzo un bel cerchio, con le forbici percorro tutto il perimetro ed ecco un bel buco, lo avvicino alla faccia e guardo attraverso. Se sei attento, lo vedi… Lo vedi? Certo, lo vedo. L'ho immaginato con tale forza, e ho determinato, con precisione l'incontro con lui. Non diciamo castronerie, però. Non è che si tocchi il cielo con un dito. Non si arriva a Lui, attraverso lui. Ho fantasia, la uso e attraverso lo sguardo trasparente privo di ogni impurità lo trovo manifestato e dipinto, qui, davanti a me, riflesso della mia immagine, confuso sempre sul piano metaforico e su quello reale, rappresentazione vivente di un segno profondo, radicale, certo… fantasma e fulcro della mia ispirazione.
Così, alzati,
finché spunti la trottola il suo perno
ma il solco resti inciso. Poi, nient'altro.
dal 2005 (Milano - Giugno)

12 commenti:

  1. del montale dell'incipit mancano gli ultimi tre versi, vero colpo di genio poetico

    stay tune

    RispondiElimina
  2. Ehhhh 5 minuti per una tragedia?

    Ma se Aldo, Giovanni e Giacomo ce ne hanno messi solo 3! :D

    http://www.youtube.com/watch?v=PA1QsPPthvc

    E comunque quando fai i ripescaggi mi viene sempre da pensare che tu sia un'aliena! Scrivevi bene già a 2 anni, prima ancora di cominciare a scrivere... :P

    RispondiElimina
  3. nulla si consuma più rapidamente di una tragedia, occorrono sempre pochi attimi e non basta nemmeno una vita per tornare indietro. bellissimo!

    RispondiElimina
  4. @ Eustaki: sì, era la citazione che mi serviva. ;) il seguito del mio post è l'origine della mia distrazione! :)

    RispondiElimina
  5. @ BoccaLarga: ahahahhaahhaahah! a due anni me ne inventavo di più geniali, lasciavo i miei genitori a bocca aperta, ero una bugiarda incredibile. Ma non riuscivo a scriverle o a registrarle! Peccato! :)))

    RispondiElimina
  6. @ AdyHaapyborn: che amarezza, tornare indietro sarebbe veramente una gran bella cosa… o forse no? :/ :)

    RispondiElimina
  7. una trottola è per sempre. :-/

    RispondiElimina
  8. @ Dark0: con quella trottola non la si spunta… :/

    RispondiElimina