venerdì 6 agosto 2010

il cuore ad est

Troppo distante. Mi ci vorrebbe un viaggio oltre quest'universo per ritrovarlo. Mi ha ingannata non c'è alcun dubbio, m'ha detto piano che sarebbe tornato e invece vuoto… svuoto gli armadi, metto a parte i feticismi raccolti negli archivi e li sposto, deciderò in seguito se buttarli o meno. Ma già so, lo farò. Non sono adatta alle collezioni, troppa cura e troppo ordine che non m'appartengono. Sto solo ritardando rinviando riposando le mani stanche e gli occhi pieni di te delle promesse ossessive e degli appuntamenti monotoni… in mente un film, sulla tua spalla la mia tempia, in una sala buia, proprio come lei e lui e l'amore impossibile. Sfuocato ho detto all'uscita… e tu cosa? morbido elegante delicatamente pungente. M'è rimasta quella puntura che non stillava sangue e che ha sgorgato acqua anni dopo. Il buon senso e la ragione […] non m'hanno più spinta alla pietra e alla fotografia, ma fuori campo una voce al telefono mi ripete sempre a presto. Dietro quella porta, inutile bussare, inutile lasciarla aperta, tutta la carnalità del nostro amore incorporeo e sospeso. Il ricordo è qualcosa che può vedere ma che non può toccare.



I nostri anni gloriosi son passati come fiore

20 commenti:

  1. l'importante è non lasciare polline d'avanzo.

    RispondiElimina
  2. Chettriste :(
    L'ultima frase riassume tutto.

    RispondiElimina
  3. sulla gazzetta affari cercocasa e bussola del cuore ..

    RispondiElimina
  4. @ Juliet: sì lo è stata molto! :(

    RispondiElimina
  5. @ Dani: ti metto in contatto! ;)

    RispondiElimina
  6. quanti metri quadri è? ;-)

    RispondiElimina
  7. Pochetti… ma la vista alba sul mare merita!

    RispondiElimina
  8. Tropè che tristezza però... Mi sento come Deprex, il depresso cronico... Mi piace nella frase finale il fatto che il ricordo sia artefice e non arteficio.

    RispondiElimina
  9. ma no, dai! un po' ogni tanto… bisogna assumerne! :P e poi, scusa ma a me i lieti fini non piacciono! :/
    giusto… il ricordo, perché questo dev'essere, fuoco da falò! :)

    RispondiElimina
  10. forse il migliore wong kar wai, musica languida, lei una donna di bellezza smisurata, tu sei una bravissima scrittrice impressionista, sempre più brava.
    totale: tutto molto bello. :)

    RispondiElimina
  11. un film che ha sortito l'effetto desiderato: ammansire e placare. Anche se a prima vista mi sembrò un dolore immenso, che non avrei mai digerito… Pungeva, se mi guardo il palmo della mano, vedo il segno, e quello lo posso toccare. ;)

    RispondiElimina
  12. io sono rimasto ancora nella fase del dolore immenso! Forse devo crescere ancora un pò per accettare la condizione del tempo. :(

    RispondiElimina
  13. C'è il tempo per tutto… a volte non è galantuomo come dovrebbe, ma non si sa mai… :/

    RispondiElimina
  14. che gran belle parole..complimenti cm sempre..un bacio

    RispondiElimina
  15. Alla prossima avventura,come le opere di sabbia se ne possono comporre all'infinito,ah,l'amour,rimane molte volte un attimo fuggente.

    Ciao

    RispondiElimina
  16. Il cuore iconograficamente è sede di troppe cose....chissà che cosa costudisce in realtà. La calotta ci affascina di più, vuoi per il colore, vuoi per la consistenza....brodaglie di emozioni e colabrodi umani.

    Sempre notevoli spunti i tuoi post, complimenti.

    iO e Alice buona giornata

    RispondiElimina
  17. @ Ivo&… : l'attimo che potrebbe esser anche una vita… :/

    RispondiElimina
  18. @ Alice&…: non so, forse tutta me, odio, rancore e amore tra i più folli… ma anche tanta libertà, la libertà di sbagliare, errare…

    RispondiElimina