domenica 5 settembre 2010

bracco (7)

Zona. Protagonista assoluta. Chi sei? Non ti conosco. Lascia perdere, niente nomi. Non servono. Guarda piuttosto la strada. Impossibile sfuggire alla logica del tranello, tutta puntellata, minata e piena di trabocchetti… mortali. Se non hai qualcuno che ti faccia da interprete non puoi assolutamente uscirne vivo. Intrico stretto e soffocante. Si muove tutto, cambia tutto, si trasforma tutto. Niente è uguale a ieri. Inverosimile. Surreale. Vero. Un capriccio e uno scontento, collegato intimamente con i nostri stati d'animo. Quel che devi fare è guardare dentro quella scatola, cristallizzata e intrinseca c'è tutta la tua vita, l'infelicità e la mancanza di speranza verranno fuori. Come faccio a vederla se non c'è? La senti mentre vai, se a un certo punto non avverti più la fatica e il gesto, riposati, siediti e immergiti. Il mistero ti aspetta. Se saprai raggiungerlo. Giusto era il segno: chi l'ha ravvisato non può fallire nel ritrovarti. Non c'è ritorno. È impossibile. Non si torna indietro per la strada fatta all'andata. Ci sarà una stanza nel cuore, luogo dove si realizzano i desideri. Un sole di sesso femminile, una presenza che possa dare la residua salvezza. Sembrerà inafferrabile, continua e infinita, mai conclusa: la purga dura da sempre… l'attesa è lunga il mio sogno di te non è finito. Guarda, conosci, abbi pazienza. Imbastirai il tuo cammino come un lungo discorso, cancellerai quelle apparizioni mostruose e raggelanti, dipingerai il quadro con i colori dell'incanto, accetterai quel grande regalo che ti è stato concesso di assaporare: il dolore della scoperta del proprio io. God's must deep decree bitter would have me taste: my taste was me. (Gerald Manley Hopkins, 1844-1889)

o sarabanda



che si avverino i loro desideri che possano crederci,
e che possano ridere delle loro passioni!
Infatti, ciò che chiamiamo passione in realtà non è energia spirituale,
ma solo l'attrito tra l'animo e il mondo esterno.
E soprattutto, che possano credere in se stessi,
e che diventino indifesi come bambini:
perché la debolezza è potenza,
e la forza è niente.
Quando l'uomo nasce è debole e duttile,
quando muore è forte e rigido.
Così come l'albero, mentre cresce, è tenero e flessibile,
e quando è duro e secco, muore.
Rigidità e forza sono compagni della morte;
debolezza e flessibilità esprimono la freschezza dell'esistenza.
Ciò che si è irrigidito non vincerà.
(Arsenij Tarkovskij)

14 commenti:

  1. Il proprio io ...potrebbe essere uno shock, scoprire il proprio io

    RispondiElimina
  2. Mi hai ricordato Pic-Nic sul ciglio della strada dei fratelli Strugatzki, da cui proprio Andrei Tarkovskij, proprio il figlio di Arsenij che tu citi, trasse il film Stalker.
    E io non credo nel caso.

    RispondiElimina
  3. @ ReAnto: senz'alcun dubbio! ci si è braccati finché non ci si è scoperti! Per alcuni sarà letale!

    RispondiElimina
  4. @ Il grande Marziano: assoluto e senza casualità! Con questa serie sto tracciando la situazione 'tragica' del mio paese: zona nella quale addentrarsi con coraggio e anche della quale aver paura folle!

    RispondiElimina
  5. dire che io credevo che fosse la scena di Muholland Drive, quando alla Watts viene consegnata la scatolina magica.
    Yang

    RispondiElimina
  6. XXXXD significa quel che volete...

    RispondiElimina
  7. un sole di sesso femminile per non aspettare il tramonto ...

    RispondiElimina
  8. Se scopro il mio io farà i conti con me...

    RispondiElimina
  9. @ Giardi: terreno fertile ed elastico per far crescere il pensiero 'positivo'!

    RispondiElimina
  10. @ Ernest: oh, no. Basta mandarlo in acqua, lì si rifarà e si rigenererà! :)

    RispondiElimina
  11. La potenza è nulla CON il controllo.

    RispondiElimina
  12. dev'esserci quell'uomo o quella donna capaci di far il bene guardando al mistero e alla bellezza del bene in sé, qualcuno che abbia finalmente il coraggio e la paura di guardare in quella scatola e di tirarlo fuori per noi e 'anche' per lui/lei!

    RispondiElimina
  13. La scatola è nera!
    E il nero stringe, stringe legami di assoluta perfezione con le nostre misteriose speranze.
    Qualcuno aprirà quella scatola ma nessuno saprà mai cosa c'è dentro.
    La perfezione (e la potenza) divina è tutto ciò.

    RispondiElimina
  14. E pensare che c'è chi pensa di possederla e di poterla aprire quando vuole! Per costoro spero che nell'aprirla venga fuori un mostruoso punto interrogativo… ;)

    RispondiElimina