mercoledì 4 agosto 2010

chi è? (4)

A trent'anni di distanza siamo qui a parlare sempre delle medesime problematiche, con la stessa verve […], con uguale enfasi […], con pari trasporto […]. Sarebbe stato forse più conveniente per tempo utilizzare quelle persone che propostesi avessero potuto dare una svolta, invece che continuare a girare intorno, sempre più velocemente, e gira gira rigira, non sempre nello stesso verso, ho detto orarioooooooo!, e mescola energicamente, tieni bene il cucchiaio, che purea è? Ma quante volte devo dirlo? Bisogna star attenti a che non si attacchi sul fondo, non si bruci e non vengan fuori noccioli… noccioli? Sì, nùzzl. Le fave p'ì nùzzl non si posson proprio mangiare! E nemmeno quelle che fanno ìacque! Sì annacquate, un liquido che sommerge tutto l'inutile vostro lavoro e aivoglia aggiungere farina, pangrattato, riso… tutti questi espedienti peggiorano la già gravissima situazione in cui versano le vostre, chiamiamole, fave! Non è grave? Ma vattene vai! Incapaci, incompetenti, orgogliosi e superbi. C'è ancora chi si chieda: «ma è possibile che una semplice ricetta, facile da eseguire, che ha come unico ingrediente un legume reperibile ovunque qui metta così in difficoltà?» Possibile? Sicuro! Basta guardare sulla tavola, tutt'apparecchiata con piatti e coppette piene di ogni ben di dio d'accompagnamento al famoso piatto pugliese e si capisce. Mangiate il resto, le fave fanno schifo. Massaie del nulla. In questo lungo lasso di tempo che avete imparato? Trent'anni. Li vedo tutti, piccoli, alcuni nemmeno ancora nati, nei progetti e nei sogni dei loro genitori. Mio figlio diventerà famoso. Ballerà, canterà, ammansirà le folle in aula, disegnerà o costruirà palazzoni, sfilerà, giocherà a pallone in una importante squadra, dirigerà un'orchestra, guarirà i mali del secolo, avrà una banca tutta sua… False immagini, abbandoni, rigidezze, falsità, solitudine, accordi-disaccordi. Son cresciuti e non fanno niente di tutto questo. Cioè qualcuno sì, per metà vita, per l'altra è impegnato in rapporti incestuosi con la propria onestà, e chi avesse profetizzato, in assenza temporanea di coscienza, che, gli altri, avrebbero avuto vita difficile, dovrà guarire egli stesso da queste crisi di onnipotenza, farsi un lungo esame di coscienza e decidere finalmente di tagliare quel cordone ombelicale che lo lega alla radicale e angosciante aridità che ci attacca e ci indebolisce. Dovreste crescere e far crescere. Dovreste andare e lasciar vivere. Le sapete cucinare le fave? No? Siete un vergognoso e irritante fèf'ì'fògghie?! E allora mangiate ciallèdde tutti i giorni. mhhhh… Penso che anche per preparare quella ci vuol arte… che rimane? iàcque càll p'à furcìne! Sì mi sembra giusto! Gong! A tavola, 'ncapriète per tredici, il capotavola, fa le parti per tutti, uguali! toc toc… è inutile bussare qui, non vi aprirà nessuno!

o valledilacrime

26 commenti:

  1. no, scusate! questa serie 'Vita loca' è specificatamente legata al mio paese e a una ben definita sezione di gente! Lo so, per chi non è pugliese è difficile, se non impossibile capire! ma se provassi a cambiare testo e terminologia non avrebbe lo stesso senso! Provo a facilitarti dicendoti che è un salto continuo nel passato, con ritorno al presente, riferimenti non casuali a persone ed eventi! Prova a leggere le tre precedenti… Se continuasse ad essere argomento ostico… mhhh diciamo che quelli che nomino nel (4) sono piatti tipici pugliesi: la purea di fave, l'acqua sala, eccetera eccetera, piatti semplici per chi ha rispetto per ingredienti antichi e ricette millenarie; 'schifezze' per chi non sa cucinare e non sa "amalgamare" per bene… :)))

    RispondiElimina
  2. Io entro qui e mi sento sempre una FAVA..com'è stufattu?
    Hahahaha..però...mmmhhh...mi piace un sacco come scrive MaiSisterCaledoscopic!!!
    Avanti, petrolio...cucinami..facci vedere come si fa!

    RispondiElimina
  3. la fava è buona… e lasciamo stare tutti i doppi-tripli-quadrupli sensi! tu verresti benissimo, un tozzo di pane a tocchetti (per chi li ama), un generoso filo d'olio extravergine e una purea liscia, compatta, che si scioglie in bocca! mhhhh buona la fava-gina!

