venerdì 10 settembre 2010

collimazione



Fondamentale. Periodica. Essenziale. Perfetta. Punta e guarda… è sfuocata? Analizza con calma la figura del disco di Airy, verifica, nota la presenza di tanti e intensi anelli esterni. Accidenti a quel demente e poco professionale di un prof, gli ha consegnato uno strumento inutilizzabile, gli toccherà ritararlo! Dopo una buona mezzora è pronto. Qualcosa al centro ha già intuito, ora gli basta dare un'ulteriore occhiata e potrà urlarlo al mondo! In maniera violenta avrà la sua rivalsa, la sua rinascita. Due mesi fa, una scoperta lo ha scosso; un quadro chiaro, una battaglia in corso, l'equilibrio rotto e il percorso è iniziato: potenti onde d'urto hanno innescato una drammatica esplosione ed hanno eccitato il gas che lo componeva. Aria solo aria, radiazioni, molecole, il tutto tenuto insieme da collisioni continue a ritmo instancabile, rilevabile con buona frequenza, anzi elevatissima! La ricerca è avviata, si è analizzato tutto ciò che aveva a che fare con l'interazione tra galassie lontane, protogalassie, aggregazioni e formazioni vorticose di neonate, bellissime nebulose sparse. Nubi e scie. Nane brune dal bellissimo corpo celeste, ora sì che può fotografarle, può ammirarle in tutto il loro splendore e la loro altissima temperatura, non comune che dà vita e turbolenza e incontrollate reazioni a catena. È una meraviglia di cui si sa appena appena qualcosa. Ma lui, sì, lui le ha osservate, ne ha festeggiato tutti i compleanni, spegnendo i brillanti ammassi e stappando una bottiglia ad ogni formazione scoperta. Ma a questa potrebbe non reggere. Troppa è l'emozione. Si precipita giù dallo sgabello lassù e, imprecando, e commuovendosi, corre fuori. A riveder le stelle…

12 commenti:

  1. Io, per tanti anni stupidamente internet-resistente (nel senso di refrattario) non avevo mai incontrato, come adesso grazie alla galassia dei blog, così tante stelle che in qualche misterioso modo collimano con quella che pulsa nel mio cuore/anima. Una di loro, lo intuisco, sei tu.
    Grazie di esserci, e di brillare.

    RispondiElimina
  2. Oh, Zio, condivido le tue sensazioni! mai come in questo tempo son contenta di tutte queste scoperte, alcune più turbolente altre più magnificamente pacifiche e pacificanti. Una buona serata! sotto le mie nubi in Puglia ce ne son tante! :)))

    RispondiElimina
  3. E' l'inizio di un idillio d'amore. Aspettiamo con ansia di venire a commentare il blog di Nipote Petrolio, un ragazzino che scriverà meglio di voi due messi insieme... Cosa alquanto difficile, ma non impossibile da immaginare!

    RispondiElimina
  4. pensavo petrolia che è un peccato che non fumo più le canne, leggere i tuoi post fumandone una sarebbe un must! XD

    RispondiElimina
  5. Le nane brune dal corpo celeste sono le Puffe.

    RispondiElimina
  6. @ Boccalarga: ma insomma, non si può conservare un idillio in santa pace? :))))) dalla deflagrazione è nata la galassia Bocca-larga che salta di buco nero in buco nero! :)))) :P

    RispondiElimina
  7. @ Dark0: le fumo, ma non hanno l'effetto voluto! :) chissà…

    RispondiElimina
  8. @ Lorenzo: morbide e comode! spero che non faccia gli stessi capitomboli di Fracchia… :)

    RispondiElimina
  9. Come al solito le parole dello Zio dicono tutto!

    RispondiElimina
  10. Tratto da "Vita et Opere del ganzo di Margherita Hack", giusto? Questo è un frammento di quando lui è costretto a uscire dall'osservatorio, perchè quella sera avevano mangiato una teglia di cavoli e fagioli giusto? Quando sono costretti a uscire nel prato per colpa di quelle che Maggie chiama "nane brune"...

    RispondiElimina
  11. @ Ernest: lo Zio ha sempre ragione! ;)

    RispondiElimina
  12. @ YIn-Yang: XXX:D ne sta uscendo un ritratto poco poetico! ahahahhahaha! dissacranti che non siete altro! ;)

    RispondiElimina