lunedì 23 agosto 2010

gransasso


L'ho visto. Nero, nudo, macabro, bollato, cresta e tatuaggi. Un istrione scatenato e disperato. Magnetico e colossale attore, non si può che restare attoniti davanti alla sua testarda potenza, drammatica e comica allo stesso tempo. Rimane immobile appoggiato all'asta e si pensa, sgomenti, che sia imbalsamato, si viene assaliti dal dubbio, improvviso, che sia abbandonato nella sua eco. Lo prendo al volo, m'accorgo che ho solo quello di andata… sola andata. Mi sento spinta fuori, respinta e sospinta, istintivamente mi aggrappo più forte, non riuscirai a rubarmi il posto, me lo son meritato, astemio ripugnante, guida estraniante, l'unica che non vorrebbe condividere conoscenza e bellezza, ma io son ormai intrappolata, catturata e in prima fila, traghettata verso l'omaggio sudato e faticosamente guadagnato, distaccata da tutti, cruda e pazza, pericolosamente in bilico sul cambio, ruotata a trecentosessantagradi, trascinata nel gorgo di disperazione distruttivo, senza difesa, ché non la vorrei… son curve smussate quelle che ci conducono in cima, ci rallenta il pesante vento, linee bianche nello scuro presagio, emergono e si stagliano, sprofondano e spariscono. Terribile, lento, estremo, vertigine senza sosta, nevrotica entro, cupo, desolata, macabra… mi duole la carica di fastidiose e ruvide punture, di interventi angoscianti, brulicano intorno a me, invadenti e distruttori di equilibrio. Gocce incessanti che intaccano, corrodono, fiaccano, si rincorrono, si sovrappongono, accrescono, implacabili, distruggono… vibro, tremo, scivolo, distorta e fustigata dai fastidiosi bianchi e appuntiti acuti, tappeto insostenibile che sussulta al mio passaggio e scuote la coscienza, lasciando piaghe aperte… per sempre.

8 commenti:

  1. Che bella impersonificazione :)

    RispondiElimina
  2. oramai sono sua prigioniera… che nessuno s'azzardi a venirmi a salvare! :))))

    RispondiElimina
  3. grazie da parte di Ian Curtis

    RispondiElimina
  4. Immagini evocative, che emozionano.

    RispondiElimina
  5. @ Dick: io che dovrei dire a Ian Curtis, fustigatore ed esaltatore delle mie riflessioni? Cupo ed elevato come le cime… :)

    RispondiElimina
  6. @ VD: in uno scenario così… l'emozione abbraccia e stritola! ;)

    RispondiElimina
  7. Allora mi hai visto? ...potevi dirmelo.

    RispondiElimina
  8. :)))))) vero sembrava un alligatore in pausa il mio adorato Gran Sasso! Tornerò a trovarti, vedi di mangiare prima però non vorrei finire (capitombolare) nelle tue fauci! ;)

    RispondiElimina