mercoledì 25 agosto 2010

canção


Ti ho sussurrato piano: apri la finestra c'è gran caldo. Ho bisogno che l'aurora entri e mi porti il caffè, che la rondine voli dentro a baciarmi i capelli, che la colomba mi consegni il rametto della pace, che il grande fiore mi regali la guitarra di Paredes con i suoi Verdes Anos arpeggianti e malinconici. Cantiamo le parole che vogliamo sull'inno e mugoliamo nenie nel lutto. M'hai dato sorda malinconia quando te ne sei andato, dimmi, hai lasciato questo letto per non veder più le campane a festa per il tiranno? Lo so nei tuoi quaderni c'è un po' di quello che avresti voluto ancora dire, ma non basta caro, non mi basta. Perché per questi troppo compiacenti e silenti che plaudono ad ogni gesto e assentono ad ogni parola ci vorrebbe la verga del buon giudice e invece a loro è riservata quella piumata del cattivo. Essi non conoscono la gioia di raccontare quella favola, non riescono a leggerla. Io immagino come fare… m'hai rassicurata tu. Bisogna leggere, specie d'estate, tu sei sotto l'albero delle tue letture quando hai a destra la signora che ciancia con la vicina, e sotto l'ombrellone la ragazza prende il sole e sotto la lente scura ammicca al ragazzone muscoloso. Leggere e arricchirsi, seminare e raccogliere, potare e stare all'ombra di quel bell'albero da te cresciuto. Tu insegnerai anche ai nostri figli e ai figli dei figli… questa è la nostra famiglia dello spirito. Chiama i bimbi, falli saltare qui con noi, e apri il libro, loro sanno, loro hanno la goccia che riuscirà a far risorgere la speranza, i tuoi occhiali han riflesso una risposta e un commiato, hai nascosto un sorriso dolcissimo all'ombra di quel cappellaccio che hai indossato prima di partire, lo hai lanciato in aria e hai riso forte, gridando cosìcchè io potessi sentire, non riuscirò mai a salire fin lassù come il girasole, non m'innaffiare oltre…

adeus José

6 commenti:

  1. Che parole... wow... "Non mi innaffiare oltre" poi... è una cosa che mi ha emozionato. Bello poetico sto post.

    RispondiElimina
  2. sembra un'ode di Neruda..

    bellissima :)

    RispondiElimina
  3. @ Boccalarga: son sensazioni riportate ad oggi dopo la morte di Saramago! Un gran vuoto e tanto ancora da leggere e rileggere! :)

    RispondiElimina
  4. @ Dani: bè tra lui e Saramago, bellissimi esempi di passione e fremiti d'adolescenza, gioventù e oltre…

    RispondiElimina
  5. @ Lupo: :P Paredes m'aiutava!

    RispondiElimina