    RispondiElimina
  4. Mi ha cucinata davvero...BUON APPETITO A TUTTI!
    :-)

    RispondiElimina
  5. io adoravo fave e cicorie, mia madre ci ha messo un po' a farmele apprezzare poi alla fine ho realizzato quanto fossero buone.
    E le tue scelte musicali sono sempre raffinate e ricercate.. i gong, non li ascoltavo da anni

    RispondiElimina
  6. né chiacchiere né distintivi! solo un grembiulino per non insudiciarmi! grazie! si mangia tutti dalla stessa coppa come per la polenta! :) tutto il mondo è paese! :))))

    RispondiElimina
  7. @ Coopo: grazie! vero, ci ho messo un po' anch'io! del resto ho cominciato ad apprezzarle quando ero fuori a Mi e le ho cucinate io per la prima volta per tutt'Italia (studenti e lavoratori con me nell'appartamento e nel palazzo :))))

    RispondiElimina
  8. Fave ? in romagna si mangiano fresche
    Basilicata purè di fave
    Puglia fave e cicoria
    le ho mangiate così .....il resto? mi piace il tuo blog

    RispondiElimina
  9. grz! anche il tuo. Le foto della tua città: bellissime! leggerò a breve! un saluto

    RispondiElimina
  10. vorrei poter dire che non ci si capisce una fava, e invece purtroppo si capisce fin troppo... o sono io che ci metto troppa fantasia, e tu parlavi davvero solo di fave, e non dello sfacelo che ci circonda?
    Fave o non fave, un abbraccio dallo Zio di ritorno, più che uno zio un nipot-prodigo... :D

    RispondiElimina
  11. oh, caro! ammazzo il vitello grasso! tu di fantasia ne hai da vendere, ma è l'immaginazione della mente che guarda vedendo, sente ascoltando e legge scrivendo! Hai capito tutto! Perché come dico spesso il mio paesino è l'immagine riflesso del paesone e il contrario! un bacione!

    RispondiElimina
  12. Dici di lasciare da parte i doppi, tripli ecc.. sensi. Invece in questo post ne leggo tanti. Come Zio Scriba forse ho voluto leggere anche io qualcosa di mio, di personale, influenzata dalle mie esperienze di vita. Infatti penso che una volta riempito questo "foglio" bianco o nero che sia, le parole non siano più nostre ma vanno a condire gli occhi di chi legge. Da noi in Toscana le Fave si mangiano fresche con il pecorino scongiurando il pericolo "noccioli" o grumi ... ;-) Yin

    RispondiElimina
  13. ;) che dopo un periodo di assenza è ancor più presente!

    RispondiElimina
  14. no era da evitare nel commento alla simpaticissima Grace! perché già tanti ce n'erano nel post! A quello servono i blog, si interpretano secondo le proprie vite! ciao Yin! buone comunque le fave! :)

    RispondiElimina
  15. Pet, ma il tuo paese è uno di quelli che iniziano per Biii e finiscono con ttttto?

    RispondiElimina
  16. No, caro! ma che importa? è uno che girandoci intorno ti renderesti conto che è uguale a tanti altri: molte potenzialità, tanta incapacità! ;)

    RispondiElimina
  17. Bè...evviva le contOrsioni....faVe...uUAUAUAUAUA...siamo in caduta libera ormai.
    "RApporti incestuosi con la propria onestà" brillante figura O__o°.


    Buona serata iO e Alice

    RispondiElimina
  18. Temi lo stalking? :D
    Non devi preoccuparti, sono a millemila chilometri dalla puglia ormai (purtroppo)

    Eh si, la puglia è vittima di incuria e disorganizzazione, ma credo si tratti di un coma indotto. Fa troppo comodo mantenere gli attuali squilibri. E soprattutto il flusso di capitali e risorse umane verso il nord

    RispondiElimina
  19. Vieni a ballare in Puglia Puglia Puglia, tremulo come una foglia foglia foglia... O buono come una fava che dir si voglia.

    RispondiElimina
  20. @ Alice and…: le contorsioni sono il mio hobby! le fave da raccogliere e da cucinare il mio secondo lavoro! :)

    RispondiElimina
  21. @ Alekermit: stalking a chi? Come dice Boccalarga vieni pure a ballare in Puglia! Ti dò il braccio e giriamo in tarantella! :P io son del parere che questo coma lo abbiano indotto da posizioni più alte, ma coloro che dovrebbero avere a cuore i problemi della propria gente, e ci vivono a contatto, continuano imperterriti a dimorare comodi in quel letto, comodi anche se inattivi, anzi comodi perché inattivi, atrofizzati da secoli, forse non sanno più come si fa ad alzarsi ed AGIRE… la sanità è un vero problema, per noi, per altri è uno scrigno colmo di gioielli!

    RispondiElimina
  22. @ Boccalarga: tu, rospetto con la caparezza, bellissimo! :PPPP

    RispondiElimina
  23. il passaggio sul futuro dei figli mi ha messo un po' i brividi.

    Niente doppi-tripli-quadrupli sensi, non mi hanno fatto apprezzare le fave, in qualche modo devo rimediare

    RispondiElimina
  24. QUELLO mette i brividi anche a me! Che ne sai… diventano mostri e faresti bene a farli fuori prima! :OOOO
    Non ho capito… ci puoi mettere tutti i sensi che vuoi, e uno nello specifico per apprezzare e rimediare con le fave! :))))

    RispondiElimina