lunedì 2 agosto 2010

il pesce salvo


Non che me ne importi tanto, ma proverò a spiegare cosa c'è che non va nel pesce d'allevamento. Non ho dubbi che questo sia probabilmente l'unico modo che avrei per mangiarne in periodi dell'anno proibitivi per esempio. Una volta ho comprato al porto di un paesino a 25 km da casa mia. Nel cartoccio il buon Tuccio mi ha messo un cefalotto, tre triglie e un dentice che ancora mi strizzava l'occhietto vivo mentre lo squamavo e lo pulivo delle interiora. In poco tempo, tra schizzi e piaghe alle mani, si è riempito il cucinotto di fatica, di sudore e di esclamazioni in dialetto, improperi al ragazzino che non tira sù, soddisfazione per il pescato… non vi dico il profumo, ché dovreste provare ad immaginare, mescolate in pochi secondi al pomodoro, prezzemolo e aglio le tre triglie eleganti signorine a spasso, cotto al forno con due fettine di limone, rosmarino, sale e pepe, il cefalo mi saluta contento… e il dentice con olive, aglio, olio e aceto? Una delizia. Toh, ho dimenticato le spiegazioni sul perché preferisca il mare (o il fiume, o il lago) all'acqua degli allevamenti. Non sono io che devo… chiedete a lui.

Ho tirato su piano e alla fine, estenuato dalla sua stessa resistenza, il pesce si è lasciato andare alla fatalità. È solo questa la ragione per cui si muore. "Stia attento, quando lo tira fuori, ha una dentatura da luccio..."
Ma non ero in grado di tirarlo fuori. "Dia qua."
Due secondi dopo il lucioperca aveva abbandonato il suo elemento naturale. Rabdomant l'ha staccato con un sorriso da buongustaio.
"Carino il ragazzo, eh?".
E l'ha ributtato in acqua.
Il lucioperca, che tra le sue dita era come morto, è esploso di vita a contatto della Senna.
"Solo per fargli sapere che Dio esiste," ha spiegato Rabdomant, "e che non bisogna abboccare al suo amo."
Ho indicato le lasche, i ghiozzi, i pagelli, tutti i bianchetti del nostro cesto, i due persici e il pesce gatto e ho domandato:
"Perché lui sì e loro no?"
"È proprio il genere di interrogativo che Dio non si pone."

12 commenti:

  1. Almeno il pesce gatto potevi salvarlo!

    La domanda che Dio non si pone, ce la facciamo noi, e le occasioni per farcela non mancano.
    Vicine e lontane: perché milioni di persone sì, e altrettanti milioni no?
    Forse è il troppo affollamento che impedisce a Dio di farsi domande in merito.
    O magari si è fermato a Caino e Abele: erano solo due, Abele gli stava sulle palle perché troppo bello e troppo buono (quasi come lui), quindi la scelta è stata semplice.
    Poi le cose sono precipitate: che fosse amore o che fosse un calesse, la terra si è riempita oltre le previsioni.
    Da qui la decisione: scegliete da soli chi sì e chi no, e non scassatemi più!

    RispondiElimina
  2. Solo per fargli sapere che Dio esiste," ha spiegato Rabdomant, "e che non bisogna abboccare al suo amo."

    RispondiElimina
  3. Per me è salvo! è d'acqua dolce… non sempre allevato! È il signor Malaussène che lo condanna! Povero, l'ha imbrogliato per bene, gli ha fatto pensare che fosse salvo e poi l'ha 'lascato'! Proprio come il libro che mi lasciò a bocca asciutta, senza Chablis e troppo tirata e mollata con quel benedetto filo… mah! sì dai, decidiamo da soli!

    RispondiElimina
  4. @ Andrea: ;) lui tira tira e io giro attorno al masso! :)

    RispondiElimina
  5. ;) e non in boccia d'acquario!

    RispondiElimina
  6. eh si almeno il pesce gatto...
    un saluto

    RispondiElimina
  7. Privilegiato sto lucioperca, da noi li chiamano i figli della gallina bianca, da loro come li chiameranno?

    I figli della trota salmonata rossa?

    :)

    Genialoide voglio vedere il logo di Capezzone! dov'è??????????? :D

    RispondiElimina
  8. @ Ernest: ok, riscrivo per conto di Malaussène! :)

    RispondiElimina
  9. @ Boccalarga: riscrivo e ci metto anche il Capezza! è un po' volgaruccio; è una fusione tra testa di m… e testa sua reale che tra l'altro non ha nulla di differente! :)

    RispondiElimina
  10. Ci garbi un tot. Vediamo miti a noi cari, da Tsunetomo a Lynch. Che volere di più? Una piattaforma della BP in Lucania? Ci accontentiamo di Petrolio pugliese e ti aggiungiamo.
    Baci
    Yin e Yang

    RispondiElimina
  11. L'ispiratore di uno dei miei autori preferiti Yukio Mishima! :) Mi dispiace che il significato del mio nick abbia a volte accezione negativa, l'ho scelto per associazione alla meraviglia pasoliniana. A breve una spiegazione in post di questa decisione. Potrei dire, per fantasia e speranza, che il mio oro nero è poco inquinante! ;) Baci e arrivedervi!

    RispondiElimina